31 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/06/2012
PAKISTAN
Bambini in Pakistan: divisi fra scuola e lavoro, nell’indifferenza dei politici
di Joseph Laldin
AsiaNews racconta la storia di due fratellini musulmani: di giorno in classe, fra i libri; dal pomeriggio a sera per strada, a vedere giocattoli e piccoli oggetti. Critiche al governo e alla classe politica, che “non sono interessati” al benessere dei bambini di strada. Nonostante le difficoltà, desiderano studiare e costruire un futuro migliore.

Lahore (AsiaNews) - Con la classe politica attuale "non possiamo nutrire alcuna speranza" per un futuro migliore; per questo "ci arrangiamo. I leader [di governo e delle istituzioni] non sono interessati al benessere dei bambini di strada". È quanto raccontano ad AsiaNews Muzafar Hussain e suo fratello Qaiser Mehmood, due fratelli musulmani di 14 e 12 anni, che nonostante le difficoltà e le rinunce di ogni giorno, non hanno smesso di sperare in un futuro migliore. Entrambi la mattina vanno a scuola poi, invece di dedicarsi ai compiti o al gioco, si "armano" di piccoli oggetti elettronici e giocattoli che vendono agli angoli delle vie e nelle piazze. "Perché nostro padre - aggiungono all'unisono - non riesce a sostenere da solo le spese della famiglia. Per questo dobbiamo sacrificare il tempo libero, per aiutare economicamente i nostri genitori". Una routine quotidiana fatta di sacrificio, di lavoro, di dedizione che si è ripetuta anche ieri, mentre la società "civile" celebrava la Giornata mondiale contro il lavoro minorile.

Tema della decima edizione della giornata promossa dall'Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo), lo sfruttamento della manodopera minorile nel settore agricolo, dove circa il 70% degli occupanti nel mondo ha meno di 18 anni. Secondo l'associazione pakistana Sparc, impegnata nella tutela dei diritti dei bambini, nel Paese è prassi comune utilizzare il lavoro minorile in diversi settori, "dall'impiego leggero alle mansioni più pesanti e pericolose"; stime recenti, aggiungono gli attivisti, mostrano che "fra gli 11 e i 12 milioni di bambini, la metà dei quali al di sotto dei 10 anni, sono sfruttati per lavoro" in tutto il Pakistan.

Hussain e Mehmood la mattina frequentano le classi nona e sesta in un istituto governativo di Lahore; messi da parte i libri, nel pomeriggio e fino alle 9 di sera si dedicano alla vendita in strada di giocattoli, palloncini e altri piccoli oggetti elettronici. A chi chiede loro cosa ne pensino della Giornata mondiale contro il lavoro minorile, rispondono: "Non sappiamo nemmeno cosa sia", aggiungendo di impegnarsi "perché i nostri fratelli più piccoli possano ricevere un'educazione normale".

Mehmood, il più giovane dei due, non nasconde il desiderio di "giocare con i miei coetanei la sera", ma "non posso farlo perché mia madre ripete: 'abbiamo bisogno di soldi'". Il 12enne non ha "domande particolari" da formulare al governo o ai rappresentati delle istituzioni, ma spera ancora di poter "viaggiare in macchina, studiare in una scuola normale e trascorrere del tempo con gli amici". E, in futuro, si augura di poter diventare ingegnere e superare le difficoltà. Gli fa eco il 14enne Hussain, che vaga per la strada con un libro in una mano e gli oggetti da vendere nell'altra. "Alle volte le persone - racconta - mi fanno perdere la fiducia. Non mi lasciano nemmeno avvicinare alle loro auto, o ai loro bambini". Egli non nasconde di essere "ferito" da quello che definisce "odio" o disprezzo provato nei suoi confronti perché "povero e lavoratore"; e dice di provare "imbarazzo", a volte, quando qualche compagno di classe lo vede mentre lavora.

All'improvviso arriva a bordo della propria bicicletta Shair Muhammad, il padre dei due fratellini, un piccolo commerciante di giocattoli, che tiene a bordo del piccolo veicolo a due ruote. "Cerco di educare i miei figli come meglio posso - racconta l'uomo ad AsiaNews - vorrei poter fornire loro la migliore istruzione, ma sono costretti al duro lavoro". Egli si dice orgoglioso dei due figli, per il loro contributo economico; tuttavia, non risparmia critiche all'esecutivo, per i "progressi insoddisfacenti e le misere politiche" a tutela dell'infanzia. "È colpa - conclude Shair Muhammad - del malgoverno e di una iniqua distribuzione delle risorse nella società".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/06/2012 PAKISTAN
Per il futuro del Pakistan, basta con lo sfruttamento dei bambini
di Joseph Laldin
12/06/2014 PAKISTAN

Faisalabad: attivisti cristiani e musulmani in piazza contro il lavoro minorile
di Shafique Khokhar
12/06/2009 PAKISTAN
Pakistan, nel 2008 quasi 7mila casi di violenze ai danni dei minori
di Qaiser Felix
02/07/2004 pakistan
Nell'Anno della tutela del bambino aumenta il lavoro minorile
09/09/2004 asia
Analfabetismo e lavoro infantile, piaghe sociali del continente

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate