26 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 16/08/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Centinaia di famiglie indù in fuga: ideale tradito di un Pakistan che celebra l’Indipendenza

    Shafique Khokhar

    A Faisalabad musulmani e cristiani hanno ricordato l’idea di nazione promossa dal fondatore Ali Jinnah nel 1947. Attivista cristiano: la realtà odierna è “lontana”. Parlamentare musulmano: le relazioni fra comunità migliorano. Ma continua l’esodo di centinaia di famiglie indù, vittime di sequestri e conversioni forzate.

    Faisalabad (AsiaNews) - Musulmani e cristiani in Pakistan hanno celebrato la festa dell'Indipendenza ricordando l'ideale di nazione promosso dal padre fondatore, Ali Jinnah: un Paese democratico e aperto al contributo di tutte le razze e le fedi religiose, che devono godere di pari diritti. In molte città il 14 agosto, data che segna la fine del colonialismo britannico e la nascita del nuovo Stato, si sono svolte manifestazioni di piazza e cerimonie contraddistinte da canti, bandiere e dalla diffusione dell'inno nazionale. E in alcuni casi le cerimonie hanno assunto una connotazione interconfessionale, come avvenuto a Faisalabad grazie all'iniziativa di fondazioni dedite alla difesa dei diritti umani. Tuttavia, il Paese continua a registrate episodi di violenze e persecuzioni verso singoli, comunità o intere etnie e religioni. Come avviene nelle ultime settimane ai danni della minoranza indù: centinaia di famiglie si dirigono verso il confine, per sfuggire alle violenze, in un esodo che ricorda molto da vicino il flusso migratorio incrociato registrato nel 1947: i musulmani verso il neonato Pakistan, e le comunità indù in fuga dalle terre di origine in cerca di riparo e accoglienza in India.

    A Faisalabad, nel Punjab, la Fondazione Pace e sviluppo umano (Phd) assieme alla Care Foundation, ha promosso una festa interconfessionale per celebrare l'indipendenza. Nel corso della manifestazione si sono letti passi tratti dalla Bibbia e dal Corano, è risuonato l'inno nazionale e semplici cittadini - cristiani e musulmani, assieme a leader politici e sociali - hanno sventolato bandiere e stendardi. Durante la manifestazione, si è sottolineato a più riprese il ruolo delle minoranze religiose nella nascita e nello sviluppo del Pakistan.

    I relatori intervenuti al seminario "Visione di un Pakistan pacifico e democratico", promosso nel contesto della giornata di festa, hanno ricordato che è compito del governo seguire la linea tracciata dal padre fondatore, guidare la nazione secondo i suoi ideali, promuovendo l'unità e contrastando ogni forma di discriminazione. Suneel Malik, attivista cristiano e direttore di Phd, conferma che "la realtà odierna" è lontana "dalla visione di Ali Jinnah"; per questo è necessario rilanciarne l'eredità, inserendola "nella Costituzione".

    Gli fa eco l'attivista per i diritti delle donne Shazia George, che esprime "grande preoccupazione" per la continua crescita di "conversioni forzate, odio, discriminazioni e violenze", che hanno messo a rischio la vita e le proprietà delle "comunità più deboli". Ina preoccupazione condivisa dal parlamentare del Punjab Rana Afzal Khan, un musulmano, secondo cui "le minoranze religiose devono affrontare numerose sfide" nonostante - in linea teorica - debbano godere di pari diritti e pur avendo contribuito "moltissimo" alla "nascita della nazione". Egli è convinto che "le relazioni" tra comunità diverse migliorino con il passare del tempo e, per questo, "non dobbiamo perdere la speranza".

    Tuttavia, la realtà dei fatti sembra diversa e l'esodo di centinaia di famiglia indù ne è una prova. Negli ultimi giorni - mentre il Paese celebra l'Indipendenza - oltre 300 famiglie hanno oltrepassato il confine cercando rifugio in India, attraverso il varco di Attari. La gente cerca di sfuggire a persecuzioni e abusi, sequestri, conversioni e matrimoni forzati  come racconta Raj Kumar, un abitante del Sindh la cui figlia è stata rapita e convertita a forza all'islam. "Siamo nati qui, in Pakistan - afferma l'uomo - ma non ci hanno mai accettati come figli di questa terra". Nel 2011, riferiscono le stime ufficiali, almeno 7mila famiglie sono emigrate in India e altre 5mila sono in attesa di varcare i confini. Ma per i leader islamici questa è propaganda, come afferma Syed Munawar Hassa, capo di Jamat-e-Islami: le minoranze godono di uguali diritti, afferma, il Pakistan "è la sola nazione al mondo che assicura protezione alle minoranze". Ma ciò che davvero conta, per il capo talebano, è il "compiti di ogni musulmano di accrescere la umma", anche al prezzo di conversioni forzate e violenze.

    (Ha collaborato Jibran Khan)

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/08/2012 PAKISTAN - INDIA
    Minoranze indù e cristiane perseguitate in Pakistan; senza garanzie in India
    Le famiglie indù che fuggono dal Pakistan temono per le loro figlie rapite, convertite e sposate a forza a musulmani. Le minoranze cristiane subiscono le stesse violenze. In India non vi è una legge per i rifugiati e gli indù fuggiti attendono da decenni la cittadinanza indiana. Il partito nazionalista indù chiede protezione solo per gli indù. "I cristiani doppiamente discriminati". È urgente una politica verso le minoranze in tutta l'Asia del sud.

    08/04/2013 PAKISTAN
    Punjab, conversione all’islam o morte: da oltre 20 anni l’incubo di una famiglia cristiana
    Dalla fine degli anni ’80 Sadiq Masih Zafar e i suoi parenti vivono sotto la costante minaccia di gruppi islamisti. Nel 1998 una delle figlie è stata vittima di sequestro e ferita in modo grave. Oggi una sorella rischia analoga sorte. Nonostante le denunce, la polizia non è mai intervenuta. Sacerdote a Lahore: gli estremisti godono di impunità.

    04/02/2013 PAKISTAN
    Baluchistan: rifiutava di convertirsi all’islam, cristiano ucciso a colpi di pistola
    Il 55enne Younas Masih è morto nel pomeriggio di oggi, dopo giorni di agonia. Il 31 gennaio un uomo armato lo ha fermato mentre rientrava dal lavoro e gli ha sparato cinque colpi. Di recente un gruppo di colleghi lo minacciava, intimandogli di abbracciare la fede di Maometto. La polizia rifiuta di aprire un’inchiesta.

    19/10/2015 PAKISTAN
    Braccati e minacciati di morte: il dramma di una famiglia pakistana convertita al cristianesimo
    Dal 2006 la coppia, con due figli, è oggetto di persecuzioni da parte di esponenti della comunità musulmana. Dietro gli attacchi la decisione della donna di abbracciare la fede del marito. A nulla sono valse le denunce alla polizia. Dopo anni di traslochi e fughe, ora la famiglia vive in un luogo nascosto. Attivisti pro-diritti umani: "Garantire diritti e libertà religiosa, come da Costituzione".

    13/04/2012 PAKISTAN
    Lahore, cristiani e indù contro il "fascismo religioso" delle conversioni forzate all'islam
    Ragazze cristiane e indù rapite, convertite con la forza e sposate contro la loro volontà; giovani cristiani sottoposti a circoncisione forzata; ragazzi indù imprigionati perché amici di ragazze musulmane. Negli ultimi cinque anni almeno 400-500 cristiani costretti a convertirsi all'islam. Critiche alla lentezza del governo e della polizia.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®