4 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 25/04/2012
CINA-VATICANO
Cerimonia "patriottica" per il nuovo vescovo di Changsha
di Wang Zhicheng
All'ordinazione presenti un vescovo scomunicato (Anhui) e l'arcivescovo di Pechino in posizione ambigua. Pochi i fedeli. Presenti molti ufficiali del governo e del Fronte unito. Il giuramento del vescovo secondo i dettami dell'Associazione patriottica.

Changsha (AsiaNews) - P. Qu Ailin è stato ordinato vescovo di  Changsha (Hunan). La cerimonia si è svolta stamane nella cattedrale dell'Immacolata Concezione alla presenza di oltre 200 fedeli e 25 sacerdoti. Sebbene il candidato fosse riconosciuto dal Vaticano e dal governo, la funzione ha avuto un sapore "patriottico",  rispondendo più alle pretese del governo che alle esigenze canoniche della Chiesa cattolica. All'ordinazioni hanno infatti partecipato  un vescovo illecito, mons. Liu Xinhong, di Wuhu (Anhui),  e un altro vescovo in posizione non chiara con la con la Santa Sede, l'arcivescovo di Pechino, mons. Giuseppe Li Shan, che è stato il vescovo ordinante principale.

Da tempo il Vaticano continua ad esigere che le ordinazioni episcopali avvengano nel rispetto della fede della Chiesa cattolica, con l'esclusione dei vescovi non in comunione con la Santa Sede. Il governo e l'Associazione patriottica continuano invece a rivendicare indipendenza e autonomia dal papa, ordinando pastori senza mandato pontificio e costringendo vescovi in comunione con lui a partecipare a cerimonie in cui sono presenti vescovi scomunicati.

L'arcivescovo di Pechino, mons. Li Shan, divenuto vice-presidente del Consiglio dei vescovi cinesi nel 2010, ha partecipato ad alcune ordinazioni episcopali illecite e da quanto si sa non ha ancora chiarito la sua posizione con la Santa Sede.

Ancora più grave è la presenza di mons. Liu Xinhong, vescovo di Wuhu (Anhui), che ordinato senza mandato papale nel 2006 rimane scomunicato (v.: 03/05/2006  Ordinato il nuovo vescovo dell'Anhui senza permesso del papa).

Alla cerimonia hanno partecipato anche altri vescovi: mons. Giovanni Lu Peisen di Yanzhou (Shandong); mons. Paolo Liang Jiansen  di Jiangmen (Guangdong); mons. Tan Yanquan di Nanning (Guangxi); mons. Li Suguang, vescovo coadiutore di Jiangxi.

La diocesi di Changsha ha circa 80mila cattolici, di cui almeno 20mila nella città. Il fatto che alla cerimonia ne fossero presenti solo 200 è segno del malessere diffuso fra i fedeli nel sopportare l'ingerenza del governo e dell'Associazione patriottica in cerimonie strettamente religiose, esempio di violenza contro la libertà religiosa.

In compenso, all'ordinazione era presente Liu Yuanlong, vicepresidente dell'Associazione patriottica, che ha portato il messaggio del Fronte Unito e dell'Amministrazione statale per gli affari religiosi. Presenti anche altre personalità provinciali e cittadini del Fronte unito e degli affari religiosi.

 In pubblico il nuovo vescovo ha giurato di servire la Chiesa e la nazione, aiutando sacerdoti, suore, fedeli a" rispettare le leggi nazionali, salvaguardare l'unità nazionale,  la stabilità sociale e l'unità, a promuovere lo sviluppo economico in Hunan, la prosperità culturale e  l'armonia sociale".

 Il neoordinato è nato nel 1961 a Henyang (Hunan) ed è stato ordinato sacerdote nel 1995. È vicedirettore dell'Associazione patriottica della provincia dell'Hunan e membro del Conferenza consultiva politica del popolo nella città di Henyang.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/08/2011 CINA - VATICANO
Tianshui: la polizia arresta decine di sacerdoti e laici sotterranei
di Wang Zhicheng
24/02/2012 CINA - VATICANO
Mongolia Interna: Campagna di persecuzione contro la Chiesa sotterranea
di Wang Zhicheng
18/11/2010 VATICANO - CINA
La Santa Sede contro un’ordinazione episcopale illecita e la violenza sui vescovi
13/06/2011 VATICANO - CINA
Ordinazioni illecite in Cina: la Santa Sede spiega cosa fare con i vescovi scomunicati
di Bernardo Cervellera
16/05/2011 CINA - VATICANO
L’Associazione Patriottica minaccia 10 ordinazioni episcopali senza mandato del papa
di Paul Wang

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate