23 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/06/2017, 09.53

    SIRIA - VATICANO

    Card. Zenari: in Siria segni di “miglioramento”, ma i cristiani continuano a soffrire



    Ad Aleppo fino a due terzi della popolazione cristiana ha abbandonato la città, circa la metà nel resto del Paese. Serve garantire un lavoro a chi è rimasto e l’istruzione ai giovani. E un “sostegno spirituale” per continuare la missione di “testimoni di Cristo” in una terra a maggioranza musulmana. La prossima settimana l’incontro con il papa.

     

    Roma (AsiaNews) - Nelle ultime settimane a Damasco e in altre zone della Siria sembra esserci “un calo delle violenze”, che al momento “si concentrano a Raqqa e nelle altre aree della provincia” dove sono in atto “pesanti combattimenti”. Un altro settore critico è “l’area a sud, al confine con la Giordania”, per il resto “sembra esservi un miglioramento”. È quanto racconta ad AsiaNews il card. Mario Zenari, nunzio apostolico a Damasco, in questi giorni in Italia dove incontrerà, la prossima settimana, anche papa Francesco il quale ha sempre mostrato particolare attenzione per la “amata e martoriata Siria”. In questo contesto, prosegue il porporato, “la situazione dei cristiani è di sofferenza generale e trasversale” che comprende “tutta la popolazione”, sebbene in questo contesto “i gruppi minoritari, compresi i cristiani, sono quelli più a rischio”.

    Secondo un rapporto pubblicato di recente, fino all’80% della popolazione cristiana originaria ha abbandonato in questi anni l’Iraq e la Siria, a causa della guerra e dell’escalation dei movimenti estremisti di matrice islamica. E con il trascorrere del tempo la comunità cristiana sembra perdere sempre più la speranza di poter tornare. Una parte ha trovato rifugio nelle nazioni dell’area - Libano e Giordania su tutte - in condizioni spesso di precarietà. Altri sono emigrati in Europa, Stati Uniti, Canada e Australia, le principali nazioni della diaspora. Alla base dell’esodo vi sarebbero l’alto costo della vita, la mancanza di lavoro e di opportunità educative, la distruzione delle cittadine cristiane e la perdita del senso di comunità.

    “Le statistiche in Medio oriente sono sempre difficili da valutare o commentare - afferma il card. Zenari - ma un dato fra i più attendibili è quello riguardante Aleppo, dove si ha un riscontro oggettivo per quanto concerne la presenza cristiana e il fenomeno migratorio. Dagli ultimi dati emerge che fino ai due terzi dei cristiani se ne sono andati” alla ricerca di pace e sicurezza. Per quanto concerne la Siria, aggiunge, sembra che “quasi la metà” della popolazione originaria abbia trovato riparo e accoglienza all’estero, soprattutto negli altri Paesi della regione e in Europa. A dispetto delle difficoltà, secondo il porporato la comunità cristiana in Siria resta una “realtà attiva, sia dal punto di vista pastorale che a livello di fede. La pratica della vita cristiana e la fede restano sono un sostegno per affrontare le difficoltà. Inoltre, essa ha saputo mantenersi dinamica sul piano umanitario”. Nel contesto siriano, una nazione a maggioranza musulmana e in guerra dal marzo 2011, “sono le opere più delle parole a testimoniare l’appartenenza religiosa. In questo senso Aleppo rappresenta un modello, con la comunità cristiana che ha sempre mantenuto un criterio di responsabilità verso una realtà martoriata dalle violenze”.

    Se chi è rimasto rappresenta un testimone della fede e dell’insegnamento di Cristo, resta pur sempre aperta la “ferita” della migrazione: “Chi può - racconta il card. Zenari - ancora oggi cerca di partire. In Siria vi sono più di cinque milioni di rifugiati, un milione di persone ha cercato riparo in Europa. Quella della migrazione è una delle bombe più devastanti che hanno investito il Paese; le partenze hanno lasciato dei vuoti enormi, nella società e nella Chiesa”. Il problema riguarda in particolare “i giovani, con un impoverimento generale”. A questo si aggiunge la ormai cronica “mancanza di specialisti, di figure essenziali come dottori, ingegneri. Si stima - aggiunge - che il 90% dei medici siriani sia fuggita oltreconfine negli ultimi sei anni”. Da qui l’appello lanciato dal cardinale per un “duplice aiuto" ai cristiani rimasti in Siria: “Da un lato - spiega - il sostegno economico, cercando di trovare loro un lavoro, aiutandoli a pagare l’affitto, la scuola per i bambini, le spese mediche. Dall’altro vi è poi la necessità di un aiuto spirituale, di modo che possano continuare ad adempiere la loro missione e il loro impegno civico nella terra in cui sono nati. Vanno aiutati a proseguire nella loro opera di testimoni di Cristo in un Paese a maggioranza musulmana”.

    In questo contesto sono fonte di ulteriore preoccupazione le gravi crisi che coinvolgono in maniera più o meno diretta anche la Siria e rischiano di far esplodere la polveriera mediorientale. Ultima in ordine di tempo la feroce controversia in atto fra Riyadh e Doha, con l’accusa al Qatar di  sostenere movimenti terroristi islamici e, soprattutto, di mantenere rapporti diplomatici e commerciali con l’Iran, nemico numero uno dei sauditi in Medio oriente. “Quello che è evidente - conclude il porporato - è che la Siria sta soffrendo da anni, a causa di una guerra per procura dietro la quale vi sono forti interessi regionali e globali. Oggi sul territorio si contano almeno sette o otto bandiere [di nazioni] diverse, a conferma della complessità di una guerra che da rivolta civile si è trasformata presto in una guerra per procura di portata internazionale”.(DS)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/06/2017 13:17:00 IRAQ - SIRIA
    Patriarcato caldeo: dopo il genocidio dell’Isis, dialogo, giustizia e unità per ricostruire l’Iraq

    A tre anni dalla presa di Mosul il patriarca Sako ha visitato la zona liberata da esercito e Peshmerga. L’opera di ricostruzione sia anche “opportunità di lavoro” e occasione per garantire “pace, sicurezza e stabilità”. Secondo una recente inchiesta l’80% dei cristiani ha abbandonato Siria e Iraq dal 2011.



    19/01/2017 13:52:00 IRAQ - SIRIA
    Sacerdote irakeno: “Fiducia e speranza” aspettando la liberazione di Mosul

    Don Paolo Thabit Mekko racconta il clima di attesa fra i profughi di Mosul e della piana di Ninive. Un piccolo gruppo ha già visitato le case del settore orientale della città, liberato dalla presenza jihadista. Essenziale garantire “la sicurezza” delle aree liberate e trovare una nuova formula “di amministrazione e controllo”. Nel 2016 Daesh ha perso un quarto del territorio. 

     



    19/12/2014 IRAQ - SIRIA
    Monte Sinjar, i peshmerga rompono l’assedio delle milizie dello Stato islamico
    Si tratta della vittoria militare più importante dei curdi contro gli islamisti dall’inizio della guerra. I combattenti avrebbero aperto un corridoio per consentire la fuga di 1200 famiglie intrappolate dall’estate. Tuttavia fonti yazide non confermano la fine dell’assedio e lo stanziamento di peshmerga. Nei radi aerei statunitensi di dicembre morte figure di primo piano dello SI.

    29/08/2014 IRAQ - SIRIA
    Dalla Siria all’Iraq, nuovi orrori (e decapitazioni) delle milizie dello Stato islamico
    Durante la presa della base aerea di Raqqa gli islamisti hanno catturato e ucciso decine di soldati dell’esercito di Damasco. Nell’altura del Golan sequestrati Caschi blu: l’Onu chiede il rilascio immediato. In Iraq i jihadisti hanno decapitato un combattente curdo, minacce ai leader della regione autonoma.

    04/04/2016 11:14:00 SIRIA
    Pasqua a Damasco: Cristiani e musulmani in piazza per una festa di pace

    Riad Sargi, ingegnere cattolico, racconta ad AsiaNews le feste appena passate "Un’atmosfera fantastica, chiese gremite di fedeli”. Cristiani e musulmani si sono scambiati visite e messaggi di auguri, augurandosi il ritorno ad “una vita normale”. Una delegazione francese ha sperimentato il carattere multi-culturale della Siria e l’ideale di “laicità araba”.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®