22 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/12/2017, 13.02

    ARABIA SAUDITA

    Campionessa di scacchi boicotta Riyadh: non faccio politica, ma quando gioco voglio essere libera



    La sua decisione le è costata un doppio titolo e la possibilità di vincere 160mila dollari. Altri giocatori di alto livello si sono rifiutati di partecipare. 

    Riyadh (AsiaNews/Agenzie) – Per lei “la cosa più importante” è essere libera quando gioca e si rifiuta di sentirsi una “creatura inferiore”. È per questo che la campionessa mondiale di scacchi Anna Muzychuk, 27 anni, ha deciso di boicottare i Campionati mondiali in Arabia Saudita, iniziati il 26 dicembre a Riyadh. Non presentandosi, la giocatrice ucraina ha rinunciato al doppio titolo di campionessa di scacchi “rapidi” (partite di 10 minuti) e “blitz” (cinque minuti), e alla possibilità di vincere 160mila dollari.

    “È stata una decisione difficile da prendere”, ha detto in un’intervista pubblicata oggi da Paris Match, per poi aggiungere: “Non faccio politica. Sono una sportiva... Per me la cosa più importante è sentirmi libera quando gioco e non sono la sola… Molti giocatori di alto livello si sono rifiutati di venire in Arabia Saudita,” ha continuato Muzychuk, citando la sorella Mariya, campionessa a Sotchi (Russia) nel 2015, e altri giocatori da Cina, Regno Unito e Danimarca.

    Durante l’intervista, alla giocatrice viene chiesto delle sue esperienze nei recenti tornei in Qatar (dicembre 2016) e Iran (marzo 2017). “In Qatar, facevamo quello che volevamo”, ha risposto la Muzychuk. “In Iran, è stata un’esperienza difficile per me. Volevo nel modo più assoluto partecipare al campionato mondiale per vincere il trofeo che mi mancava… sono arrivata in finale, ma è stato faticoso perché sono stata obbligata a portare il velo tutto il giorno!” In precedenza, la giocatrice aveva scritto su Facebook di non voler portare l’abaya, l’abito islamico lungo che copre le forme femminili, perché “tutto ha un limite e il velo in Iran è stato più che sufficiente”.

    Il 23 dicembre, la Muzychuk ha annunciato la propria decisione sulla sua pagina del sito, spiegando che non avrebbe partecipato perché non voleva indossare l’abaya, dover essere scortata in giro e sentirsi “una creatura inferiore”.

    Le aperture al mondo femminile promosse dal principe ereditario Mohammed bin Salman non hanno convinto la giocatrice, come non l’avevano convinta le assicurazioni degli organizzatori che le giocatrici non avrebbero dovuto indossare né il velo, né l’abaya, ma pantaloni scuri e bluse a collo alto bianche. Parlando con il giornalista del Paris Match, la giocatrice ha commentato i cambiamenti positivi, sostenendo che sarà “felice di venire in un contesto in cui le donne avranno una situazione diversa da quella che è imposta oggi in Arabia Saudita”. Nel regno wahhabita le donne sono ancora costrette a coprire capelli e corpo in pubblico, e non possono viaggiare o ricevere cure mediche senza il permesso di un guardiano maschile (in genere padre, marito o un figlio).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/11/2016 09:14:00 ARABIA SAUDITA
    Donne saudite, dall’abbigliamento alla società: la ricerca del cambiamento

    Negli ultimi anni i collegamenti fra le diverse culture, i social network e la globalizzazione stanno cambiando le società del mondo, anche quella saudita. Segnali come piccole modifiche all’abbigliamento, la possibilità di lavorare e di trascorrere periodi all’estero rendono più consapevoli le donne.



    30/10/2017 08:54:00 ARABIA SAUDITA
    Riyadh, le porte degli stadi si aprono alle donne saudite

    Prosegue la rivoluzione gentile del principe ereditario. Dopo il permesso di guidare, ora le donne potranno assistere anche agli eventi sportivi. Il via libera a partire dal 2018 e riguarderà gli impianti di Riyadh, Jeddah e Dammam. Verranno allestiti ristoranti, caffè e monitor in spazi finora riservati a soli uomini. 

     



    22/03/2012 ARABIA SAUDITA
    Per la prima volta atlete saudite alle Olimpiadi
    Una decisione in tal senso sarebbe stata presa dal principe ereditario Nayef, purchè la partecipazione "rispetti le norme della decenza femminile e non contraddica la legge islamica", E sul filogovernativo Arab News un editoriale afferma la necessità di garantire uguali diritti alle donne.

    03/01/2015 ARABIA SAUDITA
    Alla tv saudita donne vestite solo di nero, ma volendo con nastri colorati
    I "volti" femminili della Saudi Broadcasting Corporation (SBC) dovranno indossare l'abaya, che lascia scoperto solo il viso, ma potranno arricchirlo con nastri del colore del loro canale, ad esempio il blu per il canale Al-Ikhbariya.

    23/09/2017 11:13:00 ARABIA SAUDITA
    Stadi aperti anche alle donne e video-chat: Riyadh tenta di modernizzarsi

    Le donne saudite assisteranno allo spettacolo per l’87ma festa nazionale. Riservato un settore per le famiglie, lontano dagli uomini soli. Via libera alle applicazioni di messaggistica. Il regno saudita sotto accusa per gli arresti dei dissidenti.





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®