22 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/06/2017, 09.53

    SIRIA - VATICANO

    Card. Zenari: in Siria segni di “miglioramento”, ma i cristiani continuano a soffrire



    Ad Aleppo fino a due terzi della popolazione cristiana ha abbandonato la città, circa la metà nel resto del Paese. Serve garantire un lavoro a chi è rimasto e l’istruzione ai giovani. E un “sostegno spirituale” per continuare la missione di “testimoni di Cristo” in una terra a maggioranza musulmana. La prossima settimana l’incontro con il papa.

     

    Roma (AsiaNews) - Nelle ultime settimane a Damasco e in altre zone della Siria sembra esserci “un calo delle violenze”, che al momento “si concentrano a Raqqa e nelle altre aree della provincia” dove sono in atto “pesanti combattimenti”. Un altro settore critico è “l’area a sud, al confine con la Giordania”, per il resto “sembra esservi un miglioramento”. È quanto racconta ad AsiaNews il card. Mario Zenari, nunzio apostolico a Damasco, in questi giorni in Italia dove incontrerà, la prossima settimana, anche papa Francesco il quale ha sempre mostrato particolare attenzione per la “amata e martoriata Siria”. In questo contesto, prosegue il porporato, “la situazione dei cristiani è di sofferenza generale e trasversale” che comprende “tutta la popolazione”, sebbene in questo contesto “i gruppi minoritari, compresi i cristiani, sono quelli più a rischio”.

    Secondo un rapporto pubblicato di recente, fino all’80% della popolazione cristiana originaria ha abbandonato in questi anni l’Iraq e la Siria, a causa della guerra e dell’escalation dei movimenti estremisti di matrice islamica. E con il trascorrere del tempo la comunità cristiana sembra perdere sempre più la speranza di poter tornare. Una parte ha trovato rifugio nelle nazioni dell’area - Libano e Giordania su tutte - in condizioni spesso di precarietà. Altri sono emigrati in Europa, Stati Uniti, Canada e Australia, le principali nazioni della diaspora. Alla base dell’esodo vi sarebbero l’alto costo della vita, la mancanza di lavoro e di opportunità educative, la distruzione delle cittadine cristiane e la perdita del senso di comunità.

    “Le statistiche in Medio oriente sono sempre difficili da valutare o commentare - afferma il card. Zenari - ma un dato fra i più attendibili è quello riguardante Aleppo, dove si ha un riscontro oggettivo per quanto concerne la presenza cristiana e il fenomeno migratorio. Dagli ultimi dati emerge che fino ai due terzi dei cristiani se ne sono andati” alla ricerca di pace e sicurezza. Per quanto concerne la Siria, aggiunge, sembra che “quasi la metà” della popolazione originaria abbia trovato riparo e accoglienza all’estero, soprattutto negli altri Paesi della regione e in Europa. A dispetto delle difficoltà, secondo il porporato la comunità cristiana in Siria resta una “realtà attiva, sia dal punto di vista pastorale che a livello di fede. La pratica della vita cristiana e la fede restano sono un sostegno per affrontare le difficoltà. Inoltre, essa ha saputo mantenersi dinamica sul piano umanitario”. Nel contesto siriano, una nazione a maggioranza musulmana e in guerra dal marzo 2011, “sono le opere più delle parole a testimoniare l’appartenenza religiosa. In questo senso Aleppo rappresenta un modello, con la comunità cristiana che ha sempre mantenuto un criterio di responsabilità verso una realtà martoriata dalle violenze”.

    Se chi è rimasto rappresenta un testimone della fede e dell’insegnamento di Cristo, resta pur sempre aperta la “ferita” della migrazione: “Chi può - racconta il card. Zenari - ancora oggi cerca di partire. In Siria vi sono più di cinque milioni di rifugiati, un milione di persone ha cercato riparo in Europa. Quella della migrazione è una delle bombe più devastanti che hanno investito il Paese; le partenze hanno lasciato dei vuoti enormi, nella società e nella Chiesa”. Il problema riguarda in particolare “i giovani, con un impoverimento generale”. A questo si aggiunge la ormai cronica “mancanza di specialisti, di figure essenziali come dottori, ingegneri. Si stima - aggiunge - che il 90% dei medici siriani sia fuggita oltreconfine negli ultimi sei anni”. Da qui l’appello lanciato dal cardinale per un “duplice aiuto" ai cristiani rimasti in Siria: “Da un lato - spiega - il sostegno economico, cercando di trovare loro un lavoro, aiutandoli a pagare l’affitto, la scuola per i bambini, le spese mediche. Dall’altro vi è poi la necessità di un aiuto spirituale, di modo che possano continuare ad adempiere la loro missione e il loro impegno civico nella terra in cui sono nati. Vanno aiutati a proseguire nella loro opera di testimoni di Cristo in un Paese a maggioranza musulmana”.

    In questo contesto sono fonte di ulteriore preoccupazione le gravi crisi che coinvolgono in maniera più o meno diretta anche la Siria e rischiano di far esplodere la polveriera mediorientale. Ultima in ordine di tempo la feroce controversia in atto fra Riyadh e Doha, con l’accusa al Qatar di  sostenere movimenti terroristi islamici e, soprattutto, di mantenere rapporti diplomatici e commerciali con l’Iran, nemico numero uno dei sauditi in Medio oriente. “Quello che è evidente - conclude il porporato - è che la Siria sta soffrendo da anni, a causa di una guerra per procura dietro la quale vi sono forti interessi regionali e globali. Oggi sul territorio si contano almeno sette o otto bandiere [di nazioni] diverse, a conferma della complessità di una guerra che da rivolta civile si è trasformata presto in una guerra per procura di portata internazionale”.(DS)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/06/2017 13:17:00 IRAQ - SIRIA
    Patriarcato caldeo: dopo il genocidio dell’Isis, dialogo, giustizia e unità per ricostruire l’Iraq

    A tre anni dalla presa di Mosul il patriarca Sako ha visitato la zona liberata da esercito e Peshmerga. L’opera di ricostruzione sia anche “opportunità di lavoro” e occasione per garantire “pace, sicurezza e stabilità”. Secondo una recente inchiesta l’80% dei cristiani ha abbandonato Siria e Iraq dal 2011.



    19/01/2017 13:52:00 IRAQ - SIRIA
    Sacerdote irakeno: “Fiducia e speranza” aspettando la liberazione di Mosul

    Don Paolo Thabit Mekko racconta il clima di attesa fra i profughi di Mosul e della piana di Ninive. Un piccolo gruppo ha già visitato le case del settore orientale della città, liberato dalla presenza jihadista. Essenziale garantire “la sicurezza” delle aree liberate e trovare una nuova formula “di amministrazione e controllo”. Nel 2016 Daesh ha perso un quarto del territorio. 

     



    19/12/2014 IRAQ - SIRIA
    Monte Sinjar, i peshmerga rompono l’assedio delle milizie dello Stato islamico
    Si tratta della vittoria militare più importante dei curdi contro gli islamisti dall’inizio della guerra. I combattenti avrebbero aperto un corridoio per consentire la fuga di 1200 famiglie intrappolate dall’estate. Tuttavia fonti yazide non confermano la fine dell’assedio e lo stanziamento di peshmerga. Nei radi aerei statunitensi di dicembre morte figure di primo piano dello SI.

    29/08/2014 IRAQ - SIRIA
    Dalla Siria all’Iraq, nuovi orrori (e decapitazioni) delle milizie dello Stato islamico
    Durante la presa della base aerea di Raqqa gli islamisti hanno catturato e ucciso decine di soldati dell’esercito di Damasco. Nell’altura del Golan sequestrati Caschi blu: l’Onu chiede il rilascio immediato. In Iraq i jihadisti hanno decapitato un combattente curdo, minacce ai leader della regione autonoma.

    04/04/2016 11:14:00 SIRIA
    Pasqua a Damasco: Cristiani e musulmani in piazza per una festa di pace

    Riad Sargi, ingegnere cattolico, racconta ad AsiaNews le feste appena passate "Un’atmosfera fantastica, chiese gremite di fedeli”. Cristiani e musulmani si sono scambiati visite e messaggi di auguri, augurandosi il ritorno ad “una vita normale”. Una delegazione francese ha sperimentato il carattere multi-culturale della Siria e l’ideale di “laicità araba”.





    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®