17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/11/2010, 00.00

    CINA-VATICANO

    Chengde: otto vescovi uniti al papa partecipano all’ordinazione illecita

    Zhen Yuan

    La cerimonia è avvenuta nonostante la dura protesta della Santa Sede. Non vi erano ordinazioni illecite dal 2006. Fra gli otto vescovi partecipanti vi è pure mons. Francesco An Shuxin di Baoding, che lo scorso anno era emerso dalla Chiesa sotterranea, provocando molti conflitti e controversie con il Vaticano. I fedeli sono rattristati e irati.
    Chengde (AsiaNews) – P. Giuseppe Guo Jincai è stato ordinato oggi vescovo di Chengde (Hebei) senza mandato del papa. L’ordinazione è avvenuta nella chiesa di Pingquan (Chengde) alla presenza di otto vescovi ufficiali legittimi, cioè in comunione con la Santa Sede.
     
    Nonostante le obiezioni del Vaticano prima dell’ordinazione (v. 18/11/2010 La Santa Sede contro un’ordinazione episcopale illecita e la violenza sui vescovi), l’evento si è svolto dalle 9 alle 10.40 questa mattina. Alla cerimonia hanno partecipato anche decine di sacerdoti, 500 fedeli e vari rappresentanti del governo. Alla fine della messa, è stato distribuito un’immaginetta ricordo del nuovo vescovo (v. foto).
     
    In Cina non vi erano state ordinazioni illecite dal 2006, quando sono stati ordinati in pochi giorni Giuseppe Ma Yinglin di Kunming e Liu Xinhong di Anhui. Anche allora il Vaticano ha diffuso una dura protesta (04/05/2006 Santa Sede: le illecite ordinazioni in Cina una "grave violazione della libertà religiosa). Il numero dei vescovi partecipanti all’ordinazione di Ma era superiore di uno a quelli presenti oggi.
     
    Il presidente dell’ordinazione di oggi a Chengde è stato mons. Fang Jianping of Tangshan. Altri partecipanti, sequestrati dal governo nei giorni scorsi, sono mons. Pei Junmin di Liaoning, mons. Li Lianggui di Cangzhou, mons. Feng Xinmao di Hengshui. A questi si sono aggiunti mons. Giuseppe Li Shan, arcivescovo di Pechino, mons. Meng Qinglu di Hohhot, mons. Zhao Fengchang di Liaocheng e il vescovo coadiutore di Baoding, mons. Francesco An Shuxin.
     
    Nel marzo scorso il Vaticano ha dato indicazioni ai vescovi in comunione col papa di non partecipare a gesti (come assemblee o ordinazioni episcopali) che sono in contraddizione con la comunione con il pontefice.
     
    La partecipazione di mons. An Shuxin crea ancora più difficoltà per il Vaticano e per la Chiesa in Cina. Lo scorso anno mons. An ha deciso di emergere dalla Chiesa sotterranea e essere accolto nella Chiesa ufficiale, riconosciuta dal governo. La sua scelta ha generato molte controversie e divisioni nella chiesa di Baoding.
     
    Fonti cattoliche locali hanno riferito ad AsiaNews che attorno alla chiesa dove si è svolta l’ordinazione erano spiegate molte forze di sicurezza, mentre molti poliziotti in borghese controllavano ogni luogo. I cattolici locali sono addolorati per l’ordinazione e si domandano se d’ora in poi potranno ricevere i sacramenti da un vescovo non in comunione col papa. Cattolici delle altre diocesi sono invece irati per quello che il governo ha fatto contro la Chiesa, mettendo in imbarazzo i loro vescovi e il Vaticano. Diversi di loro sperano che la Santa Sede non affretti i passi per stabilire relazioni diplomatiche con la Cina.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/12/2010 CINA - VATICANO
    Prossimo scontro fra Pechino e Santa Sede: l’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi
    Il raduno pare fissato per il 7-9 dicembre. Esso avviene a poche settimane dall’ordinazione illecita di Chengde. Timori, tensioni e resistenze dei cattolici cinesi all’Associazione patriottica.

    19/11/2010 CINA - VATICANO
    Chengde: ordinazione episcopale illegittima, la prima dopo 4 anni
    Il vicepresidente dell’Associazione patriottica ignora il veto del Vaticano. Molti vescovi subiscono pressioni per partecipare all’ordinazione. Tre prelati sono stati sequestrati. Per i fedeli della nuova diocesi l’ordinazione contro il volere della Santa Sede “è una bomba”. Il nuovo vescovo è vicino al governo, ma lontano dalla Chiesa locale e universale.

    25/11/2010 CINA - VATICANO
    Chiesa cinese “ferita” dall’ordinazione illecita e unita al papa
    Un sacerdote della Chiesa sotterranea scrive ad AsiaNews le sue considerazioni sull’ordinazione illecita di Chengde. Le conseguenze sulla comunione ecclesiale, sul dialogo fra Cina e Vaticano, sulla libertà religiosa nel Paese.

    24/11/2010 VATICANO - CINA
    Il coraggio del Vaticano, lo scacco per Hu Jintao
    La seconda potenza economica mondiale usa ancora metodi medievali e feudali. La politica religiosa è affidata a un uomo, Liu Bainian, il cui stile ricorda quello dei tempi di Mao Zedong. Il destino del nuovo vescovo è l’isolamento perché il popolo cristiano lo rifiuta.

    22/11/2010 VATICANO - CINA
    Il dolore del card. Zen per l’ordinazione illecita di Chengde
    Sacerdoti, suore, fedeli delle comunità ufficiali e sotterranee piangono per l’avvilente ordinazione illecita avvenuta il 20 novembre scorso a Chengde (Hebei). Ad essa vi hanno partecipato 8 vescovi in comunione col papa, sequestrati e costretti a parteciparvi. Lo sfogo del vescovo emerito di Hong Kong, paladino della libertà religiosa in Cina.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®