25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 03/04/2012, 00.00

    BANGLADESH

    Bangladesh: Ex imam si converte al cattolicesimo. Ridotto in fin di vita

    Maria Gomes

    Il leader musulmano diventa cristiano presbiteriano all’estero. Incontra una cattolica, si sposano, e decide di farsi cattolico. Tornato in Bangladesh, affronta il rifiuto totale della comunità d’origine. Ma tra violenze e ostracismo sociale, resta saldo nella sua fede: “Credo in Cristo, l’ho accolto. È il mio salvatore”.

    Dhaka (AsiaNews) - "Io credo in Cristo, l'ho accolto. È il mio salvatore". Vincent (nome fittizio per motivi di sicurezza) è un ex imam bengalese che si è fatto cattolico, e per questo è stato perseguitato in modo durissimo dalla sua comunità d'origine. Il suo cammino di conversione è iniziato all'estero, lontano dal Bangladesh. Una Chiesa presbiteriana l'ha battezzato. Poi, l'amore per una cattolica, culminato nel matrimonio, l'ha spinto a diventare cattolico. Ma una volta tornati in Bangladesh, Vincent e sua moglie hanno trovato un'accoglienza fatta di violenza e minacce. Alcuni membri della sua comunità lo hanno picchiato e ridotto quasi in fin di vita.

    Il Bangladesh considera l'islam religione di Stato, ma la sua Costituzione non riconosce la shari'a e garantisce piena libertà di culto. Questo lo rende uno dei Paesi musulmani più aperti, dove le conversioni avvengono in un clima di generale tolleranza. Eppure, il predominio sociale e culturale della religione islamica è tale da spingere la comunità d'origine a esercitare pressioni di vario genere. A volte, è il notaio che si rifiuta di firmare il documento che attesta l'avvenuta conversione. Altre, come nel caso di questo ex imam, sono violenze fisiche e psicologiche.

    Dopo quasi due mesi di ospedale, Vincent esce e torna a casa. Ma proprio quei musulmani che un tempo lo seguivano e lo stimavano come imam, ancora non accettano la sua nuova "condizione". Così, dalle botte si passa ad altre forme di aggressione. Insieme alla moglie, Vincent incontra un forte ostracismo sociale, che lo costringe a cambiare più volte casa. Perde anche il lavoro, e si ritrova ad arrabattarsi come può per sopravvivere.

    Oggi, è un uomo molto tormentato. Ma questo rifiuto totale da parte della sua comunità originaria non l'ha allontanato da Gesù, e continua ad andare in Chiesa con più forza di prima. E ripete: "Credo in Cristo, in Lui sono rinato. È il mio salvatore". 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/01/2014 BANGLADESH
    Bangladesh, un cattolico tra i ministri del nuovo (e contestato) governo di Sheikh Hasina
    Promod Mankin dirigerà il ministero del Welfare. Il gabinetto neo-eletto, insieme al primo ministro, ha prestato giuramento dinanzi al presidente del Paese. Critici gli osservatori internazionali, che invitano la premier a indire nuove elezioni con la partecipazione di tutti i partiti politici.

    29/03/2013 BANGLADESH
    Pasqua in Bangladesh, la conversione di un musulmano “per testimoniare Cristo” agli altri
    Il giovane, 31 anni, riceverà il battesimo durante la veglia pasquale e diventerà cattolico. Di famiglia islamica, conosce il cristianesimo grazie alla sua futura moglie. “Prego il Signore affinché tutti i cristiani in Bangladesh possano vivere in pace e armonia con gli altri”.

    22/06/2009 BANGLADESH
    La figlia si converte al cristianesimo, i musulmani emarginano la famiglia
    I parenti della giovane, che vive negli Stati Uniti, parlano di scelta “sbagliata” e chiedono la fine delle vessazioni. La donna rischia una fatwa per apostasia, il marito ha chiesto il divorzio. Solidarietà degli attivisti cattolici che denunciano la violazione della libertà religiosa.

    26/04/2006 India
    Rajasthan, il Consiglio cattolico attacca la legge anti-conversione

    L'organo consultivo sottolinea: "I cristiani vivono nella paura e nell'incertezza. La popolazione perde fiducia nel governo, che non ferma la violenza e approva  leggi restrittive".



    19/12/2015 BANGLADESH
    Bangladesh, migliaia di persone per il 75mo anniversario del liceo cattolico St. Joseph
    Il liceo è stato fondato dai missionari salesiani nel 1940, poi è stato gestito dai saveriani fino al 1974. Oggi è affidato alla diocesi di Khulna. Il 95% degli studenti che si è formato in questa scuola è di religione indù e musulmana. Il liceo ha educato sacerdoti, medici, scienziati, scrittori, giornalisti.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®