28 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/06/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Bambini in Pakistan: divisi fra scuola e lavoro, nell’indifferenza dei politici

    Joseph Laldin

    AsiaNews racconta la storia di due fratellini musulmani: di giorno in classe, fra i libri; dal pomeriggio a sera per strada, a vedere giocattoli e piccoli oggetti. Critiche al governo e alla classe politica, che “non sono interessati” al benessere dei bambini di strada. Nonostante le difficoltà, desiderano studiare e costruire un futuro migliore.

    Lahore (AsiaNews) - Con la classe politica attuale "non possiamo nutrire alcuna speranza" per un futuro migliore; per questo "ci arrangiamo. I leader [di governo e delle istituzioni] non sono interessati al benessere dei bambini di strada". È quanto raccontano ad AsiaNews Muzafar Hussain e suo fratello Qaiser Mehmood, due fratelli musulmani di 14 e 12 anni, che nonostante le difficoltà e le rinunce di ogni giorno, non hanno smesso di sperare in un futuro migliore. Entrambi la mattina vanno a scuola poi, invece di dedicarsi ai compiti o al gioco, si "armano" di piccoli oggetti elettronici e giocattoli che vendono agli angoli delle vie e nelle piazze. "Perché nostro padre - aggiungono all'unisono - non riesce a sostenere da solo le spese della famiglia. Per questo dobbiamo sacrificare il tempo libero, per aiutare economicamente i nostri genitori". Una routine quotidiana fatta di sacrificio, di lavoro, di dedizione che si è ripetuta anche ieri, mentre la società "civile" celebrava la Giornata mondiale contro il lavoro minorile.

    Tema della decima edizione della giornata promossa dall'Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo), lo sfruttamento della manodopera minorile nel settore agricolo, dove circa il 70% degli occupanti nel mondo ha meno di 18 anni. Secondo l'associazione pakistana Sparc, impegnata nella tutela dei diritti dei bambini, nel Paese è prassi comune utilizzare il lavoro minorile in diversi settori, "dall'impiego leggero alle mansioni più pesanti e pericolose"; stime recenti, aggiungono gli attivisti, mostrano che "fra gli 11 e i 12 milioni di bambini, la metà dei quali al di sotto dei 10 anni, sono sfruttati per lavoro" in tutto il Pakistan.

    Hussain e Mehmood la mattina frequentano le classi nona e sesta in un istituto governativo di Lahore; messi da parte i libri, nel pomeriggio e fino alle 9 di sera si dedicano alla vendita in strada di giocattoli, palloncini e altri piccoli oggetti elettronici. A chi chiede loro cosa ne pensino della Giornata mondiale contro il lavoro minorile, rispondono: "Non sappiamo nemmeno cosa sia", aggiungendo di impegnarsi "perché i nostri fratelli più piccoli possano ricevere un'educazione normale".

    Mehmood, il più giovane dei due, non nasconde il desiderio di "giocare con i miei coetanei la sera", ma "non posso farlo perché mia madre ripete: 'abbiamo bisogno di soldi'". Il 12enne non ha "domande particolari" da formulare al governo o ai rappresentati delle istituzioni, ma spera ancora di poter "viaggiare in macchina, studiare in una scuola normale e trascorrere del tempo con gli amici". E, in futuro, si augura di poter diventare ingegnere e superare le difficoltà. Gli fa eco il 14enne Hussain, che vaga per la strada con un libro in una mano e gli oggetti da vendere nell'altra. "Alle volte le persone - racconta - mi fanno perdere la fiducia. Non mi lasciano nemmeno avvicinare alle loro auto, o ai loro bambini". Egli non nasconde di essere "ferito" da quello che definisce "odio" o disprezzo provato nei suoi confronti perché "povero e lavoratore"; e dice di provare "imbarazzo", a volte, quando qualche compagno di classe lo vede mentre lavora.

    All'improvviso arriva a bordo della propria bicicletta Shair Muhammad, il padre dei due fratellini, un piccolo commerciante di giocattoli, che tiene a bordo del piccolo veicolo a due ruote. "Cerco di educare i miei figli come meglio posso - racconta l'uomo ad AsiaNews - vorrei poter fornire loro la migliore istruzione, ma sono costretti al duro lavoro". Egli si dice orgoglioso dei due figli, per il loro contributo economico; tuttavia, non risparmia critiche all'esecutivo, per i "progressi insoddisfacenti e le misere politiche" a tutela dell'infanzia. "È colpa - conclude Shair Muhammad - del malgoverno e di una iniqua distribuzione delle risorse nella società".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/06/2012 PAKISTAN
    Per il futuro del Pakistan, basta con lo sfruttamento dei bambini
    È quanto chiede Sobia John, giovane attivista impegnata nella difesa dei più piccoli. Governo e società civile sono responsabili delle sofferenze dei minori. Gli esecutivi succeduti negli anni, accusa, non hanno promosso iniziative rivolte ai bambini. Garantire i diritti dei minori per formare “buoni cittadini” del domani.

    12/06/2014 PAKISTAN

    Faisalabad: attivisti cristiani e musulmani in piazza contro il lavoro minorile
    Oggi si celebra in tutto il mondo la Giornata contro lo sfruttamento dei bambini e la difesa al diritto allo studio. Appello al governo perché promuova iniziative a tutela dell’infanzia. Il lavoro minorile colpisce i bambini, la nazione e la sua economia. Fondamentale recuperare le piccole vittime e favorire il loro rientro a scuola.

    12/06/2009 PAKISTAN
    Pakistan, nel 2008 quasi 7mila casi di violenze ai danni dei minori
    Oggi si celebra la Giornata mondiale contro il lavoro minorile. A dispetto dei proclami governativi, le condizioni dei minori nel Paese restano difficili. Alla bassa scolarizzazione, alle violenze e alla mancanza di strutture sanitarie si aggiunge la piaga dei bambini soldato.

    02/07/2004 pakistan
    Nell'Anno della tutela del bambino aumenta il lavoro minorile


    09/09/2004 asia
    Analfabetismo e lavoro infantile, piaghe sociali del continente
    Un quinto del PIL indiano deriva dal lavoro agricolo di minori sfruttati



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®