20/04/2012, 00.00
BAHRAIN
Invia ad un amico

Bahrain, il governo aumenta le misure di sicurezza in vista del Gran premio

La Fia non si è ancora espressa sulla disputa della gara. L'opposizione annuncia manifestazioni per tutti i tre giorni del Gran premio. Nella capitale continuano le proteste. Piloti invitati a stare negli hotel.

Manama (AsiaNews/ Agenzie) -  Il governo del Bahrain aumenta le misure di sicurezza in vista del Gran premio di Formula 1 del 22 aprile. Oggi dovrebbero iniziare le prove libere, ma la Fia (Federazione internazionale dell'automobile) non si è ancora espressa.  Da ieri, polizia ed esercito stanno bloccando la popolazione nei villaggi per impedirle di aderire alle proteste e in questi giorni ha arrestato 95 manifestanti. Nella capitale è vietato qualsiasi assembramento di persone.  Le autorità hanno anche negato il visto di ingresso  a giornalisti e fotografi stranieri. I cameraman già giunti nel regno sono stati obbligati ad apporre sulle telecamere un adesivo fluorescente che li rende riconoscibili da lontano e saranno tenuti sotto  stretta sorveglianza. Ciò per evitare che vengano filmate eventuali proteste nei pressi del circuito.

I leader dell'opposizione sciita annunciano manifestazioni per i prossimi tre giorni e vogliono utilizzare la gara automobilistica per attirare l'attenzione del mondo sulle violazioni dei diritti umani compiute dal regime sunnita. Essi chiedono la liberazione dei 14 attivisti arrestati durante le proteste del 2011 e denunciano l'uccisione di oltre 70 persone in un anno di manifestazioni. .

Per prudenza la Fia  ha chiesto ai piloti di restare negli alberghi. Ieri una bomba molotov ha colpito di striscio un auto con a bordo alcuni meccanici del team Force India, rimasti bloccati da una manifestazione nel centro di Manama.  I piloti però minimizzano e affermano di voler concentrarsi sulla gara. Sebastian Vettel, campione del mondo in carica, afferma: "non ho visto nessuno gettare bombe. Non credo che il clima sia come è descritto dai media. Penso che si stia alzando solo un vespaio".

Il Bahrain è un Paese a maggioranza sciita, ma governato da una famiglia reale sunnita alleata dell'Arabia Saudita. Da oltre un anno la popolazione chiede riforme costituzionali e l'allontanamento del premier, lo sceicco  Khalifah ibn Salman al-Khalifah, al potere dal 1971. Nel marzo 2011 l'opposizione sciita ha organizzato una sollevazione popolare, sull'onda della "primavera araba". Per reprimere le manifestazioni il governo ha chiesto aiuto all'alleato saudita, che è intervenuto inviando le forze speciali autorizzate a sparare sui dimostranti. Negli scontri sono morte 24 persone, tra cui 4 poliziotti. Il clima di tensione aveva costretto la Fia ad annullare la gara, che porta nelle casse dello Stato dai 400 ai 500 milioni di dollari americani.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Manama, dopo 4 anni di carcere torna libero l’attivista Nabeel Rajab
10/06/2020 08:55
Bahrain, resta in cella l’attivista Nabeel Rajab. Le autorità vogliono la condanna
06/09/2016 08:59
Bahrain: i giudici dissolvono il movimento di opposizione sciita Wefaq e sequestrano i beni
18/07/2016 08:58
Manama: perquisiti uffici e appartamenti dell’ayatollah Isa Qassim, resta alta la tensione
22/06/2016 11:09
Pasdaran contro il Bahrain: la revoca della cittadinanza al leader sciita infiamma la regione
21/06/2016 11:42