25 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/05/2017, 11.37

    INDIA

    Card. Gracias: Illegale la demolizione di una croce a Bandra (Video)

    Nirmala Carvalho

    Le autorità di Mumbai hanno autorizzato la distruzione del simbolo religioso cristiano. L’arcivescovo lamenta che la croce sorgeva sul muro di una proprietà privata. Il proprietario dell’immobile e le gerarchie ecclesiastiche avevano presentato tutti i documenti necessari. Eretta una croce di fortuna per consentire le preghiere.

    Mumbai (AsiaNews) – Nonostante la tenace opposizione della comunità cattolica locale, le autorità municipali di Mumbai hanno demolito una croce in Bazaar Road, nel quartiere di Bandra. Ad AsiaNews il card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai e presidente della Federazione delle Conferenze episcopali asiatiche (Fabc), condanna l’ennesima “provocazione da parte del governo. Tutto ciò è davvero allarmante. Il funzionario che ha autorizzato la demolizione deve essere ritenuto responsabile di tale azione illegale”.

    Il cardinale lamenta che l’antica croce, risalente a più di 100 anni fa, “sorgeva sul muro di una proprietà privata. Essa non era elemento di disturbo per nessuno e non recava alcun danno”. Il simbolo religioso cristiano, come tante altre croci disseminate in molti angoli della città, era stato eretto intorno al 1890 durante un’epidemia di peste. “A Mumbai – aggiunge – le croci hanno un significato storico e religioso importante, dal momento che furono erette dai cristiani a protezione di quel morbo allora furente e per ricordare coloro che non sono sopravvissuti”.

    La demolizione è avvenuta il 29 aprile scorso ed è solo l’ultimo di una serie di episodi di intimidazione contro i cristiani e i loro simboli religiosi avvenuti di recente nella città: a febbraio una statua della Vergine Maria è stata vandalizzata e decapitata; a metà aprile una croce è stata profanata con una ghirlanda di pantofole attorcigliate al corpo di Cristo.

    I contrasti sulla croce di Bazaar Road risalgono addirittura al 2010, quando contro di essa è stato presentato un esposto di fronte all’Alta corte di Mumbai. Le gerarchie ecclesiastiche lamentano che la distruzione è avvenuta nonostante esse avessero prodotto i documenti richiesti da Sharad Ughade, il commissario incaricato della vicenda. Essi attestano che la croce era situata nel terreno privato di un cristiano, in possesso di tutti permessi inerenti alle strutture religiose.

    I cattolici locali stanno protestando contro la decisione della municipalità e condannano l’atto come blasfemo. Essi hanno eretto una nuova croce di fortuna e si stanno raccogliendo in preghiera di fronte ad essa.

    P. Antony Charangat, portavoce dell’arcidiocesi e direttore dell’Examiner, il settimanale diocesano, dichiara: “Il governo ha violato i diritti di un individuo cristiano entrando nella sua proprietà privata e demolendo in maniera del tutto arbitraria una croce nella sua proprietà”. La demolizione, conclude il card. Gracias, “ha ferito non solo il nostro sentimento religioso ma anche quello di tutte le altre fedi. Tali azioni non sono un bene per la nostra città e per il nostro Paese. Esse rovinano l’armonia settaria e causano il deterioramento dell’integrazione sociale e religiosa”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/05/2017 09:04:00 INDIA
    Cristiani di Mumbai protestano in silenzio per la croce demolita (Foto)

    La dichiarazione stampa dell’arcidiocesi di Mumbai. La croce di Bandra abbattuta nonostante fosse in una proprietà privata. I manifestanti indossano una fascia nera al braccio e sventolano il cartello “Costruite la mia croce”. Un’altra croce demolita a Mumbai.



    10/03/2015 INDIA
    Mumbai, cattolici pronti a celebrare "24 ore per il Signore" con papa Francesco
    L'arcivescovo card. Gracias ha chiesto a tutti i suoi sacerdoti di tenere aperte le chiese "per pregare per la missione della Chiesa in India, in Asia e in tutto il mondo", il prossimo 13 marzo. L'iniziativa lanciata dal papa per la Quaresima "ci dia la grazia di vincere la 'globalizzazione dell'indifferenza' e diventare strumenti visibili del suo amore".

    18/01/2017 12:57:00 INDIA
    Card. Gracias: Preghiamo insieme per l’unità dei cristiani

    Per la prima volta a Mumbai la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani viene organizzata da cattolici e pentecostali. L’arcivescovo presiederà la preghiera ecumenica il 20 gennaio. Leader cristiano: “Le divisioni sono terreno fertile per i radicali indù che vogliono demolire le icone cristiane di carità, educazione e assistenza ai malati”.



    05/03/2011 INDIA
    Abbattute 4 delle 729 croci a Mumbai, ferma condanna del vescovo
    Gli uffici del comune hanno demolito le prime 4 delle 729 croci cristiane ritenute abusive, nonostante fosse stato assicurato tempo ai cristiani per dimostrarne la regolarità. Mons. Gracias: “azione ingiusta e illegale”, ne chiediamo la riedificazione. Le scuse del Capo ministro dello Stato.

    08/11/2016 12:16:00 INDIA
    Il card. Gracias celebra il giubileo dei migranti tribali: Siete la nostra famiglia (Foto)

    L’arcivescovo ha invitato il card. Toppo, arcivescovo di Ranchi e con origini tribali. A Mumbai vivono circa 80mila migranti provenienti in larga parte dall’altopiano di Chota Nagpur (India centro-orientale). Nella megalopoli essi sono vittime di discriminazione sociale e lavorativa. Un piano di cooperazione tra le arcidiocesi di Mumbai e Ranchi.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®