01 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/11/2012, 00.00

    ISRAELE - PALESTINA

    Ban Ki-moon chiede una tregua. Bambini uccisi a Gaza "per errore"; feriti in Israele

    Joshua Lapide

    Un raid israeliano, che doveva uccidere il capo di Hamas, responsabile dei lanci di missili, ha ucciso nove persone, fra cui alcuni bambini: "un errore tecnico". Ieri quasi 150 missili sulle città israeliane hanno fatto due feriti gravi. Al Cairo si lavora per un cessate-il-fuoco, insieme a rappresentanti israeliani e palestinesi.

    Gerusalemme (AsiaNews) -  Il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon ha chiesto di nuovo un cessate-il-fuoco nella Striscia di Gaza, mentre crescono i morti fra i palestinesi e i feriti in Israele. Ban Ki-moon ha detto che egli si recherà presto al Cairo per favorire i dialoghi su una possibile tregua. Un raid questa mattina presto ha distrutto una stazione di polizia di Hamas. Ma ieri è stato il giorno più violento dell'operazione "Pilastro di difesa" lanciato da Israele per fermare i missili che da Gaza colpiscono le città del sud. Almeno nove persone sono state uccise a Gaza nella casa del poliziotto di Hamas, Mohammed Dalou. Fra essi vi sono molti bambini. La televisione palestinese ha ripreso immagini orribili mostrando i loro corpi bruciati.

    Hamas ha promesso vendetta per il massacro della famiglia Dalou. Il portavoce dell'esercito israeliano, Yoav Mordechai ha spiegato che l'obbiettivo del raid compiuto era Yehiya Rabiah, responsabile dei lanci di missili, ma purtroppo "vi sono state vittime civili". Secondo informazioni riportate da Haaretz, che cita voci dell'esercito, il radi ha colpito per "errore tecnico" una casa vicina.

    Secondo rappresentanti di Israele nei sei giorni di lotta, sono già morti 80 palestinesi e tre israeliani.

    L'esercito israeliano afferma che ieri da Gaza sono stati lanciati quasi 150 missili; 41 di essi sono stati intercettati dal sistema di difesa Iron Dome; altri hanno colpito alcune zone abitate. Ad Ashkalon due persone sono state ferite in modo grave; 10 con ferite superficiali. Un missile ha raggiunto anche Tel Aviv.

    Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato che i suoi uomini sono pronti ad un attacco di terra, dopo aver richiamato 75mila riservisti. Il presidente egiziano Mohammed Morsi ha messo in guardia da un'invasione di terra della Striscia, che potrebbe avere "serie ripercussioni". Morsi e il premier turco Recep Tayyip Erdogan stanno imbastendo un dialogo fra rappresentanti israeliani e palestinesi per giungere a una tregua. Rappresentanti dei due popoli sono al Cairo per verificare la possibilità di un cessate-il-fuoco.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/11/2012 ISRAELE - PALESTINA
    Tiene il cessate-il fuoco su Gaza: Israele e Hamas cantano vittoria
    L'accordo esige la fine delle violenze e degli attacchi da entrambe le parti e la riapertura dei passaggi fra Gaza, Egitto e Israele. Manifestazioni di esultanza nella Striscia. Israele contento per le garanzie di pace alle popolazioni del sud. Mohamed Morsi applaudito per il suo contributo diplomatico. L'importanza dei 500 tunnel fra Egitto e Gaza per il contrabbando di armi e di beni.

    21/11/2012 ISRAELE - PALESTINA
    Si cerca una tregua per Gaza, ma continuano i razzi e i raid aerei
    Ban Ki-moon, Hillary Clinton, Nabil al-Arabi, Mohamed Morsi sono impegnati in visite e dialoghi. Stanotte l'esercito israeliano ha colpito "100 sedi terroriste". Dalla Striscia sono stati sparati oltre 160 missili. Cresce il bilancio delle vittime: 130 palestinesi (fra cui 31 bambini); cinque israeliani. Più dell'80% degli israeliani appoggia l'operazione; ma vi sono giovani che rifiutano il servizio militare. Le difficili condizioni richieste per la tregua.

    16/11/2012 ISRAELE - PALESTINA
    Israele accetta una breve tregua su Gaza mentre ammassa truppe al confine
    In corso la visita del primo ministro egiziano. Israele ha accettato il cessate-il-fuoco fino a che i militanti di Hamas lo rispettano. Richiamati 30mila riservisti; camion e autobus pieni di militari si dirigono al confine con Gaza.

    21/11/2012 ISRAELE - PALESTINA
    Tel Aviv, bomba su un autobus, 21 feriti; Gaza raid aereo: 7 morti
    Fra i feriti, solo uno è grave. Fra i palestinesi uccisi oggi vi sono tre bambini. La polizia di Tel Aviv teme una nuova ondata terrorista. All’ottavo giorno dell’offensiva, Israele ha compiuto oltre 1500 raid, uccidendo 158 palestinesi. I militanti di Hamas hanno lanciato 1400 razzi in Israele, uccidendo quattro civili e un militare.

    21/11/2012 ISRAELE - PALESTINA
    Israele e Hamas firmano la tregua
    L'accordo è in vigore dalle 19.00 (ora locale). Ad annunciarlo è Mohammed Kamel Amr, ministro degli Esteri egiziano. Netanyahu telefona a Obama per confermare l'accettazione della tregua, ma avverte un'operazione ancora più dura in caso di nuovi lanci di razzi dalla Striscia di Gaza.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®