12/05/2009, 00.00
THAILANDIA
Invia ad un amico

Bangkok: il rito della semina contro la crisi economica

di Weena Kowitwanij
Ogni anno avviene a Bangkok l’annuale cerimonia della semina del riso. Antica usanza di buon auspicio per il raccolto essa è oggi occasione per il governo di affrontare le tematiche legate alla crisi economica del Paese.

Bangkok (AsiaNews) - Il principe Vajiralongkorn ha presieduto ieri, nei pressi del Palazzo reale, l’annuale cerimonia detta dell’aratura, principale avvenimento della festa dedicata alla prima semina del riso. Organizzata ogni anno nel mese di maggio dal Ministero dell’agricoltura e delle cooperative (MOAC), essa è un rito di buon auspicio per ottenere pioggia, raccolti abbondanti e affrontare le questioni economiche legate all’agricoltura in questo momento di crisi.

La Thailandia è il 6° paese al mondo per la produzione di riso e il 1° per esportazioni, con circa 7 milioni di tonnellate per anno.

Il giorno del rito coincide con il principio della stagione delle piogge. L’usanza pronostica  la quantità di precipitazioni che cadranno durante l’anno, determinando l’abbondanza o meno del raccolto insieme alla futura prosperità economica per l’intera nazione. 

La ricorrenza ha un’origine molto antica, precedente alla nascita del Buddha, il quale secondo la tradizione era solito prendere parte alla cerimonia scegliendo il “Signore dell’aratura”. Ieri il sovrano ha scelto per il rito  Jalan Thadakannasutra Ministro dell’agricoltura. Il rito prevede che il “Signore dell’aratura” scelga fra tre pezzi di stoffa di lunghezze differenti. Se egli sceglie il più corto, la pioggia sarà abbondante; se invece sceglie il più lungo, ci saranno poche precipitazioni. La previsione per quest’anno è di una buona quantità di pioggia, corrispondente al lembo di media lunghezza. Il rito prosegue con la presentazione di acqua e granaglie ad alcuni buoi, che influenzano il pronostico con la decisione di bere o mangiare.       

Dopo la cerimonia la principessa Makachakri Sirindhor ha incontrato gli agricoltori, per affrontare insieme a loro i problemi legati alla produzione agricola. "L'attuale crisi economica è il principale problema per tutti i popoli del mondo incluso quello thailandese” ha detto la principessa.  Per questo è necessario che gli agricoltori  si organizzino in gruppi di lavoro  per rafforzare la produzione e condividere conoscenze ed esperienze.

Nonostante l’importanza della produzione agricola, i giovani preferiscono il lavoro in fabbrica a quello nei campi, innalzando a 50 anni l’età media degli agricoltori. Il governo thai ha quindi attivato attraverso il MOAC, un progetto di sviluppo per le nuove generazioni, con il fine di combattere la crisi e mostrare ai giovani l’importanza e le potenzialità di questo antico e prezioso mestiere. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tokyo, la principessa Ayako sposerà un comune cittadino
20/09/2018 12:18
Madhya Pradesh, scuola cattolica ritira la denuncia contro i radicali indù
24/01/2018 12:04
Varanasi, esonda il Gange: la cremazione dei defunti sui tetti delle case
24/08/2016 08:47
Famiglie indù nel dolore: il terremoto blocca i riti funebri
11/06/2015
Papa ai catecumeni: La sete di Dio unisce gli uomini di tutto il mondo. Senza, la fede diventa rancida
23/11/2013