19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/11/2016, 11.02

    CINA-VATICANO

    Changzhi: tutto pronto per l’ordinazione di mons. Pietro Ding Lingbin, ex medico

    Wang Zhicheng

    Il nuovo vescovo ha lavorato per anni come dottore prima di scoprire la sua vocazione. Mons. Ding ha ricevuto il mandato papale due anni fa. I vescovi ordinanti sono tutti in comunione col papa. Le autorità locali cercano di frenare la partecipazione dei fedeli. Si attendono migliaia di fedeli.

    Changzhi (AsiaNews) – Tutto è pronto a Changzhi (Shanxi) per l’ordinazione del nuovo vescovo, mons. Pietro Ding Lingbin, che ha scoperto la sua vocazione mentre lacorava come medico. La sua nomina data dal 2013. Nello stesso periodo egli ha ricevuto il mandato papale e in questo tempo ha svolto le funzioni di aministratore apostolico della diocesi. Il via libera da Pechino per la cerimonia è giunto qualche settimana fa.

    La sua ordinazione viene a riconciliare in modo completo la situazione della diocesi dove dal 2000 era vescovo mons. Andrea Jin Daoyuan, ordinato in modo illecito il 6 gennaio di quell’anno. In seguito mons. Jin ha chiesto il ritorno alla comunione col papa e da diversi anni è ormai in pensione, avendo 87 anni.

    All’ordinazione parteciperanno vescovi tutti in comunione col papa: mons. Giuseppe Li Shan, arcivescovo di Pechino, che sarà il presidente; mons. Meng Ningyou di Taiyuan (Shanxi); mons. Wu Junwei di Yuncheng (Jiangzhou, Shanxi), mons. Li Shuguang di Nanchang (Jiangxi); mons. Zhang Yinlin di Anyang (Henan). Parteciperà anche il vescovo emerito mons. Jin.

    Il governo locale sta provvedendo ai trasporti in città e alla sicurezza. Proprio per mantenere la sicurezza, le autorità civili hanno posto come condizione che tutti i partecipanti alla cerimonia abbiano un pass e vogliono limitare a poche centinaia i fedeli dentro la chiesa doive avverrà la cerimonia, la cattedrale dedicata al Sacro Cuore. Ma a Changzhi vi sono almeno 5mila cattolici e sarà difficile poterli fermare.

    Mons. Ding Lingbin ha 54 anni ed è nato il 20 luglio 1962. Nel 1982 egli si è laureato in medicina e fino al 1988 ha lavorato in ospedale come dottore. Nel 1992 ha terminato gli studi nel seminario di Wuhan (Hubei) e lo stesso anno è stato ordinato sacerdote. Dal 1995 al 2011 è stato presidente del dispensario S. Antonio, di proprietà della diocese, per il servizio medico alla popolazione, soprattutto ai poveri. Nel 2011 è stato segretario della diocese e poi amministratore apostolico.

    La diocesi di Changzhi, con una popolazione di 3,5 milioni di abitanti è stata fondata nel 1946. Ma la Chiesa è presente dal 1830 e faceva parte del Vicariato apostolico dello Shansi, evangelizzato dai francescani. Al presente essa ha 51 sacerdoti, con 22 seminaristi, che servono oltre 50mila fedeli.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/11/2016 08:20:00 CINA - VATICANO
    L’ordinazione “tranquilla” di mons. Pietro Ding Lingbin, vescovo di Changzhi

    Vi hanno partecipato circa 2mila persone; molti non cristiani hanno assistito dalla strada. La sicurezza è stata blanda. Alla vigilia le regole imposte erano molto strette. Tutti i vescovi ordinanti sono in comunione col papa. Il mandato della Santa Sede letto in privato; quello del Consiglio dei vescovi cinesi letto in pubblico.



    24/10/2016 12:03:00 VATICANO-CINA
    Il nuovo vescovo di Changzhi e le tante voci sul dialogo Cina-Vaticano

    L’ordinazione avverrà il 10 novembre nella cattedrale. Il vescovo era stato nominato dalla Santa Sede almeno due anni fa. Ma attendeva la luce verde da Pechino. Situazione simile a Chengdu. Timori per la presenza di vescovi scomunicati. La riconciliazione con i vescovi illeciti e ufficiali non avviene con gesto politico, ma dipende da procedure canoniche e personali. L’incontro fra la delegazione cinese e quella vaticano non “è imminente”.



    04/11/2016 14:45:00 CINA-VATICANO
    Nomine dei vescovi: il gran regalo del Papa alla Chiesa in Cina?

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale (riconosciuta dallo Stato) commenta le notizie di questi giorni sulla “imminente” pubblicazione dell’accordo fra Cina e Vaticano; sulla “imminente” legittimazione dei vescovi scomunicati; sul diritto di nomina dei vescovi che passerebbe nelle mani di Pechino (o del consiglio dei vescovi cinesi, non riconosciuto dalla Santa Sede). “Alcuni hanno detto che le trattative tra Cina e Vaticano sono pagate sulla pelle della Chiesa clandestina. In realtà, se il papa concede il diritto di nomina dei vescovi a Pechino, allora si sacrifica l’intera Chiesa di Cina”. L’autore – con lo pseudonimo di “prete eremita” – è un sacerdote blogger del Nord del Paese, molto noto.



    07/11/2016 10:45:00 VATICANO-CINA
    “Disperazione”: il sentimento della Chiesa sotterranea davanti ai dialoghi Cina-Vaticano

    I fedeli della Chiesa sotterranea sono frustrati dalla “dimenticanza” della Santa Sede verso di loro. Da circa 20 anni, non si fanno vescovi sotterranei, ma solo amministratori apostolici. Agli occhi dei fedeli questa decisione rappresenta una specie di condanna a morte delle loro comunità. “Carezze”, incontri e foto-ricordo col papa per gli ufficiali; nessun incontro, né benedizione per sacerdoti e vescovi sotterranei. La questione dell’iscrizione all’Associazione patriottica. Un vescovo ufficiale: “Siamo tutti delle marionette. Facciamo solo quello che ci dicono di fare”. Una doppia sconfitta: per il Vaticano e per la Cina.



    02/05/2006 cina - vaticano
    "Schiaffo in faccia al Vaticano": nuova ordinazione episcopale senza il permesso del papa
    Avverrà domani nell'Anhui. L'Associazione Patriottica prepara molte altre ordinazioni di vescovi per mettere in crisi il dialogo fra Pechino e Santa Sede.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®