24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 05/11/2014, 00.00

    CINA

    Cina, il Partito ammette: Sempre più funzionari comunisti sono cristiani o buddisti



    L'ammissione arriva sotto forma di minacce: il segretario comunista del Tibet avverte di "punizioni severe" quei quadri che seguono il Dalai Lama o addirittura lo sostengono. Nel frattempo una delegazione disciplinare torna dal Zhejiang, dove è in corso la campagna di demolizione contro le chiese e le croci cristiane, e denuncia la presenza di "molti membri del Partito che seguono la religione cristiana".

    Pechino (AsiaNews) - I funzionari del Partito comunista del Tibet "che covano fantasie sul gruppo del 14mo Dalai Lama, lo seguono o addirittura partecipano alle sue attività separatiste saranno puniti in maniera severa, secondo la legge e le misure disciplinari interne". Lo scrive il capo dei comunisti del Tibet, Chen Quanguo, in un articolo apparso questa mattina sulla prima pagina del Tibet Daily. Allo stesso tempo, una squadra di investigatori della Commissione disciplinare centrale - l'organo di gestione interno al Pcc - è tornata dal Zhejiang, dove molti quadri intermedi "si sono dimostrati essere dei fedeli, cristiani o di altre religioni".

    Una fonte tibetana, anonima per motivi di sicurezza, spiega: "La notizia non è che i quadri vicini al Dalai Lama, o addirittura suoi seguaci, saranno puniti dalla legge. La vera novità è che il Partito è costretto ad ammettere che alcuni suoi membri sono fedeli buddisti, e persino vicini alla causa tibetana".

    Con ogni probabilità, il riferimento del segretario Chen è alle dichiarazioni rilasciate lo scorso mese dallo stesso Dalai Lama riguardo un suo possibile pellegrinaggio in Cina. Lo scorso 3 ottobre, dal suo esilio forzato a Dharamsala, il leader religioso ha dichiarato di "aver chiesto in maniera informale ad alcuni amici, fra cui membri - in carica o in pensione - del Partito comunista, di potermi recare sul monte sacro Wutai. Questi hanno preso in considerazione l'idea e mi faranno sapere".

    Il timore che la coscienza religiosa possa prendere piede all'interno del Partito è evidenziato anche dal fatto che la Commissione centrale per l'ispezione e la disciplina - l'organo di controllo del Pcc - ha inviato una delegazione nel Zhejiang orientale, dove da alcuni mesi va avanti una campagna di demolizione contro le chiese e le croci cristiane. Al termine dell'inchiesta, scrive il Quotidiano del Popolo, la delegazione "ha scoperto molti membri del Partito che sono di fatto fedeli religiosi", cristiani o di altre fedi. Nonostante la libertà religiosa sia garantita dalla Costituzione cinese, essa è molto spesso violata dal governo; inoltre, ai funzionari comunisti è proibito seguire un qualunque credo. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/01/2016 15:13:00 CINA - TIBET
    Col pretesto delle truffe, Pechino dà la patente ai “buddha viventi”

    I tulku, grandi lama del passato che echeggiano nella vita di studiosi buddisti contemporanei, sono numerosissimi. Per “evitare le frodi ai danni dei fedeli”, il governo comunista lancia un database online per identificarli. Ma ignora coloro che hanno studiato all’estero e, soprattutto, cerca di giustificare la sua pretesa di riconoscere i prossimi leader tibetani. Tra cui il Dalai Lama e i suoi più stretti collaboratori.



    26/05/2015 CINA
    Cina, il Partito minaccia i suoi membri: Chi crede in Dio sarà punito
    Un articolo apparso sul bollettino interno della potentissima Commissione centrale per la disciplina e l’ispezione del Partito comunista ammette la presenza di fedeli nei propri ranghi. Il fatto “provoca seria preoccupazione da parte delle autorità”. I cittadini cinesi “hanno la libertà religiosa, ma i funzionari comunisti non sono cittadini normali: sono combattenti per l’avanzamento della coscienza comunista”. Previste “serie misure” per chi infrange la norma.

    27/04/2012 CINA – TIBET
    In Tibet “è in atto un genocidio culturale”
    L’International Campaign for Tibet denuncia: “Dall’invasione comunista non è cambiato nulla: Pechino vuole distruggere la lingua, la cultura e soprattutto la religione tibetana”. Nel frattempo il Partito manda a Hong Kong il falso Panchen Lama (che parla di “società armoniosa”) mentre il vero Panchen compie 23 anni: è agli arresti dal 1995.

    25/01/2016 11:24:00 TIBET – CINA
    Per essere approvato dal Partito, un lama “non deve neanche essere buddista”

    Una manifestazione organizzata da “Studenti per il Tibet libero” prende in giro la “lista ufficiale” dei religiosi presentata dal governo cinese. Indossando maschere con la faccia di Xi Jinping hanno manifestato contro le ingerenze del Partito comunista nella tradizione tibetana. Basta essere contrari al Dalai Lama e vicini al governo, dicono, per ottenere il riconoscimento. Pechino “non ha alcun diritto di ingerire negli affari religiosi”.



    30/09/2016 11:13:00 TIBET – CINA
    Tibet, il Partito “ha una priorità: fermare il Dalai Lama”

    Lo scrive il nuovo segretario Wu Yingjie sul Tibet Daily: “La prima cosa da fare è rafforzare il nostro impegno contro la cricca del Dalai Lama. In questo modo porteremo avanti la nostra missione a lungo termine, ovvero rafforzare l’unità etnica”. Lo scopo finale rimane quello di influire sul riconoscimento del prossimo leader del buddismo tibetano. Torna in auge il finto Panchen Lama nominato da Pechino.





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®