30 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/09/2010, 00.00

    INDIA

    Chiesa dell’Orissa: Dopo i pogrom eliminare paura e diffidenza tra le persone

    Santosh Digal

    Nella Giornata internazionale per la pace, la popolazione di Kandhamal organizza attività comuni con membri delle varie fedi religiose, per far comprendere la necessità del dialogo interreligioso tra cristiani e indù a due anni dai Pogrom. Arcivescovo di Cuttack - Bhubaneswar: “La Chiesa sta compiendo tutti i suoi sforzi per eliminare la paura e la diffidenza tra le persone”.

    Bhubaneswar (AsiaNews) – In occasione della Giornata internazionale della pace, la Chiesa dell’Orissa rinnova il suo impegno nel promuovere il dialogo interreligioso e l’armonia fra la popolazione di diverse religione. Mons. Rapahel Cheenath, arcivescovo di Cuttack dice ad AsiaNews, che a due anni dai pogrom anticristiani costati 93 morti, fedeli e Chiesa stanno portando avanti i loro sforzi per la costruzione della pace, della parrocchie e delle istituzioni e per coinvolgere persone di altre confessioni religiose. 

    “Si stanno compiendo tutti i suoi sforzi – racconta il prelato - per eliminare la paura e la diffidenza tra le persone”. “La Chiesa – aggiunge - sta formando dei leader che siano in grado di dialogare con persone di fede diversa e sta facendo in modo che anche le altre comunità scelgano come guida persone di cuore e mentalità aperta”.

    Per la Giornata internazionale della pace, la parrocchie di Kandhamal hanno organizzato attività comuni con i membri delle varie fedi, come seminari, momenti di sport e giochi all’aperto.

    P. Bijaya Kumar, supervisore per la Chiesa del processo di pace a Kadhamal, afferma :"Stiamo cercando di collaborare con tutti quei settori della società che desiderano lavorare per la pace, che è al momento è il nostro principale obiettivo”. Il sacerdote sottolinea che il processo di riconciliazione tra la popolazione deve essere sostenuto da tutti.

    Tra dicembre 2007 e agosto 2008 nel distretto di Kandhamal, gli estremisti indù hanno ucciso 93 persone, bruciato e depredato oltre 6500 case, distrutto oltre 350 chiese e 45 scuole. A causa dei pogrom, oltre 50mila persone sono fuggite nella foresta; molti di loro vivono in capi profughi. Altri, ritornati ai loro villaggi, sono stati costretti a riconvertirsi all’induismo. A tutt’oggi, gran parte degli autori dei crimini sono in libertà e al processo presso il tribunale di Kandhamal i testimoni sono stati messi a tacere, con minacce e intimidazioni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/12/2012 INDIA
    Orissa, migliaia di indù alla messa di Natale: un segno di speranza per il 2013
    Per mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack - Bhubaneshwar, un tale evento non ha precedenti nella storia della martoriata Orissa. Centinaia di migliaia di cattolici e indù hanno offerto insieme fiori e candele a Gesù bambino, in tutte le parrocchie dello Stato. Nel messaggio di auguri per il nuovo anno il prelato sottolinea l'importanza dei giovani per la diffusione e la testimonianza del messaggio di Cristo fra le gente.

    25/08/2010 INDIA
    Sacerdote indù: Madre Teresa un esempio di amore per tutti noi
    Swami Shantatamanda ha conosciuto Madre Teresa 15 anni fa, poco prima della sua morte. Di lei ricorda la semplicità, l’amore verso i più poveri e conserva ancora un piccolo foglio con alcune preghiere scritte dalla religiosa. Membro di un'organizzazione filantropica indù, il sacerdote promuove il dialogo interreligioso attraverso l’aiuto ai bisognosi.

    24/08/2010 INDIA
    Dietro i massacri dell’Orissa, gli interessi economici delle alte caste indù
    A due anni dai pogrom anti-cristiani, iniziati il 24 agosto 2008 nel distretto di Kandhamal (Orissa), i superstiti delle violenze sono ancora in pericolo e chiedono giustizia. Arcivescovo di Cuttack Bhubaneswar, attacca gli uomini d’affari delle alte caste indù. Essi si sarebbero serviti dei massacri per mantenere il potere economico nella regione, impedendo alla Chiesa l’emancipazione di Dalit e tribali convertiti al cristianesimo.

    20/08/2011 INDIA
    Orissa, il governo vessa i cristiani. Ordine di demolizione per una chiesa
    Le famiglie cristiane di Nandagiri, ricollocate in quel luogo dopo i pogrom del 2008, hanno ricevuto un ordine di demolizione per la chiesetta che stanno costruendo, con i propri mezzi. Il Global Council of India Christians ha rivolto un appello alla Corte suprema contro la decisione del governo locale.

    11/12/2010 INDIA
    Formare sacerdoti per la missione della Chiesa nell’Orissa vittima dell’estremismo indù
    Il messaggio è frutto dell’incontro di vescovi e rettori di seminario avvenuto nei giorni scorsi a Bhubaneswar. Per sacerdoti e prelati i futuri sacerdoti devono saper affrontare la propria vocazione partendo dalle sfide emerse con i pogrom anticristiani avvenuti a Kandhamal nel 2008.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®