31 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/08/2012
PAKISTAN
Centinaia di famiglie indù in fuga: ideale tradito di un Pakistan che celebra l’Indipendenza
di Shafique Khokhar
A Faisalabad musulmani e cristiani hanno ricordato l’idea di nazione promossa dal fondatore Ali Jinnah nel 1947. Attivista cristiano: la realtà odierna è “lontana”. Parlamentare musulmano: le relazioni fra comunità migliorano. Ma continua l’esodo di centinaia di famiglie indù, vittime di sequestri e conversioni forzate.

Faisalabad (AsiaNews) - Musulmani e cristiani in Pakistan hanno celebrato la festa dell'Indipendenza ricordando l'ideale di nazione promosso dal padre fondatore, Ali Jinnah: un Paese democratico e aperto al contributo di tutte le razze e le fedi religiose, che devono godere di pari diritti. In molte città il 14 agosto, data che segna la fine del colonialismo britannico e la nascita del nuovo Stato, si sono svolte manifestazioni di piazza e cerimonie contraddistinte da canti, bandiere e dalla diffusione dell'inno nazionale. E in alcuni casi le cerimonie hanno assunto una connotazione interconfessionale, come avvenuto a Faisalabad grazie all'iniziativa di fondazioni dedite alla difesa dei diritti umani. Tuttavia, il Paese continua a registrate episodi di violenze e persecuzioni verso singoli, comunità o intere etnie e religioni. Come avviene nelle ultime settimane ai danni della minoranza indù: centinaia di famiglie si dirigono verso il confine, per sfuggire alle violenze, in un esodo che ricorda molto da vicino il flusso migratorio incrociato registrato nel 1947: i musulmani verso il neonato Pakistan, e le comunità indù in fuga dalle terre di origine in cerca di riparo e accoglienza in India.

A Faisalabad, nel Punjab, la Fondazione Pace e sviluppo umano (Phd) assieme alla Care Foundation, ha promosso una festa interconfessionale per celebrare l'indipendenza. Nel corso della manifestazione si sono letti passi tratti dalla Bibbia e dal Corano, è risuonato l'inno nazionale e semplici cittadini - cristiani e musulmani, assieme a leader politici e sociali - hanno sventolato bandiere e stendardi. Durante la manifestazione, si è sottolineato a più riprese il ruolo delle minoranze religiose nella nascita e nello sviluppo del Pakistan.

I relatori intervenuti al seminario "Visione di un Pakistan pacifico e democratico", promosso nel contesto della giornata di festa, hanno ricordato che è compito del governo seguire la linea tracciata dal padre fondatore, guidare la nazione secondo i suoi ideali, promuovendo l'unità e contrastando ogni forma di discriminazione. Suneel Malik, attivista cristiano e direttore di Phd, conferma che "la realtà odierna" è lontana "dalla visione di Ali Jinnah"; per questo è necessario rilanciarne l'eredità, inserendola "nella Costituzione".

Gli fa eco l'attivista per i diritti delle donne Shazia George, che esprime "grande preoccupazione" per la continua crescita di "conversioni forzate, odio, discriminazioni e violenze", che hanno messo a rischio la vita e le proprietà delle "comunità più deboli". Ina preoccupazione condivisa dal parlamentare del Punjab Rana Afzal Khan, un musulmano, secondo cui "le minoranze religiose devono affrontare numerose sfide" nonostante - in linea teorica - debbano godere di pari diritti e pur avendo contribuito "moltissimo" alla "nascita della nazione". Egli è convinto che "le relazioni" tra comunità diverse migliorino con il passare del tempo e, per questo, "non dobbiamo perdere la speranza".

Tuttavia, la realtà dei fatti sembra diversa e l'esodo di centinaia di famiglia indù ne è una prova. Negli ultimi giorni - mentre il Paese celebra l'Indipendenza - oltre 300 famiglie hanno oltrepassato il confine cercando rifugio in India, attraverso il varco di Attari. La gente cerca di sfuggire a persecuzioni e abusi, sequestri, conversioni e matrimoni forzati  come racconta Raj Kumar, un abitante del Sindh la cui figlia è stata rapita e convertita a forza all'islam. "Siamo nati qui, in Pakistan - afferma l'uomo - ma non ci hanno mai accettati come figli di questa terra". Nel 2011, riferiscono le stime ufficiali, almeno 7mila famiglie sono emigrate in India e altre 5mila sono in attesa di varcare i confini. Ma per i leader islamici questa è propaganda, come afferma Syed Munawar Hassa, capo di Jamat-e-Islami: le minoranze godono di uguali diritti, afferma, il Pakistan "è la sola nazione al mondo che assicura protezione alle minoranze". Ma ciò che davvero conta, per il capo talebano, è il "compiti di ogni musulmano di accrescere la umma", anche al prezzo di conversioni forzate e violenze.

(Ha collaborato Jibran Khan)

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/08/2012 PAKISTAN - INDIA
Minoranze indù e cristiane perseguitate in Pakistan; senza garanzie in India
di Nirmala Carvalho
08/04/2013 PAKISTAN
Punjab, conversione all’islam o morte: da oltre 20 anni l’incubo di una famiglia cristiana
di Jibran Khan
04/02/2013 PAKISTAN
Baluchistan: rifiutava di convertirsi all’islam, cristiano ucciso a colpi di pistola
di Jibran Khan
13/04/2012 PAKISTAN
Lahore, cristiani e indù contro il "fascismo religioso" delle conversioni forzate all'islam
di Jibran Khan
06/08/2011 PAKISTAN
Punjab, violenze anticristiane: convertita a forza all’islam e costretta a sposare il rapitore
di Jibran Khan

In evidenza
VATICANO
Il Papa su Medio Oriente, Iraq, Ucraina: "Fermatevi, ve lo chiedo con tutto il cuore! Fermatevi!"Il ricordo dei bambini, vittime delle guerre, "ai quali si toglie la speranza di una vita degna". Affrontare "ogni diatriba con la tenacia del dialogo e del negoziato e con la forza della riconciliazione". Domani, i 100 anni dallo scoppio della Prima guerra mondiale, "un giorno di lutto". Imparare le lezioni della storia. Il Vangelo ti fa conoscere Gesù vero, vivo; ti parla al cuore e ti cambia la vita, come per san Francesco di Assisi. "La gioia di avere trovato il tesoro del Regno di Dio traspare, si vede. Il cristiano non può tenere nascosta la sua fede".
IRAQ - VATICANO
Patriarca di Baghdad: Il cuore "sanguina" per gli innocenti in lraq, Siria e Gaza. Ed è "triste" per la timidezza del mondo civilizzatoMar Louis Sako invia un messaggio al card. Barbarin, in occasione della marcia di solidarietà con i cristiani dell'Iraq, che si tiene oggi a Lione. "Non ci dimenticate!".
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate