4 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 01/11/2003
www.asianews.it
Nasce www.asianews.it
di Bernardo Cervellera

AsiaNews, l'agenzia del PIME, nata nel 1986 e specializzata sull'Asia (società, culture e religioni), ha anche un'edizione on-line. Dal, 1° Novembre 2003 si può visitare il sito www.asianews.it, con notizie quotidiane di avvenimenti, problemi, esperienze, studi e testimonianze su questo continente. Il sito è ora disponibile in italiano, in inglese e cinese e dall'ottobre 2013, in occasione dei 10 anni di AsiaNews.it, anche in lingua spagnola.

Il nostro interesse per l'Asia è dovuto a due motivi: da oltre un secolo e mezzo il PIME è impegnato in queste latitudini; centinaia di missionari hanno fondato diocesi e chiese, donando la loro vita fino al sangue. Il lavoro più urgente oggi è portare a maturità l'impegno missionario di queste chiese, condividendo le loro fatiche.

Asianews on-line vuole essere un aiuto per questo.

L'Asia, con più della metà degli abitanti del pianeta, è il continente per la missione del terzo millennio, il luogo dove vi è la massima concentrazione di non cristiani sulla terra (l'80 per cento) e dove le Chiese sono minoranze piccolissime - spesso perseguitate - che non superano il 2 per cento, salvo qualche eccezione.

Il sito www.asianews.it, grazie ai missionari e corrispondenti, vuole registrare tutto il ventaglio della testimonianza cristiana in Asia, minoritaria, ma ricca di spunti e insegnamenti per le Chiese del resto del mondo. Fuggendo l'esotismo e il disprezzo, che caratterizzano molta informazione sull'Asia, vogliamo parlare dell'impegno per l'annuncio diretto di Gesù Cristo; dell'incontro (e talvolta lo scontro) delle Chiese dell'Asia con le religioni tradizionali; degli abissi di ricchezza e povertà, delle nuove mentalità consumiste, delle vecchie ideologie che ancora soffocano tanti popoli asiatici. Già da anni AsiaNews svolge questo lavoro in modo egregio, come testimoniano le molte manifestazioni di stima che ci giungono.

AsiaNews on-line desidera aprire anche nuovi fronti, anzitutto sulla questione sociale ed economica. La globalizzazione ha reso l'Asia il cardine produttivo del mondo, strappando centinaia di milioni di persone dalla povertà. Ma essa sta creando anche nuovi rivolgimenti che influenzano e inquinano l'ambiente naturale e sociale. Millenarie culture e tradizioni familiari vengono emarginate e abbandonate in poco tempo; non sempre i "nuovi valori" assunti dall'Occidente - un Occidente spesso solo materialista - riescono a dare sostanza alla convivenza dei popoli asiatici. A questa presenza invadente di un Occidente materialista si deve fra l'altro la crescita e il rafforzamento dei fondamentalismi (indù e musulmani) che pensano di salvare l'Asia attraverso la violenza. AsiaNews on-line vuole promuovere una forma più equilibrata di dialogo fra Oriente e Occidente, dando spazio a esperienze, analisi economiche, mettendo in luce il rapporto fra diritti umani, libertà religiosa, famiglia, democrazia e mercato. Non pochi vescovi dell'Asia ci chiedono da tempo di essere aiutati a comprendere e maturare in un impegno sociale e politico ispirato alla dottrina sociale della Chiesa. Per questo www.asianews.it avrà pagine speciali dedicate all'economia e a questa branca negletta dell'insegnamento della Chiesa. Non è retorico dire che nel rapporto con questo sterminato continente si gioca il futuro economico e politico del mondo. E si giocano anche le sorti della Chiesa: troppe volte i cristiani vengono soffocati, perseguitati e uccisi perché bollati come "agenti stranieri", simboli di un Occidente rifiutato. Essi sono invece i portatori di una vera rivoluzione (l'unica) "a favore dell'uomo".

Il sito www.asianews.it sarà ricco di pagine speciali e dossier sulla Cina, nuova superpotenza economica e militare. Ma soprattutto avrà una edizione in lingua cinese, per un dialogo con il mondo della Repubblica Popolare Cinese, e coi cattolici in particolare: oltre alle notizie quotidiane, saranno pubblicati strumenti di spiritualità cristiana, dottrina sociale della Chiesa, testimonianze ed esperienze pastorali per aiutare la formazione di sacerdoti, religiose, religiosi e laici.

Un altro settore specifico è quello sull'islam, sempre più tentato dal fondamentalismo, di cui vogliamo registrare non solo le violenze, ma anche gli sviluppi, i tentativi di dialogo e le evoluzioni.

Infine, l'edizione in lingua spagnola è un modo semplice per offrire la testimonianza delle Chiese dell'Asia anche alle Chiese dell'America latina, da dove proviene papa Francesco. Lui che è divenuto pastore universale, è modello per la missione universale delle Chiese del Nuovo continente, anche in Asia.

Cari amici, continuate a seguirci e aiutarci con i vostri consigli, suggerimenti, sostegni. Da parte nostra speriamo che queste pagine facciano crescere in molti il desiderio di dedicare la loro vita a Cristo e all'Asia.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
03/07/2012 COREA
L'arcivescovo di Seoul in visita al Museo missionario di Propaganda Fide
03/12/2003
www.asianews.it, ora anche in inglese e cinese
di Bernardo Cervellera
14/03/2013 ASIA – VATICANO
P. Samir: Papa Francesco, uomo semplice, ma fermo, che sa dove andare
di Samir Khalil Samir
18/09/2010 SRI LANKA
Un libro in ogni casa, per diffondere la letteratura cristiana nell’arcidiocesi di Colombo
di Melani Manel Perera
22/04/2011 ASIA
Pasqua, i segni di morte e l’invito di Giovanni Paolo II
di Bernardo Cervellera

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate