19/12/2019, 10.33
IRAQ
Invia ad un amico

Card Sako: Natale a Baghdad, cancellata la messa di mezzanotte

Il patriarca ad AsiaNews: pensiamo “all’incolumità dei fedeli”, che potrebbero diventare “un obiettivo da colpire”. La decisione unanime al termine di un incontro con i sacerdoti, condivisa anche dai fedeli. Gruppi “che non vogliono il cambiamento” e “attaccano chi dimostra in piazza”. 

Baghdad (AsiaNews) - Il patriarcato caldeo ha deciso di cancellare la messa di mezzanotte “per questioni di sicurezza” e a tutela “dell’incolumità dei fedeli”. È quanto afferma ad AsiaNews il primate, card Louis Raphael Sako, a conferma della situazione di tensione che si respira in Iraq in seguito alle violenze legate alle manifestazioni anti-governative in tutto il Paese. Violenze, va sottolineato, che non provengono dai manifestanti ma da gruppi infiltrati e milizie che fomentano scontri, attacchi mirati, sequestri e omicidi, in numero crescente nell’ultimo periodo. 

La decisione, spiega il card Sako, “é venuta al termine di un incontro con preti e parroci della capitale e tutti sono d’accordo sulla cancellazione. Abbiamo sentito anche diversi fedeli e il sentimento è comune e condiviso”. In primis, aggiunge, “bisogna salvaguardare la vita della gente, in questo contesto un attacco sarebbe un disastro”. 

“La sicurezza - racconta il porporato - è molto debole a Baghdad” dove si registrano “morti, rapimenti mirati e attacchi dei dimostranti in piazza”, soprattutto fra le personalità più in vista, come giornalisti e attivisti. Il pericolo, prosegue, è che “i fedeli che vanno in chiesa, soprattutto di sera, possano diventare un obiettivo da colpire”.

Del resto di notte, prosegue, “hanno già ammazzato tante persone, soprattutto fra gli animatori della protesta” e non è escluso che questi gruppi dietro ai disordini “possano anche attaccare” un luogo di culto. Da qui la scelta di celebrare “le messe solo a Natale, di giorno, in piena luce: vogliamo prima di tutto garantire e tutelare la sicurezza delle persone”. 

La cancellazione, spiega una nota del patriarcato, riguarda tutte le chiese della capitale, Baghdad. Le messe di Natale saranno occasione per “aumentare le preghiere” per una soluzione “onorevole dell'attuale crisi e riportare la vita alla normalità”. Già nelle scorse settimane, per onorare la memoria di vittime e feriti, la Chiesa irakena aveva deciso di cancellare le cerimonie e le feste legate al Natale e di devolvere il denaro risparmiato all’acquisto di medicine.

Dal primo ottobre l’Iraq è teatro di un vasto movimento di protesta contro governo e autorità. Le manifestazioni, represse con la forza dalla polizia, hanno portato alle dimissioni del premier Adel Abdul Mahdi, ma i dimostranti - senza distinzioni etniche, confessionali, religiose - mirano alla caduta dell’intera classe politica.

La stretta si è rafforzata a fine novembre, in seguito al doppio assalto al consolato iraniano a Najaf, e ha causato un totale di oltre 450 morti e 20mila feriti.

“I manifestanti sono pacifici - sottolinea il card Sako, che anche nel messaggio di Natale ha analizzato l’attualità politica e sociale del Paese - ma ci sono gruppi che non vogliono il cambiamento e attaccano chi dimostra in piazza. Inoltre, lo stallo sulla nomina del Primo Ministro alimenta la situazione di incertezza e confusione, come in Libano”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Patriarca caldeo: in Iraq è tempo per un partito fra cristiani
30/12/2019 11:32
Card. Sako: Natale in Iraq, una vita nuova per riscattare tristezza e dolore
18/12/2019 08:05
Iraq, sei vittime nei nuovi scontri fra polizia e manifestanti anti-governativi
21/01/2020 08:55
Card Sako: la fratellanza umana linea guida per un nuovo Iraq, unito e plurale
13/12/2019 09:59
Patriarca caldeo: Il futuro dei cristiani irakeni passa dalla piana di Ninive
09/12/2019 09:44