23 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 29/05/2014, 00.00

    ORTODOSSI-VATICANO

    Bartolomeo: Con Francesco invitiamo tutti i cristiani a celebrare il primo sinodo di Nicea nel 2025

    NAT da Polis

    In un'intervista ad AsiaNews, il patriarca ecumenico di Costantinopoli rivela i futuri passi per rafforzare l'unità fra cattolici e ortodossi. Oltre all'appuntamento di Nicea, dove è avvenuto il primo concilio davvero ecumenico, in autunno a Gerusalemme si terrà l'incontro della Commissione mista cattolico-ortodossa, dove tutti "devono impegnarsi senza ipocrisie".

    Istanbul (AsiaNews) - Al suo ritorno da Gerusalemme, dall'incontro con papa Francesco al Santo Sepolcro, il patriarca ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo I, ha rivelato un importante appuntamento per l'unità fra cattolici e ortodossi: ritrovarsi insieme nel 2025 a Nicea, dove è stato celebrato il primo vero concilio ecumenico della Chiesa indivisa.

    Parlando in esclusiva ad AsiaNews, Bartolomeo ha detto che insieme a papa Francesco "abbiamo concordato di lasciare come eredità a noi stessi e ai nostri successori di ritrovarsi a Nicea nel 2025, per celebrare tutti insieme, dopo 17 secoli, il primo Sinodo davvero ecumenico, dove fu emanato il Credo".

    Il concilio di Nicea (oggi Iznik, 130 km a sud-est di Istanbul), ha radunato nel 325 oltre 300 vescovi dell'oriente e dell'occidente ed è considerato il primo vero concilio ecumenico. In esso si è costituito il Credo, simile a quello che si recita ancora oggi durante la liturgia, affermando che Gesù condivide "la stessa sostanza del Padre", contro l'ideologia ariana.

    Bartolomeo ha incontrato Francesco a 50 anni dell'abbraccio fra Paolo VI e Athenagoras. L'incontro del 1964 ha rotto un lungo silenzio di secoli fra l'oriente e l'occidente cristiani, con tutte le conseguenze sociopolitiche che ne sono sorte, e di cui l'Europa soffre ancora.

    L'incontro al Santo Sepolcro in questi giorni ridà nuova linfa al dialogo fra cattolici e ortodossi, a due visioni cristiane che pur nella diversità, hanno una comune visione dei sacramenti e della tradizione apostolica.

    "Il dialogo per l'unità fra i cattolici e gli ortodossi - ha detto Bartolomeo ad AsiaNews - riparte da Gerusalemme. In questa città, nel prossimo autunno, vi sarà l'incontro della Commissione mista cattolico-ortodossa, ospitata dal patriarca greco-ortodosso Teofilo III. E' un cammino lungo in cui tutti devono impegnarsi senza ipocrisie".

     "Gerusalemme - ha continuato Bartolomeo  - è il luogo, la terra del dialogo tra Dio e l 'uomo , il luogo dove s' è incarnato il Logos di Dio. I nostri predecessori Athenagoras  e Paolo VI hanno scelto questo luogo per rompere un silenzio durato secoli  tra le  due Chiese sorelle".

    "Ho camminato con mio fratello Francesco su questa Terra Santa non con i timori di Cleopa e Luca nel loro cammino verso Emmaus (cfr Luca 24, 13-35), ma ispirato dalla viva speranza, come ci insegna Nostro Signore ".

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/06/2014 ORTODOSSI - VATICANO
    Bartolomeo: Cristiani uniti, veri catalizzatori della pace in Medio Oriente
    Il patriarca ecumenico arriva oggi a Roma per prendere parte all'incontro di preghiera con papa Francesco, Shimon Peres e Mahmoud Abbas. L'incontro di preghiera ha un significato più importante dei risultati immediati.

    25/05/2014 VATICANO - TERRA SANTA
    La Dichiarazione comune tra Papa Francesco e il Patriarca Ecumenico Bartolomeo I
    Dopo l'incontro fra Paolo VI e Athenagoras 50 anni fa, vi è un chiaro cammino ecumenico da proseguire nella verità e nella carità. Le sfide comuni in difesa della vita, della famiglia, del creato e della pace. Il ricordo per i cristiani del Medio Oriente.

    28/06/2012 VATICANO - ORTODOSSI
    Papa: cattolici e ortodossi proseguano il cammino verso la piena unità
    Benedetto XVI riceve la delegazione del Patriarcato ecumenico a Roma per la festa degli apostoli Pietro e Paolo. Il Vaticano II, del quale quest'anno si celebra il 50mo dell'apertura aprì il cammino che ha permesso la riscoperta della "profonda fraternità" tra le due Chiese.

    20/03/2013 VATICANO - ORTODOSSI
    Bartolomeo e Francesco l'anno prossimo a Gerusalemme. Uniti contro la crisi economica e le "tendenze mondane"
    L'appuntamento in Terra Santa per celebrare i 50 anni dall'abbraccio di Athenagoras con Paolo VI. Il papa è stato invitato a Costantinopoli per la festa di sant'Andrea (30 novembre). Il patriarca ecumenico di Costantinopoli lo ha definito "Buon Samaritano dell'America Latina"; il papa lo ha chiamato "mio fratello Andrea". L'impegno comune per l'ambiente, contro la povertà, contro il materialismo.

    06/04/2016 08:44:00 VATICANO-ORTODOSSI
    Papa Francesco, Bartolomeo I e l’arcivescovo Hieronymos coi migranti a Lesbo il 14 o il 15 aprile. Forse

    La Sala stampa vaticana afferma che l’idea è allo studio, ma non conferma date o particolari. Vi è l’invito del Sinodo greco-ortodosso al pontefice e quello del presidente greco. Di sicuro saranno a Lesbo Bartolomeo e Hieronymos, primate ortodosso di Grecia.





    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®