25 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/03/2017, 15.17

    BANGLADESH

    Bangladesh, Giustizia e pace condanna la nuova legge sui matrimoni minorili

    Sumon Corraya

    Mons. Gervas Rozario afferma che la Chiesa cattolica non seguirà le previsioni del nuovo Child Marriage Restraint Bill 2017. La norma più contestata è quella delle “circostanze speciali”, secondo cui il matrimonio tra bambini è concesso per salvare l’onore della ragazza.

    Dhaka (AsiaNews) – La Commissione Giustizia e pace della Conferenza episcopale del Bangladesh (Ec-Jp) condanna con fermezza la nuova legge sui matrimoni minorili, approvata dal governo di Dhaka il 27 febbraio. Il suo presidente, mons. Gervas Rozario, vescovo di Rajshahi, dice ad AsiaNews che il Parlamento “ha fatto un serio sbaglio ad approvare il Child Marriage Restraint Bill 2017, mantenendo inalterata la previsione delle ‘circostanze speciali’”. Ciò cui fa riferimento il vescovo è la norma più contestata della legge, che consente i matrimoni in alcuni casi specifici, ad esempio le “gravidanze accidentali o illegali”, in modo “da salvare l’onore della ragazza”. “Mi aspettavo – aggiunge mons. Rozario – che il governo abolisse del tutto i matrimoni minorili in Bangladesh. Ora invece, con la clausola delle ‘circostanze speciali’, il numero delle unioni tra bambini aumenteranno”.

    Le disposizioni della norma stabiliscono che l’età legale per contrarre matrimonio è 21 anni per i maschi e 18 per le femmine. Per gli attivisti, in realtà la clausola legalizza a tutti gli effetti le nozze celebrate per riparare gravidanze frutto di violenza sessuale, molto diffuse nel Paese. L’opinione è condivisa dal vescovo di Rajshahi, che dichiara: “Il Bangladesh è un Paese corrotto, ora molti tutori potranno organizzare matrimoni tra minori. La polizia e gli attivisti non potranno fare più nulla per impedirli”.

    Dati ufficiali mostrano che il Bangladesh è il Paese asiatico con il tasso più elevato di sposi e spose bambine. Il 52% delle spose ha meno di 18 anni e il 18% meno di 15 anni. “Noi in quanto Chiesa cattolica – dice mons. Rozario – non ci atterremo alla nuova legge, ma continueremo a considerare i limiti dei 18 anni per le donne e 21 per gli uomini”.

    Ayesha Khanom, presidente dell’organizzazione femminile Bangladesh Mahila Parishad, afferma: “È una vera vergogna e una sventura per tutte noi”. Kazi Reazul Hoque, presidente della Commissione nazionale per i diritti umani, conclude: “Abbiamo provato in ogni modo a cancellare le ‘speciali circostanze’ ma alla fine sono state mantenute nel testo. La legge non aiuterà a frenare i matrimoni tra bambini”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/12/2016 12:23:00 BANGLADESH
    Perdere l’infanzia e la scuola: i matrimoni minorili in Bangladesh

    Povertà e cultura tradizionale islamica sono le principali cause. Il 52% delle spose ha meno di 18 anni; il 18% meno di 15. Una nuova legge consentirebbe le nozze in “circostanze speciali” per salvare l’onore delle ragazze. Tre storie di matrimoni minorili.



    07/07/2015 BANGLADESH
    Caritas Bangladesh: I valori del Vangelo, fulcro dell'opera sociale della Chiesa
    Ad AsiaNews il nuovo presidente, mons. Gervas Rozario, spiega che "poveri, bambini, giovani e donne sono al centro del lavoro dell’opera sociale cattolica. Non daremo mai via Cristo e la Sua Parola". Attenzione anche a cambiamento climatico, ambiente e sicurezza alimentare. I progetti educativi, la formazione di personale qualificato, le sfide attuali.

    19/05/2016 11:46:00 COREA DEL SUD
    Il massacro di Gwangju “ferita ancora aperta per tutta la società coreana”

    Il presidente della Commissione episcopale Giustizia e pace, mons. Lazzaro You Heung-sik, spiega ad AsiaNews l’importanza di commemorare le vittime del 1980: “Rappresentarono una svolta per il Paese, e ricordare il loro sacrificio è un dovere di chi ama la democrazia. Ma la pace è l’unica strada percorribile, e soltanto il dialogo può costruirla”. Il governo vieta di cantare l’inno simbolo della protesta, che pose le basi per la fine della dittatura militare in Corea del Sud.



    21/04/2016 09:51:00 COREA DEL SUD
    Giustizia e pace ai deputati cattolici: Siate missionari in Parlamento

    Nella nuova Assemblea nazionale di 300 membri, sono stati eletti 77 parlamentari di fede cattolica. A loro il vescovo di Daejeon, mons. Lazzaro You Heung-sik, invia un messaggio chiaro: “La nostra società è divisa in due parti, lavorate per la riconciliazione e mostrate nel vostro operato di aver capito i precetti del Vangelo”



    11/05/2016 12:50:00 BANGLADESH
    È morto Promode Mankin, primo cattolico a diventare ministro del Bangladesh

    Il politico, 77 anni, è morto all’ospedale della Sacra Famiglia di Mumbai, dove era ricoverato. L’arcivescovo di Dhaka ha fatto visita ai familiari. Il primo ministro Sheikh Hasina lo aveva scelto due volte come ministro del Welfare sociale.

     





    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®