11 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 16/08/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Centinaia di famiglie indù in fuga: ideale tradito di un Pakistan che celebra l’Indipendenza

    Shafique Khokhar

    A Faisalabad musulmani e cristiani hanno ricordato l’idea di nazione promossa dal fondatore Ali Jinnah nel 1947. Attivista cristiano: la realtà odierna è “lontana”. Parlamentare musulmano: le relazioni fra comunità migliorano. Ma continua l’esodo di centinaia di famiglie indù, vittime di sequestri e conversioni forzate.

    Faisalabad (AsiaNews) - Musulmani e cristiani in Pakistan hanno celebrato la festa dell'Indipendenza ricordando l'ideale di nazione promosso dal padre fondatore, Ali Jinnah: un Paese democratico e aperto al contributo di tutte le razze e le fedi religiose, che devono godere di pari diritti. In molte città il 14 agosto, data che segna la fine del colonialismo britannico e la nascita del nuovo Stato, si sono svolte manifestazioni di piazza e cerimonie contraddistinte da canti, bandiere e dalla diffusione dell'inno nazionale. E in alcuni casi le cerimonie hanno assunto una connotazione interconfessionale, come avvenuto a Faisalabad grazie all'iniziativa di fondazioni dedite alla difesa dei diritti umani. Tuttavia, il Paese continua a registrate episodi di violenze e persecuzioni verso singoli, comunità o intere etnie e religioni. Come avviene nelle ultime settimane ai danni della minoranza indù: centinaia di famiglie si dirigono verso il confine, per sfuggire alle violenze, in un esodo che ricorda molto da vicino il flusso migratorio incrociato registrato nel 1947: i musulmani verso il neonato Pakistan, e le comunità indù in fuga dalle terre di origine in cerca di riparo e accoglienza in India.

    A Faisalabad, nel Punjab, la Fondazione Pace e sviluppo umano (Phd) assieme alla Care Foundation, ha promosso una festa interconfessionale per celebrare l'indipendenza. Nel corso della manifestazione si sono letti passi tratti dalla Bibbia e dal Corano, è risuonato l'inno nazionale e semplici cittadini - cristiani e musulmani, assieme a leader politici e sociali - hanno sventolato bandiere e stendardi. Durante la manifestazione, si è sottolineato a più riprese il ruolo delle minoranze religiose nella nascita e nello sviluppo del Pakistan.

    I relatori intervenuti al seminario "Visione di un Pakistan pacifico e democratico", promosso nel contesto della giornata di festa, hanno ricordato che è compito del governo seguire la linea tracciata dal padre fondatore, guidare la nazione secondo i suoi ideali, promuovendo l'unità e contrastando ogni forma di discriminazione. Suneel Malik, attivista cristiano e direttore di Phd, conferma che "la realtà odierna" è lontana "dalla visione di Ali Jinnah"; per questo è necessario rilanciarne l'eredità, inserendola "nella Costituzione".

    Gli fa eco l'attivista per i diritti delle donne Shazia George, che esprime "grande preoccupazione" per la continua crescita di "conversioni forzate, odio, discriminazioni e violenze", che hanno messo a rischio la vita e le proprietà delle "comunità più deboli". Ina preoccupazione condivisa dal parlamentare del Punjab Rana Afzal Khan, un musulmano, secondo cui "le minoranze religiose devono affrontare numerose sfide" nonostante - in linea teorica - debbano godere di pari diritti e pur avendo contribuito "moltissimo" alla "nascita della nazione". Egli è convinto che "le relazioni" tra comunità diverse migliorino con il passare del tempo e, per questo, "non dobbiamo perdere la speranza".

    Tuttavia, la realtà dei fatti sembra diversa e l'esodo di centinaia di famiglia indù ne è una prova. Negli ultimi giorni - mentre il Paese celebra l'Indipendenza - oltre 300 famiglie hanno oltrepassato il confine cercando rifugio in India, attraverso il varco di Attari. La gente cerca di sfuggire a persecuzioni e abusi, sequestri, conversioni e matrimoni forzati  come racconta Raj Kumar, un abitante del Sindh la cui figlia è stata rapita e convertita a forza all'islam. "Siamo nati qui, in Pakistan - afferma l'uomo - ma non ci hanno mai accettati come figli di questa terra". Nel 2011, riferiscono le stime ufficiali, almeno 7mila famiglie sono emigrate in India e altre 5mila sono in attesa di varcare i confini. Ma per i leader islamici questa è propaganda, come afferma Syed Munawar Hassa, capo di Jamat-e-Islami: le minoranze godono di uguali diritti, afferma, il Pakistan "è la sola nazione al mondo che assicura protezione alle minoranze". Ma ciò che davvero conta, per il capo talebano, è il "compiti di ogni musulmano di accrescere la umma", anche al prezzo di conversioni forzate e violenze.

    (Ha collaborato Jibran Khan)

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/08/2012 PAKISTAN - INDIA
    Minoranze indù e cristiane perseguitate in Pakistan; senza garanzie in India
    Le famiglie indù che fuggono dal Pakistan temono per le loro figlie rapite, convertite e sposate a forza a musulmani. Le minoranze cristiane subiscono le stesse violenze. In India non vi è una legge per i rifugiati e gli indù fuggiti attendono da decenni la cittadinanza indiana. Il partito nazionalista indù chiede protezione solo per gli indù. "I cristiani doppiamente discriminati". È urgente una politica verso le minoranze in tutta l'Asia del sud.

    08/04/2013 PAKISTAN
    Punjab, conversione all’islam o morte: da oltre 20 anni l’incubo di una famiglia cristiana
    Dalla fine degli anni ’80 Sadiq Masih Zafar e i suoi parenti vivono sotto la costante minaccia di gruppi islamisti. Nel 1998 una delle figlie è stata vittima di sequestro e ferita in modo grave. Oggi una sorella rischia analoga sorte. Nonostante le denunce, la polizia non è mai intervenuta. Sacerdote a Lahore: gli estremisti godono di impunità.

    04/02/2013 PAKISTAN
    Baluchistan: rifiutava di convertirsi all’islam, cristiano ucciso a colpi di pistola
    Il 55enne Younas Masih è morto nel pomeriggio di oggi, dopo giorni di agonia. Il 31 gennaio un uomo armato lo ha fermato mentre rientrava dal lavoro e gli ha sparato cinque colpi. Di recente un gruppo di colleghi lo minacciava, intimandogli di abbracciare la fede di Maometto. La polizia rifiuta di aprire un’inchiesta.

    19/10/2015 PAKISTAN
    Braccati e minacciati di morte: il dramma di una famiglia pakistana convertita al cristianesimo
    Dal 2006 la coppia, con due figli, è oggetto di persecuzioni da parte di esponenti della comunità musulmana. Dietro gli attacchi la decisione della donna di abbracciare la fede del marito. A nulla sono valse le denunce alla polizia. Dopo anni di traslochi e fughe, ora la famiglia vive in un luogo nascosto. Attivisti pro-diritti umani: "Garantire diritti e libertà religiosa, come da Costituzione".

    13/04/2012 PAKISTAN
    Lahore, cristiani e indù contro il "fascismo religioso" delle conversioni forzate all'islam
    Ragazze cristiane e indù rapite, convertite con la forza e sposate contro la loro volontà; giovani cristiani sottoposti a circoncisione forzata; ragazzi indù imprigionati perché amici di ragazze musulmane. Negli ultimi cinque anni almeno 400-500 cristiani costretti a convertirsi all'islam. Critiche alla lentezza del governo e della polizia.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®