30 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/08/2012
TURCHIA
Bartolomeo I: Non trasformate Santa Sofia di Trabzon in una moschea
di NAT da Polis
Il patriarca ecumenico si schiera contro la proposta del vice-presidente Bulent Arinc perché non vi è "nessuna necessità" per il culto. Bartolomeo è sostenuto anche dal capo della comunità musulmana del luogo, che fa notare le molte moschee presenti, che rimangono in gran parte vuote. Nei confronti delle minoranze, il governo turco fa "un passo avanti e uno indietro". Crescono le voci anti-conformiste.

Trabzon (AsiaNews) - Non vi è "nessuna necessità" a trasformare l'antica chiesa di Aghia Sofia a Trabzon in una moschea; è meglio che essa rimanga un museo aperto a tutte le confessioni: Bartolomeo I, patriarca ecumenico di Costantinopoli, ha espresso con nettezza la sua opposizione all'idea sostenuta dal vicepresidente del governo turco, Bulent Arinc che vorrebbe trasformare questo monumento della cristianità in un luogo di culto esclusivo per i musulmani.

La chiesa di Aghia Sofia (Santa Sofia) è un gioiello di architettura antica e risale all'epoca degli imperatori Comneni (1204-1461). Essa testimonia la millenaria presenza  dei cristiani del Ponto sul Mar Nero, spazzati via in seguito ai vari genocidi ed epurazioni prima dagli ottomani, poi dai neo-turchi.

Ieri il patriarca ecumenico ha visitato la chiesa e ha incontrato il sindaco della città, Genc. Davanti ai giornalisti, Bartolomeo I ha spiegato: "Noi rispettiamo tutte le moschee e tutti i luoghi di preghiera, ma in questo caso - trasformare Santa Sofia in moschea - non vedo alcuna necessità per il culto".

E ha aggiunto. "Noi siamo a favore del mantenimento della chiesa di Santa Sofia in museo. Del resto, come ha dichiarato lo stesso capo della comunità [islamica] locale, [qui] vi sono già molte moschee per soddisfare il culto dei fedeli ed esse rimangono in gran parte vuote".

Il patriarca ha ricordato le recenti dichiarazioni del presidente della comunità musulmana del luogo, Zeki Baytar, che alla proposta di Arinc ha reagito con forza, minacciando addirittura una rivolta, e ha detto: " Prima riempiamo le moschee, poi, se necessario, trasformiamo Santa Sofia in una moschea".

"Se Santa Sofia di Trabzon viene trasformata in moschea - ha spiegato ancora Bartolomeo I - essa verrà messa a disposizione solo dei nostri fratelli musulmani. Al contrario, se rimarrà come museo, potrà offrire i suoi servizi a tutta la comunità internazionale, con cospicui profitti per i  suoi abitanti".

Fra i giornalisti presenti, molti ricordano le parole dello stesso Bulent Arinc, pronunciate durante la  sua visita al Fanar - la sede del patriarcato - nel gennaio 2011: "Come governo abbiamo il dovere di soddisfare le necessità di questi nostri cittadini che hanno una presenza secolare su queste terre".

Non stupisce perciò la presa di posizione del patriarca ecumenico. Ma stupisce la politica del governo turco che nei confronti delle minoranze fa "un passo avanti e uno indietro", a seconda delle circostanze e congiunture politiche. Proprio per questo in Turchia crescono sempre più coraggiosi focolai di voci anti-conformiste.

Trabzon, nell'estremo nord-est della Turchia, è abitata da una popolazione di quasi 300mila abitanti. Di questi poche decine sono cristiani. Il 5 febbraio 2006 è stato assassinato il sacerdote italiano Andrea Santoro ad opera di un giovane nazionalista islamico.

(Foto: Nikos Manginas)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/05/2009 TURCHIA
Bartolomeo I ricorre alla Corte europea di Strasburgo contro Ankara
di NAT da Polis
09/07/2007 TURCHIA
Bartolomeo: la Cassazione non aveva titolo per negare l’ecumenicità del Patriarcato
09/02/2006 turchia
L'assassino di don Andrea, un ragazzo "imbottito" dai proclami dei fanatici
di Mavi Zambak
30/11/2009 VATICANO - TURCHIA
Papa a Bartolomeo I: Avanti nell’ecumenismo, senza i condizionamenti del passato
12/06/2007 TURCHIA
Patriarca Bartolomeo: solo benefici si possono avere dall’unità e carità di Cristo

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate