23/12/2013, 00.00
THAILANDIA
Invia ad un amico

Bangkok, l’opposizione vuole bloccare il voto del 2 febbraio

Si rafforza la campagna degli anti-governativi per impedire il ritorno a breve alle urne. Circondato lo stadio utilizzato dai parlamentari e dai partiti per presentare le candidature. La premier chiede il rispetto del “sistema democratico”. Una parte dei dimostranti vuole cancellare il principio “una testa, un voto”, per impedire una nuova vittoria della Shinawatra.

Bangkok (AsiaNews/Agenzie) - Si rafforzano le azioni di disturbo dell'opposizione thai verso la prossima tornata elettorale, con i manifestanti antigovernativi intenti a ostacolare le procedure di selezione dei prossimi candidati al Parlamento. Questa mattina le "Camicie gialle" hanno circondato lo stadio di Bangkok, dove sono in corso le operazioni di registrazione per il voto del prossimo 2 febbraio. Essi rilanciano a gran voce la richiesta di "riforme politiche" prima di tornare alle urne e restituire la parola ai cittadini. Nelle scorse settimane i leader della protesta, sostenuti dalle élite economiche e finanziarie della capitale, hanno respinto la proposta del voto a breve, invocando la formazione di un "consiglio del popolo" a cui è affidato il compito di sradicare l'influenza del "regime dei Thaksin" dal Paese. In realtà, l'obiettivo delle riforme è quello di fermare i successi elettorali della famiglia Shinawatra - prima Thaksin, ora la sorella Yingluck - che da almeno dieci anni vince grazie al consenso nelle aree urbane più povere e tra i contadini del nord.

A inizio mese tutti i parlamentari del Partito democratico (il principale schieramento di opposizione) si sono dimessi; alcuni di loro, tra cui l'ex premier Abhisit Vejjajiva, si sono uniti ai manifestanti. La leadership del partito non ha ancora comunicato se intende partecipare o meno al voto; tuttavia, è chiaro che un eventuale boicottaggio priverebbe di legittimità la tornata elettorale, alimentando instabilità e incertezza. Il Primo Ministro Yingluck Shinawatra invita ancora una volta i dimostranti al rispetto del "sistema democratico".

Per tutta la giornata di ieri almeno 150mila persone - per gli organizzatori molti di più, fino quasi a un milione - sono scese in strada per le vie della capitale, chiedendo a gran voce le dimissioni dell'esecutivo. Il capo della protesta Suthep Thaugsuban, figura di primo piano dei democratici ed ex vice-premier fino al 2011, ha confermato di non volere nuove elezioni, fino a che "il Paese non verrà riformato". Egli ha invitato i dimostranti a radunarsi all'esterno dello stadio, per bloccare di fatto le operazioni di registrazione dei prossimi candidati. "Se volete registrarvi - ha aggiunto - prima dovete passare sul nostro cadavere".

In risposta, i partiti che intendono tornare a votare hanno trasferito la macchina elettorale in una caserma della polizia, subito circondata all'esterno dai dimostranti. Le procedure dovrebbero concludersi entro il prossimo 27 dicembre. Nove partiti hanno potuto sinora registrarsi, ma in molti sono rimasti all'esterno e non hanno espletato le formalità previste dal codice.

Finora le proteste, che durano da diverse settimane, hanno avuto una connotazione in genere pacifica, sebbene non siano mancati momenti di tensione e scontri di piazza, che hanno causato la morte di quattro persone. I vertici militari, vera "eminenza grigia" del Paese, mantengono la linea della neutralità e auspicano il voto del 2 febbraio.  Secondo alcuni manifestanti, le riforme politiche dovrebbero prevedere fra gli altri la fine del principio "una testa un voto" e il cambiamento del modello rappresentativo; difatti, la grande popolarità del governo nelle zone rurali è garanzia di vittoria anche alle prossime elezioni.

Le manifestazioni degli anti-governativi - un mix di esponenti della classe media, monarchici e abitanti del sud - sono le più imponenti dal 2010, quando il regno è stato sconvolto da una serie di rivolte di piazza concluse con un bagno di sangue e la morte di 90 civili. Obiettivo delle sommossa le dimissioni del governo guidato dalla premier Yingluck Shinawatra, accusata di essere un "pupazzo" nelle mani del fratello Thaksin, multimiliardario ed ex Primo Ministro, in esilio per sfuggire a una condanna a due anni di carcere. In realtà, l'attuale governo è stato eletto nel 2011 in modo democratico e il 28 novembre ha superato in modo netto una mozione di sfiducia presentata dalle opposizioni in Parlamento (297 voti contro 134).

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Bangkok, il governo accelera per il voto. Violenze nella notte contro i manifestanti
15/01/2014
Migliaia di manifestanti bloccano Bangkok. Iniziata la “resa dei conti finale” col governo
13/01/2014
Bangkok: militari in campo per elezioni “giuste”, opposizione divisa su partecipazione al voto
16/12/2013
Sale la tensione a Bangkok, pronti alla piazza anche i manifestanti governativi
11/12/2013
Bangkok: sciolto il Parlamento, elezioni anticipate. Ma la protesta continua
09/12/2013