18 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/09/2016, 11.21

    THAILANDIA

    Bangkok, l’economia non riparte: cresce la rabbia contro gli immigrati



    Nell’ultimo mese la polizia ha arrestato centinaia di lavoratori illegali. Essi rischiano 5 anni di prigione o la deportazione. Capo della polizia: “I migranti dovrebbero fare i lavori che ai thai non piacciono, come pulire le case”. Quest’anno il Pil della Thailandia crescerà del 3%, ben lontano dal 7% degli anni ’90. Sono almeno 3 milioni i lavoratori stranieri nel Paese.

     

    Bangkok (AsiaNews/Agenzie) – La stagnazione dell’economia thai e l’alta disoccupazione fanno emergere un forte sentimento contrario ai lavoratori migranti dai Paesi limitrofi, accusati di “rubare il lavoro” ai cittadini thai. È la denuncia di diversi attivisti per i diritti umani, dopo che nelle ultime settimane il Dipartimento del lavoro thai ha ordinato una serie di rastrellamenti che hanno portato al fermo di centinaia di lavoratori illegali.

    Ieri la polizia ha fatto irruzione in un mercato di Bangkok arrestando 14 persone, la maggior parte delle quali provenienti dal Myanmar.

    Nathorn Phrosunthorn, capo del dipartimento di polizia per l’immigrazione, ha dichiarato: “Abbiamo ricevuto un gran numero di lamentele per lavoratori illegali nei mercati, inclusi vietnamiti o asiatici del sud che rubano il lavoro ai thai”. Essi, ha aggiunto, “dovrebbero fare le professioni che i cittadini thai non vogliono fare, come pulire le case”. Il capo della polizia ha poi assicurato che il giro di vite non deriva da una politica anti-immigratoria: “Abbiamo ancora bisogno di lavoro migrante. Vogliamo solo mantenere l’ordine”.

    Nel solo mese di settembre, i raid della polizia hanno colpito mercati, ristoranti, supermercati e centri commerciali. Almeno 153 migranti sono stati fermati: rischiano fino a cinque anni di prigione, una multa di 3mila bath (100 dollari) e la deportazione.

    Lo scorso giugno, Bangkok aveva lanciato una campagna simile poche ore dopo la visita della leader birmana Aung San Suu Kyi.

    Secondo l’Organizzazione internazionale per la migrazione, ci sono circa 3 milioni di lavoratori migranti in Thailandia, ma stime non ufficiali sono molto più alte. La maggior parte di essi proviene da Myanmar, Vietnam e Cambogia. Un memorandum di intesa del 2015 permette ai vietnamiti di trovare lavoro solo nel settore della pesca o delle costruzioni. Almeno 100mila rifugiati (compresa la minoranza musulmana dei Rohingya) vivono da anni in campi profughi lungo il confine fra Thailandia e Myanmar.

    Bangkok ha iniziato ad attirare lavoratori dai Paesi confinanti e dal delta del Mekong negli anni ’80 e ’90, quando il suo Pil cresceva del 7% all’anno. Ma a due anni dal colpo di Stato che ha portato al potere la giunta militare, l’economia thai stenta a ripartire. Nel 2014 la crescita si è assestata sullo 0,7%, per poi salire al 2,8% nel 2015 e al 3% quest’anno.

    Sunai Phasuk, attivista di Human Right Watch, afferma che “questo aumento nel sentimento anti-immigrati non si vedeva da decenni, e ha molto a che fare con le preoccupazioni economiche”. Sanit Choklamlert, un commerciante di Salom, distretto commerciale di Bangkok, dice: “Ci sono troppe persone dal Myanmar ora, che lottano per i nostri stessi lavori. Dobbiamo rispedirli indietro”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/02/2009 SINGAPORE
    Lavoratori migranti, prime vittime della recessione mondiale
    A Singapore 100 operai immigrati rinchiusi per tre mesi in una gabbia. Il datore di lavoro non voleva essere denunciato per il mancato pagamento degli stipendi arretrati. Nel 2009 saranno tagliati 51 milioni di posti di lavoro. Secondo i dati Ilo entro fine anno il livello di disoccupazione mondiale sarà del 7,1%.

    14/10/2010 THAILANDIA – MYANMAR
    Immigrati birmani: vittime di sfruttamento e abusi, per la crescita dell'economia thai
    Da oltre un mese 500 lavoratori protestano perché vittime di proteste e intimidazioni. Essi non ricevono lo stipendio e hanno subito la confisca dei documenti. Alla regolarizzazione, si aggiunge il problema legato all’educazione dei figli, spesso costretti a tornare nel Paese d’origine. L’opera della Chiesa cattolica con gli immigrati della provincia di Samut-Sakom.

    10/04/2008 THAILANDIA - MYANMAR
    Morti per asfissia in un container 54 clandestini birmani
    Il camion frigorifero, con 101 migranti illegali a bordo, li stava portando in Thailandia. L’autista, fuggito, non aveva azionato il sistema di condizionamento. Ogni anno in migliaia dal Myanmar rischiano la vita alla ricerca di lavoro.

    08/04/2015 CAMBOGIA - INDONESIA
    Molucche: anche 58 pescatori cambogiani fra le centinaia di migranti ridotti in schiavitù
    Erano rinchiusi in gabbie o nascosti nelle foreste dell’isolotto di Benjina. Ridotti in condizioni di schiavitù e costretti a lavorare per imbarcazioni battenti bandiera thai. L’area è un crocevia internazionale del lavoro forzato, soprattutto nel settore ittico. I lavoratori migranti erano oggetto di vessazioni e abusi.

    12/11/2008 THAILANDIA – MYANMAR
    Il card. Martino con la Chiesa thai nei campi profughi birmani lungo il confine
    La visita del porporato sottolinea l’attenzione della Chiesa per i rifugiati. Secondo i responsabili delle associazioni cattoliche non bisogna solo portare aiuti, ma vanno eliminate le cause che spingono i profughi a fuggire.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®