24 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/06/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Cecil Chaudhry: eroico testimone di Cristo, fra i musulmani pakistani

    Shafique Khokhar

    A due mesi dalla scomparsa, la comunità cristiana ricorda l’alto ufficiale dell’esercito e leader cattolico. Alla cerimonia di suffragio centinaia di persone, anche musulmane. Attivista pro diritti umani: più forte della “discriminazione”. P. Mendes: onesto e dedito alla famiglia. Giovane pakistana: “il mio eroe e il mio ideale”.

    Lahore (AsiaNews) - A due mesi dalla scomparsa, la comunità cristiana ha voluto rendere omaggio alla figura di Cecil Chaudhry, pilota delle Forze armate del Paese, eroe dell'indipendenza e promotore dell'ideale "una nazione, un popolo" alla base del Pakistan. Cattolico, attivista pro diritti umani e civili, egli è morto il 13 aprile dopo una lunga malattia; alle esequie hanno partecipato migliaia di cittadini, in lacrime per la morte di un leader di primo piano. Il 9 giugno scorso almeno 500 persone fra cristiani e musulmani si sono riuniti nella cattedrale del Sacro Cuore di Lahore, per una messa di suffragio. Alla cerimonia hanno partecipato vescovi, sacerdoti, suore, attivisti per i diritti umani e semplici cittadini che hanno letto poesie, speciali preghiere, discorsi alla memoria; al termine si è svolta la celebrazioni eucaristica, guidata dall'arcivescovo di Karachi mons. Joseph Coutts.

    Nato il 27 agosto 1941 in una famiglia cattolica di Dalwal (Punjab), Cecil Chaudhry nutriva una "fede profonda" in Cristo. Nel 1958 entra nell'accademia militare dell'aviazione pakistana. Durante la sua permanenza nell'esercito partecipa alle guerre indo-pakistane del 1965 e del 1971, dove si distingue in diverse operazioni ad alto rischio che gli valgono due medaglie al valore. Si ritira dall'esercito nel 1986 con il grado di colonnello, perché non essendo musulmano non può coprire la carica di Capo delle Forze armate. Figura di spicco nel processo di riconciliazione fra India e Pakistan, inizia al contempo una battaglia a favore dei diritti umani e dell'educazione dei giovani, in particolare fra i membri delle minoranze.

    Ricordando la mancata nomina al vertice dell'esercito - il vero "potere forte" del Pakistan - a causa della religione, I.A. Rehman, direttore di Human Rights Commission of Pakistan (Hrcp, sottolinea che "egli non ha permesso alla discriminazione di impedirgli di lavorare a favore della nazione". Per questo Chaudhry ha rivolto i suoi sforzi nel settore "dell'istruzione e dei diritti umani". P. Bonnie Mendes, sacerdote a Faisalabad e coordinatore regionale di Caritas Asia, aggiunge che egli "avrebbe potuto diventare multimilionario" durante la trattativa con la Francia per l'acquisto di aerei da combattimento, ma ha preferito dedicare i suoi servigi al Paese all'insegna dell'onestà. "Cecil - ricorda - non voleva ricchezza materiale, ma un bene maggiore che deriva dall'amore e dalla comprensione familiare" e ha più volte invitato i concittadini a fare del Pakistan "un popolo, una nazione".

    Shalom Bashrat, giovane cristiano di Lahore, presente alla celebrazione, racconta di trarre "ispirazione" dalla "lotta per i diritti degli oppressi" promossa da Chaudhry. "Era una vero modello per i giovani cristiani pakistani" afferma ad AsiaNews, perché rappresentava un "testimone vivente dell'essere cristiani all'interno della comunità musulmana" e ha più volte invitato "le famiglie cristiane a educare e far studiare i propri figli", promuovendo anche borse di studio per i più poveri ma meritevoli. E lancia una frecciata all'attuale leadership cristiana, troppo dedita "ai propri interessi" piuttosto che al bene comune. Anche la giovane Nazia Shaheed ha voluto partecipare alla messa di suffragio, perché considera Chaudhry "il mio eroe e il mio ideale": "Non era solo un vero difensore del Pakistan - commenta la ragazza - ma anche un autorevole difensore dei diritti umani e, al contempo, un promotore di pace" nel Paese.

    Negli anni '90 Cecil Chaudhry viene nominato segretario dell'All Pakistan Minorities Alliance (Apma), gruppo fondato nel 1985 da Shahbaz Bhatti. Nell'ultimo periodo di vita lavora a fianco del ministro assassinato dai fondamentalisti islamici, dedicandosi alle riforme scolastiche per i bambini disabili. Chaudhry è stato anche un attivo sostenitore della Commissione nazionale di giustizia e pace e per 14 anni ha condotto la campagna che nel 2002 ha portato al ripristino del suffragio universale.

    (Ha collaborato Joseph Laldin)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/12/2004 TAIWAN – CINA
    Taiwan toglie i riferimenti alla Cina nei codici militari


    20/07/2012 PAKISTAN
    Il Punjab intitola una base aerea militare a Cecil Chaudhry
    La proposta è di Najmi Saleem, deputata del Pakistan People’s Party (Ppp) e membro dell’Assemblea provinciale. I cristiani salutano la decisione, ma notano che sarebbe dovuta arrivare già alla morte dell’eroe cattolico dell’aviazione militare.

    14/04/2012 PAKISTAN
    Muore Cecil Chaudhry, cattolico e attivista per i diritti umani
    Si è spento ieri dopo una lunga battaglia contro il cancro. I suoi funerali si terranno domani nella cattedrale del Sacro Cuore di Lahore. Pluridecorato dell'aviazione pakistana, egli ha lavorato per 20 anni all'educazione dei bambini poveri e disabili. Chaudhry è stato uno dei più importanti collaboratori di Shahbaz Bhatti.

    21/02/2006 INDONESIA
    L'Indonesia vuole diminuire il potere delle forze armate sulla società civile

    Si vuole garantire maggior rispetto della democrazia, dei diritti umani, della competizione politica ed eliminare il coinvolgimento dei militari in affari economici. Ma non  è chiaro come ottenerlo ed evitare un indebolimento dell'esercito.



    21/12/2016 12:38:00 PAKISTAN
    Lahore, fondazione cattolica offre doni di Natale agli studenti poveri (Foto)

    La Cecil&Iris Chaudhry Foundation accoglie bambini poveri e fornisce loro un’istruzione di qualità. Youhanabad è la colonia cristiana più popolosa del Pakistan, ma non esistono scuole statali. I regali sono stati raccolti con un’iniziativa di beneficienza locale.





    In evidenza

    VATICANO-USA
    Papa a Trump: La grandezza dell’America misurata dall’attenzione ai poveri



    Papa Francesco esalta la “ricca spiritualità dei valori etici che hanno plasmato la storia del popolo americano” e chiede l’impegno “per il progresso della dignità umana e la libertà in tutto il mondo”.  Preoccuparsi “per i poveri, gli esclusi, e i bisognosi che, come Lazzaro, stanno davanti alla nostra porta”.  Il giuramento di Trump preceduto da diverse preghiere di rappresentanti cattolici, protestanti, ebrei.  Lo slogan “America first” guiderà le scelte politiche. Le pesanti critiche all’establishment. La cautela della Cina e l’entusiasmo della presidente di Taiwan.


    CINA-USA
    Comincia l'era di Trump: il rapporto Cina-Usa e il rischio di una guerra

    Wei Jingsheng

    Nell’attesa della cerimonia di inaugurazione della presidenza Trump, l’Ufficio di propaganda del Partito comunista cinese ha vietato a tutti i giornalisti “critiche non autorizzate” alle parole o ai gesti di Trump. Secondo il grande dissidente Wei Jingsheng vi sono possibilità che Trump costringa la Cina a accordi commerciali equi, influenzando anche una riforma interna della politica e della giustizia. L’opzione di una guerra commerciale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®