10/04/2012, 00.00
INDIA – ITALIA

Avvocato del Kerala: “prova inconfutabile” la perizia balistica sulle armi dei marò

Secondo i rapporto del Forensic Sciences Laboratory di Trivandrum, i proiettili estratti dai corpi dei due pescatori indiani corrispondono a due fucili Beretta trovati a bordo della Enrica Lexie. Vincent Panikulangara, dell’Alta corte del Kerala: “Necessario aspettare anche la sentenza sulla giurisdizione”.

Kochi (AsiaNews) - "Il rapporto del Forensic Sciences Laboratory è una prova inconfutabile". Così Vincent Panikulangara, avvocato dell'Alta corte del Kerala, commenta ad AsiaNews i risultati della perizia balistica condotta sulle armi sequestrate dalla Enrica Lexie, secondo cui i pescatori indiani sono stati uccisi da due fucili Beretta ARX 160. Presentata questa mattina al magistrato di Kollam, la relazione sembra inchiodare in modo definitivo i due marò italiani Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, unici indagati fino a oggi per la morte di Jelestein e Ajesh Binki, avvenuta il 15 febbraio scorso. I risultati della perizia erano attesi dal 25 febbraio, quando una squadra di esperti indiani e italiani hanno condotto insieme gli esami.

"Dopo aver esaminato i proiettili estratti dai corpi dei due pescatori - affermano i tecnici nel rapporto - possiamo confermare che si tratta di quei due fucili. Non sono stati usati armi da cecchino. Non abbiamo rilevato alcuna manomissione del materiale sequestrato". Delle 15 armi e 10mila proiettili a bordo della petroliera, la polizia aveva sequestrato sei fucili Beretta e due mitragliatrici Minimi di fabbricazione belga.

Secondo l'avvocato, il rapporto "non cambia lo scenario attuale, ma anzi conferma l'ipotesi sostenuta fino a oggi". Dall'inizio della vicenda infatti, i due fucilieri del Battaglione San Marco sono stati gli unici accusati della morte dei due pescatori indiani. La difesa italiana ha sempre definito l'accaduto "un tragico incidente", sostenendo la tesi secondo cui i militari avrebbero scambiato il peschereccio indiano per pirati somali.

Tuttavia, aggiunge Panikulangara, "dobbiamo ancora aspettare la sentenza sulla giurisdizione. I dettagli su quest'altro aspetto della vicenda devono ancora essere stabiliti con certezza". (GM)

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Caso-Marò, il cappellano militare: Impariamo dalla carità dei pescatori indiani
12/07/2012
Parroco di Quilon: I marò italiani sono bravi ragazzi
11/07/2012
Kerala: le famiglie dei pescatori ritirano le accuse contro i marò italiani
25/04/2012
Kerala, confermata fino al 5 marzo la custodia per i marò italiani
01/03/2012
Massima collaborazione tra India e Italia. Attesi i risultati delle prove balistiche
27/02/2012