23/06/2006, 00.00
corea del sud
Invia ad un amico

Card. Cheong: "L'ambiente vive una crisi che solo l'uomo può risolvere"

L'arcivescovo di Seoul è il primo presule coreano a scrivere sul tema. Nella sua lettera pastorale, inviti al rispetto delle specie che popolano la terra e proposte concrete che la Chiesa può attuare per risolvere la questione.

Seoul (AsiaNews) – Il problema ecologico "è una delle questioni più importanti ed urgenti dei nostri tempi, un problema del quale la reale causa scatenante e la reale soluzione siamo noi, esseri umani". Con queste parole il cardinale Nicholas Cheong Jin-suk, arcivescovo di Seoul, apre la sua lettera pastorale "all'arcidiocesi ed a tutta la comunità" sul tema dello sviluppo e del rispetto dell'ambiente.

E' la prima volta in assoluto che un vescovo coreano tratta l'argomento ecologia.  "La crisi che vive l'ambiente – scrive il porporato nella sua lettera, composta da 16 pagine – è un problema che non possiamo più sottovalutare. Fra i suoi fattori vi sono l'uso concentrato di energia fossile, le minacce contro la sopravvivenza di diverse specie animali e gli effetti collaterali all'uso di materiali di derivazione chimica nell'agricoltura".

Quest'ultimo fattore "porta con sé serie conseguenze: la distribuzione del cibo non è equilibrata, data la diversità delle coltivazioni, e diventa sempre meno. Con queste tecniche stiamo inoltre perdendo la capacità di generare da soli ciò che serve alla nostra sopravvivenza".

"La Chiesa – sottolinea il cardinale – deve dare la priorità alla pratica degli insegnamenti contenuti nel Vangelo e trasformare le nostre vite di modo che tutto ciò che usiamo sia rinnovabile e sostenibile dal pianeta". Il prelato suggerisce dunque una serie di "vie pratiche" per applicare questi principi: campi educativi per i giovani, in modo da spingerli verso l'ecologia. il consumo e la coltivazione di cibo naturale e catechesi per gli adulti, che "devono imparare e rispettare le loro responsabilità nei confronti di tutte le creature".

Il cardinale si dice poi "preoccupato" dalla situazione dell'inquinamento della zona di Kaesong, nuova "zona franca" dei rapporti con i nordcoreani. E' qui, infatti, che si sta sviluppando una fascia di cooperazione economica fra Seoul e Pyongyang, che mira a rafforzare i rapporti fra le due nazioni confinanti, per le quali il 25 giugno la Conferenza episcopale ha indetto una Giornata di preghiera per la riconciliazione e l'unità.

Nel suo messaggio per tale occasione, mons. Luca Kim Woon-hoe – presidente della Commissione episcopale per la riconciliazione del popolo coreano – ha invitato i fedeli "in questo momento di tensione internazionale" ad essere "strumento di pace tramite la riconciliazione della società, così come insegna il Signore, che ci ha incaricato di questa missione".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Card. Cheong: "Seoul, Manila e Hong Kong insieme per l'evangelizzazione dell'Asia"
23/02/2006
Corea: si incontrano le famiglie divise, ma la tensione cresce
21/03/2006
Card. Cheong: "Preghiamo affinché l'eucarestia possa tornare in Corea del Nord"
22/09/2006
Card. Cheong: "Farò di tutto per ospitare in Corea la prossima GMG"
30/03/2006
Corea, card. Cheong: "Impensabile una visita del Papa finchè continua la repressione nel Nord"
28/02/2006