1 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/06/2012
PAKISTAN
Cecil Chaudhry: eroico testimone di Cristo, fra i musulmani pakistani
di Shafique Khokhar
A due mesi dalla scomparsa, la comunità cristiana ricorda l’alto ufficiale dell’esercito e leader cattolico. Alla cerimonia di suffragio centinaia di persone, anche musulmane. Attivista pro diritti umani: più forte della “discriminazione”. P. Mendes: onesto e dedito alla famiglia. Giovane pakistana: “il mio eroe e il mio ideale”.

Lahore (AsiaNews) - A due mesi dalla scomparsa, la comunità cristiana ha voluto rendere omaggio alla figura di Cecil Chaudhry, pilota delle Forze armate del Paese, eroe dell'indipendenza e promotore dell'ideale "una nazione, un popolo" alla base del Pakistan. Cattolico, attivista pro diritti umani e civili, egli è morto il 13 aprile dopo una lunga malattia; alle esequie hanno partecipato migliaia di cittadini, in lacrime per la morte di un leader di primo piano. Il 9 giugno scorso almeno 500 persone fra cristiani e musulmani si sono riuniti nella cattedrale del Sacro Cuore di Lahore, per una messa di suffragio. Alla cerimonia hanno partecipato vescovi, sacerdoti, suore, attivisti per i diritti umani e semplici cittadini che hanno letto poesie, speciali preghiere, discorsi alla memoria; al termine si è svolta la celebrazioni eucaristica, guidata dall'arcivescovo di Karachi mons. Joseph Coutts.

Nato il 27 agosto 1941 in una famiglia cattolica di Dalwal (Punjab), Cecil Chaudhry nutriva una "fede profonda" in Cristo. Nel 1958 entra nell'accademia militare dell'aviazione pakistana. Durante la sua permanenza nell'esercito partecipa alle guerre indo-pakistane del 1965 e del 1971, dove si distingue in diverse operazioni ad alto rischio che gli valgono due medaglie al valore. Si ritira dall'esercito nel 1986 con il grado di colonnello, perché non essendo musulmano non può coprire la carica di Capo delle Forze armate. Figura di spicco nel processo di riconciliazione fra India e Pakistan, inizia al contempo una battaglia a favore dei diritti umani e dell'educazione dei giovani, in particolare fra i membri delle minoranze.

Ricordando la mancata nomina al vertice dell'esercito - il vero "potere forte" del Pakistan - a causa della religione, I.A. Rehman, direttore di Human Rights Commission of Pakistan (Hrcp, sottolinea che "egli non ha permesso alla discriminazione di impedirgli di lavorare a favore della nazione". Per questo Chaudhry ha rivolto i suoi sforzi nel settore "dell'istruzione e dei diritti umani". P. Bonnie Mendes, sacerdote a Faisalabad e coordinatore regionale di Caritas Asia, aggiunge che egli "avrebbe potuto diventare multimilionario" durante la trattativa con la Francia per l'acquisto di aerei da combattimento, ma ha preferito dedicare i suoi servigi al Paese all'insegna dell'onestà. "Cecil - ricorda - non voleva ricchezza materiale, ma un bene maggiore che deriva dall'amore e dalla comprensione familiare" e ha più volte invitato i concittadini a fare del Pakistan "un popolo, una nazione".

Shalom Bashrat, giovane cristiano di Lahore, presente alla celebrazione, racconta di trarre "ispirazione" dalla "lotta per i diritti degli oppressi" promossa da Chaudhry. "Era una vero modello per i giovani cristiani pakistani" afferma ad AsiaNews, perché rappresentava un "testimone vivente dell'essere cristiani all'interno della comunità musulmana" e ha più volte invitato "le famiglie cristiane a educare e far studiare i propri figli", promuovendo anche borse di studio per i più poveri ma meritevoli. E lancia una frecciata all'attuale leadership cristiana, troppo dedita "ai propri interessi" piuttosto che al bene comune. Anche la giovane Nazia Shaheed ha voluto partecipare alla messa di suffragio, perché considera Chaudhry "il mio eroe e il mio ideale": "Non era solo un vero difensore del Pakistan - commenta la ragazza - ma anche un autorevole difensore dei diritti umani e, al contempo, un promotore di pace" nel Paese.

Negli anni '90 Cecil Chaudhry viene nominato segretario dell'All Pakistan Minorities Alliance (Apma), gruppo fondato nel 1985 da Shahbaz Bhatti. Nell'ultimo periodo di vita lavora a fianco del ministro assassinato dai fondamentalisti islamici, dedicandosi alle riforme scolastiche per i bambini disabili. Chaudhry è stato anche un attivo sostenitore della Commissione nazionale di giustizia e pace e per 14 anni ha condotto la campagna che nel 2002 ha portato al ripristino del suffragio universale.

(Ha collaborato Joseph Laldin)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/12/2004 TAIWAN – CINA
Taiwan toglie i riferimenti alla Cina nei codici militari
20/07/2012 PAKISTAN
Il Punjab intitola una base aerea militare a Cecil Chaudhry
di Shafique Kokhar
14/04/2012 PAKISTAN
Muore Cecil Chaudhry, cattolico e attivista per i diritti umani
di Jibran Khan
21/02/2006 INDONESIA
L'Indonesia vuole diminuire il potere delle forze armate sulla società civile
08/07/2015 PAKISTAN
Lahore: un nuovo futuro per i figli di Shama e Shahzad, bruciati vivi dai musulmani
di Shafique Khokhar

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate