24 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/02/2018, 11.49

    EGITTO

    Chiesa egiziana: Cittadinanza, sanità e istruzione per un futuro di pace e sviluppo



    A meno di due mesi dalle elezioni presidenziali, la Chiesa invita alla partecipazione senza dare indicazioni di voto. P. Rafic: Fondamentale “eliminare la mentalità discriminatoria” e sostenere lo sviluppo economico e infrastrutturale. Anche i cittadini devono contribuire alla crescita “mostrandosi aperti” agli altri. Per cristiani e musulmani “stessi diritti e doveri”. 

     

    Il Cairo (AsiaNews) - I valori sui quali musulmani e cristiani devono costruire una nazione pacifica e improntata alla convivenza “sono la cittadinanza, l’istruzione e l’accesso alla sanità per tutti”. Per raggiungere il risultato è “necessario eliminare la mentalità discriminatoria”, che alberga in una larga fetta della popolazione, comprese le minoranze. È quanto sottolinea ad AsiaNews p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, commentando la situazione del Paese a meno di due mesi dalle elezioni presidenziali, che vedono favorito il leader uscente Abdel Fattah al-Sisi. “Cattolici, protestanti, copti in generale - aggiunge - sostengono il presidente, ma la Chiesa non intende prendere posizione, pur rinnovando l’invito alla partecipazione nell’interesse del Paese”. 

    A fine marzo sono in programma le elezioni presidenziali, per la scelta del capo di Stato per il prossimo quadriennio. Il ballottaggio, in caso di mancata elezione al primo turno, si terrà nella seconda metà di aprile. Il grande favorito è al-Sisi, che al momento ha come unico sfidante l’ex sostenitore e fedelissimo Mousa Mustafa Mousa. Dall’opposizione arrivano appelli al boicottaggio. 

    Il fronte contrario ad al-Sisi, spiega p. Rafic, chiede di disertare le urne “perché non riesce ad esprimere un candidato, forte e credibile, in grado di contrastare il presidente uscente”. Da privato cittadino egiziano, aggiunge, “non vedo personalità in grado di contrastare l’attuale capo di Stato, che ha saputo, sotto certi aspetti, operare in modo forte per il bene del Paese”.

    Egli, prosegue p. Rafic, ha compiuto passi “significativi” in tema di economia, infrastrutture e sviluppo, ma “ciò che lo rende più credibile” è aver saputo “prendere decisioni forti, al tempo stesso impopolari, come l’aver dichiarato fuorilegge i Fratelli musulmani [vicini all’ex presidente Morsi] e aver disposto la libera fluttuazione della moneta locale”. 

    A livello sociale ed economico l’Egitto deve proseguire nel cammino di sviluppo promosso negli ultimi anni. Questo comprende lo sfruttamento di giacimenti di gas naturale di recente scoperta, perché “il Paese consuma molta energia ed è importante rivendere parte del prodotto all’estero per finanziare l’economia e l’impresa locale”. A questo si aggiunge lo sviluppo di “nuove città dove oggi sorgono solo villaggi e centri urbani poveri” e “nuove infrastrutture in grado di collegare queste realtà fra loro”, per “agevolare gli spostamenti e migliorare la qualità di vita delle persone”. 

    Se la sicurezza resta sempre fonte di “preoccupazione”, sinora la questione legata alla fede e all’identità religiosa non è risultata fra gli elementi prioritari della campagna elettorale. “E questo è un bene” commenta il portavoce della Chiesa cattolica, perché oggi il presidente deve essere una “figura capace di rappresentare tutti, senza distinzioni”. Tuttavia, i tre fattori chiave per lo sviluppo del Paese sono “la cittadinanza, l’istruzione e l’eliminazione di una mentalità discriminatoria ancora presente in ampie sacche della popolazione”. 

    “Il governo deve eliminare gli ostacoli - spiega p. Rafic - e rendere l’educazione accessibile a tutti. Ma lo sviluppo dell’Egitto non è compito solo delle istituzioni, ma riguarda in primis le persone. Anche i cittadini devono migliorare, mostrare maggiore apertura verso gli altri e non richiudersi in se stessi. Inoltre è necessaria una rivoluzione culturale in tema di cittadinanza, spiegando cosa significa essere cittadino egiziano, annullare le differenze fra musulmani e cristiani in quanto titolari degli stessi diritti e dei medesimi doveri”. “Purtroppo - conclude - restano ancora differenze e divisioni retaggio della dottrina salafita e anche fra gli stessi cristiani permangono in alcuni casi diffidenza e chiusura verso i musulmani”.(DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/02/2018 10:07:00 EGITTO
    Per le elezioni, al-Sisi punta su economia e lotta al jihad. L'opposizione boicotta

    A fine marzo il Paese è chiamato alle urne per eleggere il prossimo capo di Stato. Grande favorito il presidente uscente. Dalle opposizioni l’appello a disertare le urne; manca una personalità in grado di contrastare l’attuale leadership. Al-Sisi rilancia i mega-progetti infrastrutturali e gli investimenti nel settore energetico. Il ruolo dell’islam e la guerra al fondamentalismo. 

     



    26/04/2016 14:43:00 EGITTO
    Attivista egiziano: in piazza per economia e diritti. No al ritorno dei Fratelli musulmani

    Per Magdy Mina, portavoce del Maspero Youth Union, i cittadini chiedono “stabilità, crescita e occupazione”. Vi è risentimento per la cessione delle isole a Riyadh e preoccupazione per un legame troppo stretto con i sauditi. La maggioranza è contro il movimento estremista islamico, che ha animato la protesta di ieri. La vicenda di Giulio Regeni sfruttata per colpire il Paese. 



    31/08/2015 EGITTO
    Dal 17 ottobre Egitto alle urne per eleggere il nuovo Parlamento
    Dopo tre anni i cittadini sono chiamati a scegliere i 568 parlamentari. Favoriti i rappresentanti vicini al presidente al Sisi. Un voto che dovrebbe legittimare la leadership del presidente, capace di rilanciare l’economia del Paese e arginare la deriva estremista islamica.

    26/05/2014 EGITTO
    Egitto, al via le elezioni presidenziali: Al-Sisi verso la vittoria
    Le urne resteranno aperte per 48 ore, i risultati sono attesi per la fine di maggio. Analisti ed esperti danno per scontata la proclamazione dell'ex militare, capo delle Forze armate, che ha promesso di "sradicare" il terrorismo islamico dal Paese. Timori per una nuova virata autoritaria.

    29/05/2014 EGITTO
    Egitto, chiuso il voto presidenziale: Al-Sisi verso la vittoria
    L'ex capo delle Forze armate in netto vantaggio a circa metà dello scrutinio rispetto al suo avversario, il dissidente di sinistra Hamdeen Sabahi. Dubbi sull'affluenza al voto: nonostante il giorno in più deciso dalla Commissione elettorale, avrebbe votato meno della metà degli aventi diritto. Attivista ad AsiaNews: "La colpa è del clima anti-democratico che si respira, non dei candidati".



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®