22 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/07/2012
THAILANDIA – MYANMAR
Bangkok, studenti musulmani in piazza contro le violenze sui rohingya
di Weena Kovidhavanij
In occasione della visita ufficiale del presidente birmano Thein Sein, alcuni studenti hanno manifestato contro il “massacro” ai danni della minoranza etnica nello Stato di Rakhine. Fonti dell’esercito thai spiegano che i rifugiati riceveranno “aiuti”, ma saranno poi allontanati verso Indonesia e Malaysia.

Bangkok (AsiaNews) - Questa mattina un gruppo di studenti musulmani thai ha inscenato una protesta pacifica di fronte alla sede del governo a Bangkok, mentre all'interno la premier Yingluck Shinawatra stava accogliendo con tutti gli onori il presidente birmano Thein Sein, impegnato in una tre giorni di visita ufficiale. Intanto fonti militari thai confermano che l'esercito si prepara a fornire acqua e cibo ai profughi musulmani rohingya in fuga dal Myanmar, dove sono tuttora oggetto di violenze e persecuzioni. Tuttavia, alti ufficiali chiariscono che Bangkok non è intenzionata ad accogliere i rifugiati, quanto piuttosto ad "aiutarli" con generi di prima necessità per poi allontanarli verso "altre destinazioni". Fra queste vi sono due nazioni dell'area a maggioranza islamica: Indonesia e Malaysia.

Ashar Sarimachi, giovane studente al quarto anno della facoltà di Scienze politiche alla Thammasat University e presidente della Confederazione studenti musulmani in Thailandia, in testa al capannello dei manifestanti, afferma che i rohingya sono "trattati come istigatori delle violenze", piuttosto che come "vittime". Egli denuncia che le cronache relative agli incidenti nello Stato birmano di Rakhine sono state "distorte" e "fuorvianti", perché hanno ribaltato la realtà dei fatti. Gli studenti presenti alla manifestazione (una dozzina in tutto), con cartelli e slogan fra cui "Fermate il massacro dei rohingya", hanno inoltre lanciato un appello al governo del Myanmar perché conceda una migliore assistenza alle vittime delle violenze e promuova politiche di tutela verso i gruppi di minoranza.

Intanto il colonnello Manat Kongpan, responsabile delle operazioni interne di sicurezza in Thailandia, conferma che i profughi rohingya in fuga dal Myanmar saranno aiutati con viveri e acqua, ma non verranno accolti dal governo di Bangkok. Al riguardo, l'esercito sta istruendo le popolazioni della costa - in particolare sulle isole Andamane sponda thai - perché avvisino le autorità competenti in caso di nuovi sbarchi. Secondo le previsioni, nei prossimi mesi si attende un vero e proprio esodo dai confini birmani, che interesserà anche donne e bambini in cerca di asilo in Indonesia o Malaysia, nazioni a maggioranza musulmana.

Per il professor Umara Pongsapit è "urgente" affrontare il problema dei rohingya, che vivono in condizioni disagiate, privati della cittadinanza in Myanmar e dei diritti umani di base. Serve un intervento, aggiunge, a livello nazionale e internazionale per attivare politiche atte a risolvere l'emergenza. Gli fa eco Prapasri Petchmeesri, delegato thai alla commissione intergovernativa Asean per i diritti umani, secondo cui il rifiuto di concedere la cittadinanza ai rohingya "viola i loro diritti umani di base".

Nei giorni scorsi gruppi per i diritti umani hanno accusato di nuovo le autorità del Myanmar e i buddisti, autori di violenze e violazioni contro i musulmani rohingya nello Stato occidentale di Rakhine. Nell'area vige ancora l'emergenza e un paio di settimane fa l'Onu ha denunciato l'arresto di alcuni operatori umanitari, fra cui membri delle stesse Nazioni Unite. All'origine dei violenti scontri interconfessionali, lo stupro e l'uccisione a fine maggio di Thida Htwe, giovane buddista Arakanese, poi vendicato dall'assalto a un bus carico di musulmani, con la morte di dieci persone che nulla avevano a che fare con l'omicidio delle violenze contro la ragazza. Da allora le violenze non si sono mai fermate e hanno innescato un nuovo esodo di massa dei rohingya verso le coste della Thailandia e del Bangladesh. Tuttavia i governi di Dhaka e Bangkok perseguono nella politica dei respingimenti.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/01/2013 THAILANDIA – MYANMAR
Un migliaio di profughi Rohingya ospitati in un centro nel sud della Thailandia
di Weena Kowitwanij
10/09/2013 THAILANDIA – MYANMAR
Caritas Thai in aiuto dei Rohingya, musulmani birmani in fuga da violenze e persecuzioni
22/03/2013 MYANMAR
Meikhtila, sale a 20 morti il bilancio degli scontri fra buddisti e musulmani
21/03/2013 MYANMAR
Meikhtila: due morti, una moschea devastata negli scontri fra buddisti e musulmani
23/08/2012 MYANMAR
Ramadan in Myanmar: moschee chiuse e divieto di preghiera per i Rohingya

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate