18/06/2013, 00.00
LIBANO - SIRIA
Invia ad un amico

Beirut, l'appello di cattolici e ortodossi per l'unità dei cristiani e la fine della guerra in Siria

I sinodi delle Chiese melchita e greco-ortodossa si sono aperti oggi in Libano. I prelati pregano per mons. Bouls Yazigi e mons. Youhanna Ibrahim, dal 22 aprile nelle mani dei sequestratori. Gregorio III Laham, patriarca cattolico di Antiochia, critica l'invio di armi ai ribelli proposto da alcuni Paesi occidentali. Per i vescovi il compito dei cristiani in Siria e in Libano è testimoniare il Vangelo con la propria vita. Questa è la vera "azione politica" e il dovere che ogni fedele deve compiere. In Siria un comitato di solidarietà della Chiesa melchita per aiutare i bisognosi e ricostruire le opere ecclesiastiche distrutte o danneggiate.

Beirut (AsiaNews) - Leader delle Chiese cattolica e ortodossa aprono a Beirut i propri sinodi per discutere la grave situazione della popolazione cristiana siriana, colpita dalla guerra fra sciiti e sunniti, che ha ormai sconfinato anche nel vicino Libano. Entrambi gli incontri sono iniziati oggi. Il sinodo greco-ortodosso è in corso nel monastero di Balamand. Quello della Chiesa cattolica melchita è ospitato nel convento di Ain Trez nel distretto di Aley.

Dando il via ai lavori per la riunione episcopale, i prelati cattolici e ortodossi hanno lanciato un appello congiunto per l'unità di tutti i cristiani, pregando per la liberazione di mons. Youhanna Ibrahim e mons. Boulos Yazigi, i due vescovi rapiti lo scorso 22 aprile nella periferia di Aleppo.

Intervistato dal quotidiano libanese "Daily Star" poco prima dell'inizio dell'Assemblea sinodale, Giovanni X Yazigi, patriarca greco-ortodosso di Antiochia e fratello di mons. Bouls Yazigi, ha affermato: "Non abbiamo paura, stiamo vivendo momenti drammatici, questa è la verità che nessuno può ignorare. Ma siamo figli della fede e del coraggio, ci aggrappiamo alla terra in cui viviamo, portiamo il messaggio di Dio dentro i nostri cuori e continueremo a farlo senza paura". Il vescovo ha inoltre ribadito che il fratello è vivo e sarebbe detenuto in Turchia, ma finora non si sono ancora ottenuti contatti diretti con i rapitori.

Da Ain Trez, sede della Chiesa melchita, Gregorio III Laham, patriarca di Antiochia per i cattolici, ha puntato il dito contro la decisione di Stati Uniti e di alcuni altri Paesi europei di inviare armi ai ribelli. A causa di questa mossa, la popolazione "affronterà più problemi" rispetto al passato. Secondo il prelato la posizione dei Paesi occidentali è incomprensibile. "Sembra che il mondo  - ha continuato - comprenda solo il linguaggio delle armi, della guerra, della distruzione, della violenza e del terrorismo". "Le armi - ha aggiunto alimentano la violenza e l'odio, e portano più uccisioni, incrementano la distruzione e i profughi, con enormi danni economici e sociali per famiglie, giovani, studenti e lavoratori". Laham ha lanciato un appello alla comunità internazionale chiedendo la cessazione immediata di tutti i trasferimenti di armi, invitando i Paesi a lavorare per una soluzione politica, invece di contribuire alla "divisione" del mondo arabo lungo linee politiche, sociali, religiose e tribali".

Parlando ai vescovi presenti, il prelato ha annunciato la costituzione di un "comitato di solidarietà" della Chiesa in Siria. Il piano ha l'obiettivo di coordinare le attività di soccorso in loco e di controllare e registrare gli edifici ecclesiastici distrutti o danneggiati. Il patriarca ha proposto anche dei sottocomitati in Libano, Egitto, Giordania, Iraq, Kuwait, Paesi arabi ed Europa, che avranno il compito di sostenere con le loro risorse il lavoro della Chiesa melchita in Siria. "Speriamo - ha affermato - che i nostri fratelli vescovi ci aiuteranno in questa impresa ... in modo da poter affrontare le sfide future, che ci chiedono di restare in questo Paese martoriato dalla guerra e in quanto cristiani di essere guida e punto di riferimento per tutta la popolazione". Gregorio III ha sottolineato che la "Chiesa è un solo corpo, una sola famiglia cristiana, una nazione, e questa fede si traduce in opere buone e soprattutto in amore attivo verso chi è nel bisogno". Per il prelato i fedeli della Chiesa melchita devono promuovere e testimoniare il Vangelo ovunque essi siano: "Questa è la vera azione politica e il dovere che dobbiamo compiere con coraggio, zelo, amore, dedizione, sincerità e dignità". 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: "Prego per la liberazione di mons. Ibrahim e mons. Boulos al-Yaziji"
23/04/2013
Cattolici di Giordania marciano in silenzio per il rilascio dei vescovi ortodossi siriani
23/05/2013
I due vescovi di Aleppo ancora nella mani dei rapitori. La "dittatura della falsa informazione"
25/04/2013
Vescovi e patriarchi fanno gli auguri al nuovo re Abdullah e piangono re Fahd
03/08/2005
Il card. Sarah "un padre" per i profughi siriani musulmani e cristiani
09/11/2012