18 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/05/2014, 00.00

    ORTODOSSI-VATICANO

    Bartolomeo: Con Francesco invitiamo tutti i cristiani a celebrare il primo sinodo di Nicea nel 2025

    NAT da Polis

    In un'intervista ad AsiaNews, il patriarca ecumenico di Costantinopoli rivela i futuri passi per rafforzare l'unità fra cattolici e ortodossi. Oltre all'appuntamento di Nicea, dove è avvenuto il primo concilio davvero ecumenico, in autunno a Gerusalemme si terrà l'incontro della Commissione mista cattolico-ortodossa, dove tutti "devono impegnarsi senza ipocrisie".

    Istanbul (AsiaNews) - Al suo ritorno da Gerusalemme, dall'incontro con papa Francesco al Santo Sepolcro, il patriarca ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo I, ha rivelato un importante appuntamento per l'unità fra cattolici e ortodossi: ritrovarsi insieme nel 2025 a Nicea, dove è stato celebrato il primo vero concilio ecumenico della Chiesa indivisa.

    Parlando in esclusiva ad AsiaNews, Bartolomeo ha detto che insieme a papa Francesco "abbiamo concordato di lasciare come eredità a noi stessi e ai nostri successori di ritrovarsi a Nicea nel 2025, per celebrare tutti insieme, dopo 17 secoli, il primo Sinodo davvero ecumenico, dove fu emanato il Credo".

    Il concilio di Nicea (oggi Iznik, 130 km a sud-est di Istanbul), ha radunato nel 325 oltre 300 vescovi dell'oriente e dell'occidente ed è considerato il primo vero concilio ecumenico. In esso si è costituito il Credo, simile a quello che si recita ancora oggi durante la liturgia, affermando che Gesù condivide "la stessa sostanza del Padre", contro l'ideologia ariana.

    Bartolomeo ha incontrato Francesco a 50 anni dell'abbraccio fra Paolo VI e Athenagoras. L'incontro del 1964 ha rotto un lungo silenzio di secoli fra l'oriente e l'occidente cristiani, con tutte le conseguenze sociopolitiche che ne sono sorte, e di cui l'Europa soffre ancora.

    L'incontro al Santo Sepolcro in questi giorni ridà nuova linfa al dialogo fra cattolici e ortodossi, a due visioni cristiane che pur nella diversità, hanno una comune visione dei sacramenti e della tradizione apostolica.

    "Il dialogo per l'unità fra i cattolici e gli ortodossi - ha detto Bartolomeo ad AsiaNews - riparte da Gerusalemme. In questa città, nel prossimo autunno, vi sarà l'incontro della Commissione mista cattolico-ortodossa, ospitata dal patriarca greco-ortodosso Teofilo III. E' un cammino lungo in cui tutti devono impegnarsi senza ipocrisie".

     "Gerusalemme - ha continuato Bartolomeo  - è il luogo, la terra del dialogo tra Dio e l 'uomo , il luogo dove s' è incarnato il Logos di Dio. I nostri predecessori Athenagoras  e Paolo VI hanno scelto questo luogo per rompere un silenzio durato secoli  tra le  due Chiese sorelle".

    "Ho camminato con mio fratello Francesco su questa Terra Santa non con i timori di Cleopa e Luca nel loro cammino verso Emmaus (cfr Luca 24, 13-35), ma ispirato dalla viva speranza, come ci insegna Nostro Signore ".

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/09/2017 10:19:00 VATICANO-ORTODOSSI
    Riprende il dialogo cattolico-ortodosso. Mosca ha un peso maggiore

    I russo-ortodossi ritornano in forze nella Commissione mista e pongono a tema l’uniatismo e il “Primato e comunione nel secondo millennio”. Sostituito per limiti di età il metropolita Ioannis Zizioulas, storico alfiere del dialogo. I frutti dell’incontro a Cuba di Francesco e Kirill e la visita del card. Parolin a Mosca.



    07/06/2014 ORTODOSSI - VATICANO
    Bartolomeo: Cristiani uniti, veri catalizzatori della pace in Medio Oriente
    Il patriarca ecumenico arriva oggi a Roma per prendere parte all'incontro di preghiera con papa Francesco, Shimon Peres e Mahmoud Abbas. L'incontro di preghiera ha un significato più importante dei risultati immediati.

    25/05/2014 VATICANO - TERRA SANTA
    La Dichiarazione comune tra Papa Francesco e il Patriarca Ecumenico Bartolomeo I
    Dopo l'incontro fra Paolo VI e Athenagoras 50 anni fa, vi è un chiaro cammino ecumenico da proseguire nella verità e nella carità. Le sfide comuni in difesa della vita, della famiglia, del creato e della pace. Il ricordo per i cristiani del Medio Oriente.

    28/06/2012 VATICANO - ORTODOSSI
    Papa: cattolici e ortodossi proseguano il cammino verso la piena unità
    Benedetto XVI riceve la delegazione del Patriarcato ecumenico a Roma per la festa degli apostoli Pietro e Paolo. Il Vaticano II, del quale quest'anno si celebra il 50mo dell'apertura aprì il cammino che ha permesso la riscoperta della "profonda fraternità" tra le due Chiese.

    20/03/2013 VATICANO - ORTODOSSI
    Bartolomeo e Francesco l'anno prossimo a Gerusalemme. Uniti contro la crisi economica e le "tendenze mondane"
    L'appuntamento in Terra Santa per celebrare i 50 anni dall'abbraccio di Athenagoras con Paolo VI. Il papa è stato invitato a Costantinopoli per la festa di sant'Andrea (30 novembre). Il patriarca ecumenico di Costantinopoli lo ha definito "Buon Samaritano dell'America Latina"; il papa lo ha chiamato "mio fratello Andrea". L'impegno comune per l'ambiente, contro la povertà, contro il materialismo.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®