3 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/07/2012
THAILANDIA – MYANMAR
Bangkok, studenti musulmani in piazza contro le violenze sui rohingya
di Weena Kovidhavanij
In occasione della visita ufficiale del presidente birmano Thein Sein, alcuni studenti hanno manifestato contro il “massacro” ai danni della minoranza etnica nello Stato di Rakhine. Fonti dell’esercito thai spiegano che i rifugiati riceveranno “aiuti”, ma saranno poi allontanati verso Indonesia e Malaysia.

Bangkok (AsiaNews) - Questa mattina un gruppo di studenti musulmani thai ha inscenato una protesta pacifica di fronte alla sede del governo a Bangkok, mentre all'interno la premier Yingluck Shinawatra stava accogliendo con tutti gli onori il presidente birmano Thein Sein, impegnato in una tre giorni di visita ufficiale. Intanto fonti militari thai confermano che l'esercito si prepara a fornire acqua e cibo ai profughi musulmani rohingya in fuga dal Myanmar, dove sono tuttora oggetto di violenze e persecuzioni. Tuttavia, alti ufficiali chiariscono che Bangkok non è intenzionata ad accogliere i rifugiati, quanto piuttosto ad "aiutarli" con generi di prima necessità per poi allontanarli verso "altre destinazioni". Fra queste vi sono due nazioni dell'area a maggioranza islamica: Indonesia e Malaysia.

Ashar Sarimachi, giovane studente al quarto anno della facoltà di Scienze politiche alla Thammasat University e presidente della Confederazione studenti musulmani in Thailandia, in testa al capannello dei manifestanti, afferma che i rohingya sono "trattati come istigatori delle violenze", piuttosto che come "vittime". Egli denuncia che le cronache relative agli incidenti nello Stato birmano di Rakhine sono state "distorte" e "fuorvianti", perché hanno ribaltato la realtà dei fatti. Gli studenti presenti alla manifestazione (una dozzina in tutto), con cartelli e slogan fra cui "Fermate il massacro dei rohingya", hanno inoltre lanciato un appello al governo del Myanmar perché conceda una migliore assistenza alle vittime delle violenze e promuova politiche di tutela verso i gruppi di minoranza.

Intanto il colonnello Manat Kongpan, responsabile delle operazioni interne di sicurezza in Thailandia, conferma che i profughi rohingya in fuga dal Myanmar saranno aiutati con viveri e acqua, ma non verranno accolti dal governo di Bangkok. Al riguardo, l'esercito sta istruendo le popolazioni della costa - in particolare sulle isole Andamane sponda thai - perché avvisino le autorità competenti in caso di nuovi sbarchi. Secondo le previsioni, nei prossimi mesi si attende un vero e proprio esodo dai confini birmani, che interesserà anche donne e bambini in cerca di asilo in Indonesia o Malaysia, nazioni a maggioranza musulmana.

Per il professor Umara Pongsapit è "urgente" affrontare il problema dei rohingya, che vivono in condizioni disagiate, privati della cittadinanza in Myanmar e dei diritti umani di base. Serve un intervento, aggiunge, a livello nazionale e internazionale per attivare politiche atte a risolvere l'emergenza. Gli fa eco Prapasri Petchmeesri, delegato thai alla commissione intergovernativa Asean per i diritti umani, secondo cui il rifiuto di concedere la cittadinanza ai rohingya "viola i loro diritti umani di base".

Nei giorni scorsi gruppi per i diritti umani hanno accusato di nuovo le autorità del Myanmar e i buddisti, autori di violenze e violazioni contro i musulmani rohingya nello Stato occidentale di Rakhine. Nell'area vige ancora l'emergenza e un paio di settimane fa l'Onu ha denunciato l'arresto di alcuni operatori umanitari, fra cui membri delle stesse Nazioni Unite. All'origine dei violenti scontri interconfessionali, lo stupro e l'uccisione a fine maggio di Thida Htwe, giovane buddista Arakanese, poi vendicato dall'assalto a un bus carico di musulmani, con la morte di dieci persone che nulla avevano a che fare con l'omicidio delle violenze contro la ragazza. Da allora le violenze non si sono mai fermate e hanno innescato un nuovo esodo di massa dei rohingya verso le coste della Thailandia e del Bangladesh. Tuttavia i governi di Dhaka e Bangkok perseguono nella politica dei respingimenti.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/05/2015 THAILANDIA - MYANMAR
Thailandia, decine di Rohingya sepolti in fosse comuni: quattro arresti
di Weena Kowitwanij
15/01/2013 THAILANDIA – MYANMAR
Un migliaio di profughi Rohingya ospitati in un centro nel sud della Thailandia
di Weena Kowitwanij
10/09/2013 THAILANDIA – MYANMAR
Caritas Thai in aiuto dei Rohingya, musulmani birmani in fuga da violenze e persecuzioni
22/03/2013 MYANMAR
Meikhtila, sale a 20 morti il bilancio degli scontri fra buddisti e musulmani
21/03/2013 MYANMAR
Meikhtila: due morti, una moschea devastata negli scontri fra buddisti e musulmani

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate