30 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/04/2012, 00.00

    CINA-VATICANO

    Cerimonia "patriottica" per il nuovo vescovo di Changsha

    Wang Zhicheng

    All'ordinazione presenti un vescovo scomunicato (Anhui) e l'arcivescovo di Pechino in posizione ambigua. Pochi i fedeli. Presenti molti ufficiali del governo e del Fronte unito. Il giuramento del vescovo secondo i dettami dell'Associazione patriottica.

    Changsha (AsiaNews) - P. Qu Ailin è stato ordinato vescovo di  Changsha (Hunan). La cerimonia si è svolta stamane nella cattedrale dell'Immacolata Concezione alla presenza di oltre 200 fedeli e 25 sacerdoti. Sebbene il candidato fosse riconosciuto dal Vaticano e dal governo, la funzione ha avuto un sapore "patriottico",  rispondendo più alle pretese del governo che alle esigenze canoniche della Chiesa cattolica. All'ordinazioni hanno infatti partecipato  un vescovo illecito, mons. Liu Xinhong, di Wuhu (Anhui),  e un altro vescovo in posizione non chiara con la con la Santa Sede, l'arcivescovo di Pechino, mons. Giuseppe Li Shan, che è stato il vescovo ordinante principale.

    Da tempo il Vaticano continua ad esigere che le ordinazioni episcopali avvengano nel rispetto della fede della Chiesa cattolica, con l'esclusione dei vescovi non in comunione con la Santa Sede. Il governo e l'Associazione patriottica continuano invece a rivendicare indipendenza e autonomia dal papa, ordinando pastori senza mandato pontificio e costringendo vescovi in comunione con lui a partecipare a cerimonie in cui sono presenti vescovi scomunicati.

    L'arcivescovo di Pechino, mons. Li Shan, divenuto vice-presidente del Consiglio dei vescovi cinesi nel 2010, ha partecipato ad alcune ordinazioni episcopali illecite e da quanto si sa non ha ancora chiarito la sua posizione con la Santa Sede.

    Ancora più grave è la presenza di mons. Liu Xinhong, vescovo di Wuhu (Anhui), che ordinato senza mandato papale nel 2006 rimane scomunicato (v.: 03/05/2006  Ordinato il nuovo vescovo dell'Anhui senza permesso del papa).

    Alla cerimonia hanno partecipato anche altri vescovi: mons. Giovanni Lu Peisen di Yanzhou (Shandong); mons. Paolo Liang Jiansen  di Jiangmen (Guangdong); mons. Tan Yanquan di Nanning (Guangxi); mons. Li Suguang, vescovo coadiutore di Jiangxi.

    La diocesi di Changsha ha circa 80mila cattolici, di cui almeno 20mila nella città. Il fatto che alla cerimonia ne fossero presenti solo 200 è segno del malessere diffuso fra i fedeli nel sopportare l'ingerenza del governo e dell'Associazione patriottica in cerimonie strettamente religiose, esempio di violenza contro la libertà religiosa.

    In compenso, all'ordinazione era presente Liu Yuanlong, vicepresidente dell'Associazione patriottica, che ha portato il messaggio del Fronte Unito e dell'Amministrazione statale per gli affari religiosi. Presenti anche altre personalità provinciali e cittadini del Fronte unito e degli affari religiosi.

     In pubblico il nuovo vescovo ha giurato di servire la Chiesa e la nazione, aiutando sacerdoti, suore, fedeli a" rispettare le leggi nazionali, salvaguardare l'unità nazionale,  la stabilità sociale e l'unità, a promuovere lo sviluppo economico in Hunan, la prosperità culturale e  l'armonia sociale".

     Il neoordinato è nato nel 1961 a Henyang (Hunan) ed è stato ordinato sacerdote nel 1995. È vicedirettore dell'Associazione patriottica della provincia dell'Hunan e membro del Conferenza consultiva politica del popolo nella città di Henyang.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/02/2012 CINA - VATICANO
    Mongolia Interna: Campagna di persecuzione contro la Chiesa sotterranea
    Per una serie di arresti contro sacerdoti, i 30mila fedeli non hanno possibilità di andare a messa. Il seminario è stato chiuso e gli studenti costretti ad andare a casa. Sacerdoti costretti dalla polizia a partecipare a concelebrazioni con il vescovo ufficiale, in una situazione ambigua. L'offensiva contro la Chiesa è parte anche della campagna per la sicurezza prima dell'Assemblea nazionale del popolo e per bloccare ogni possibile rivolta sociale.

    24/08/2011 CINA - VATICANO
    Tianshui: la polizia arresta decine di sacerdoti e laici sotterranei
    Il Fronte Unito vuole prevenire l’elezione di un vescovo che provenga dalla comunità sotterranea. Tre amministratori apostolici sotterranei sono sotto il controllo della polizia. La Chiesa di Tianshui lancia una campagna di preghiere per la liberazione dei loro sacerdoti e fedeli.

    18/11/2010 VATICANO - CINA
    La Santa Sede contro un’ordinazione episcopale illecita e la violenza sui vescovi
    Il governo prepara la cerimonia per il 20 novembre e ha sequestrato due vescovi per obbligarli a partecipare. Il Vaticano denuncia “gravi violazioni alla libertà religiosa e di coscienza”. Un ricatto in previsione dell’Assemblea nazionale dei rappresentanti cattolici, un organismo “inconciliabile” con la fede cattolica, a cui i vescovi non vorrebbero partecipare

    13/06/2011 VATICANO - CINA
    Ordinazioni illecite in Cina: la Santa Sede spiega cosa fare con i vescovi scomunicati
    Su richiesta di molti fedeli cinesi, sotterranei e ufficiali, il Vaticano pubblica una Dichiarazione per spiegare le questioni legate alle ordinazioni illecite e alla conseguente scomunica dei vescovi (ordinanti e ordinato). I colpevoli devono fare un gesto pubblico di penitenza, astenersi dall’eucarestia, da altri sacramenti e dal governo delle diocesi. Il tutto è una cura “medicinale”, per essere reintegrati nella comunione cattolica. Il testo completo della Dichiarazione.

    16/05/2011 CINA - VATICANO
    L’Associazione Patriottica minaccia 10 ordinazioni episcopali senza mandato del papa
    Lo dichiara Antonio Liu Bainian, presidente onorario dell’Ap. Lo scorso 11 maggio vi è stata un’elezione episcopale a Shantou (Guangdong) con un candidato unico, legato al Partito comunista, per spodestare il vescovo della diocesi, approvato dalla Santa Sede.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®