11/05/2020, 12.04
ALGERIA - ISLAM
Invia ad un amico

Boualem Djouhr, imam ‘illuminato’ nel mirino dell’orda islamica estremista

di Kamel Abderrahmani

Il direttore degli Affari religiosi di Bejaïa ha reso omaggio al celebre cantante berbero Idir. Per questo è stato oggetto di attacchi di leader e fazioni fondamentaliste. La solidarietà di personalità del mondo politico, culturale, religioso e associativo. L’inerzia delle istituzioni algerine, succubi del fondamentalismo e passive nella difesa delle libertà individuali. 

Parigi (AsiaNews) - La morte di Idir, celebre cantante cabilo, difensore dell’identità berbera nel mondo e interprete della celebre “A Vava Inouva”, ha suscitato profondo cordoglio nel mondo, sia nel panorama artistico che culturale. Dall’annuncio della sua morte, gli omaggi si contano a migliaia. Su Twitter, il presidente algerino Abdelmadjid Tebboune ha voluto manifestare la propria “immensa tristezza”. “Con la sua scomparsa, l’Algeria - ha aggiunto - perde uno dei suoi monumenti”. Fra tutti gli omaggi, vi è quello di Boualem Djouhr (a sin. nella foto), docente universitario, imam e direttore degli Affari religiosi di Bejaïa. In un video pubblicato sulla propria pagina Facebook, egli ha ripreso una canzone d’Idir e ha interpretato in modo mirabile “A mimi”, uno dei titoli più conosciuti di questo artista scomparso il 2 maggio scorso. 

Boualem Djouhri è un imam che si è distinto sempre per la sua tolleranza, il suo umanesimo e il suo attaccamento alla cultura berbera in tutte le sue opere, al cui interno egli affronta questioni legate all’identità Amazigh e kabyle, alla lingua e alla poesia, alla letteratura e ai canti berberi. In altre parole, è un imam che nelle sue prediche e nei suoi discorsi ha difeso i valori e i diritti umani universali. Per esempio, in un simposio organizzato nel gennaio 2018 in Canada e che è coinciso con la commemorazione del sanguinoso attentato del 27 gennaio dell’anno precedente contro la grande moschea di Québec, l’imam Djouhri si è distinto per il suo intervento su “differenze e convivenza interreligiosa”. 

Gli estremisti che hanno attaccato questo imam sui social network sono partiti alla lontana, usando un vocabolario virulento e volgare, chiedendo che fosse cacciato dal proprio incarico che occupa dall’ottobre 2016. Fra i leader di questa fronda fondamentalista vi era Abdelkader Dehbi, un estremista islamico seguace del Fronte islamico di salvezza che sulla propria pagina Facebook ha scritto: “Quando l’esercizio di una funzione pubblica si lega con ‘ca…te’ pronunciate senza raziocinio… Questo ‘cretino’ che piange in dialetto Kabyle il proprio idolo, ‘l’apostata’ Idir… e che si vanta del titolo di direttore degli Affari religiosi di Bejaïa!”. Nessuna meraviglia, anche perché essi sono capaci di andare molto più in là. Questi oscurantisti e questi predicatori di odio si rendono conto che sono meno istruiti di lui, per volergli impartire delle lezioni sull’islam?

Certo, rendere omaggio a un artista musulmano per loro non è un divieto sacro “haram”, ma il fatto che il defunto cantante abbia criticato e respinto l’idea che l’islam sia la religione dello Stato è considerata una posizione blasfema per loro, dunque è un rinnegato, un apostata. E il fatto che un imam del calibro di Boualem Djouhri, molto conosciuto nel panorama religioso in Algeria, renda omaggio in questo modo a un monumento della lotta Amazigh li fa infuriare. In altre parole, per i fondamentalisti islamici avrebbe anteposto la propria appartenenza Amazigh al suo essere musulmano perché, al di là dei concetti “haram” o “halal”, vi sarebbe prima di tutto questo odio verso tutto ciò che è Amazigh. Tuttavia, per Boualem Djouhri - amante della poesia, dell’arte e della cultura berbera - i fatti sono visti in un altro modo: “Sono molto orgoglioso del mio essere algerino, della mia religione, ma al tempo stesso delle mie origini berbere. Nessuno può negare i miei diritti inerenti l’appartenenza identitaria” aveva dichiarato al giornale francofono algerino Liberté

Di fronte a tutti gli attacchi e agli insulti rivolti a un imam di livello accademico, rinomato per i suoi sermoni aperti e non violenti, personalità politiche, universitarie, culturali, religiose e associative e molti blogger hanno manifestato il proprio sostegno a Boualem Djouhri e hanno espresso in modo aperto e con forza la loro solidarietà nei suoi confronti. 

Dunque, di fronte a questa campagna di odio come pensa di reagire la giustizia algerina? Anche e soprattutto in considerazione del fatto che il governo algerino ha appena adottato una nuova legge contro la discriminazione e i discorsi di odio? Fino a quando il potere resterà passivo di fronte a questo fenomeno in via di espansione in Algeria, quello della violazione alle libertà individuali?

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Come fermare l’islam radicale in Francia
18/10/2016 16:05
Giovane musulmano: Sono molto pessimista su una riforma dell’islam
23/08/2016 12:20
Pakistan, feriti nelle proteste contro Charlie Hebdo. Paul Bhatti: rischio deriva violenta
17/01/2015
Imam di Francia : I terroristi distruggono l’avvenire dell’islam e il destino dei vostri figli
20/11/2015
Medio oriente “inquieto”. Cittadinanza piena per restituire diritti ai cristiani e aiutare l'islam
22/06/2015