24 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/06/2012, 00.00

    CINA

    Cina, impiccato sotto sorveglianza uno dei leader di piazza Tiananmen



    La famiglia e gli amici di Li Wangyang, sindacalista di primo corso e leader delle proteste democratiche del 1989, puntano il dito contro la polizia che parla di “suicidio”. L’uomo ha passato 21 anni in carcere, e lo scorso mese aveva dichiarato: “Non metterò mai da parte il mio desiderio di democrazia e di uno stato di diritto in Cina”. In galera aveva subito in maniera sistematica le torture della polizia.

    Pechino (AsiaNews) - Un attivista democratico dell'Hunan, che ha passato 21 anni in galera per il suo coinvolgimento nei moti di piazza Tiananmen e per il suo impegno a favore dei diritti dei lavoratori cinesi, è stato trovato morto ieri mattina in circostanze misteriose in un ospedale di Shaoyang. La famiglia, gli amici e i dissidenti colleghi di Li Wangyang (62 anni) rifiutano di credere alle dichiarazioni della polizia secondo cui l'uomo si sarebbe impiccato.

    Secondo le testimonianze dei suoi cari, Li - che è stato torturato in galera e per questo era divenuto cieco e quasi immobile - "era animato da spirito combattivo e voleva che le autorità rivedessero il giudizio ufficiale sul movimento del 1989". Pechino ha sempre definito quelle manifestazioni "un'insurrezione controrivoluzionaria". A causa dell'anniversario del massacro, che cade il 4 giugno, il governo aveva imposto a Li una scorta 24 ore al giorno.

    Zhu Chengzi, attivista e amico di Li sin dai tempi delle scuole, lo ha incontrato l'ultima volta proprio il 4 giugno: "Abbiamo parlato un poco, anche se non stava bene di salute. Doveva essere ricoverato ma era ottimista. Non penso che sia un suicidio perché lui era quel tipo d'uomo che non si ucciderebbe mai, nemmeno con un coltello puntato al collo".

    In un'intervista rilasciata lo scorso mese alla Cable Tv di Hong Kong, l'attivista aveva dichiarato di non voler abbandonare la sua lotta per la democrazia e lo stato di diritto in Cina. Ora la famiglia si prepara a lottare contro le autorità per avere verità e giustizia dopo la sua morte. Una fonte anonima dichiara: "Chiediamo un'autopsia fatta bene: non sappiamo neanche quando è morto, e non sappiamo se sia stato un suicidio o un omicidio". Gli agenti hanno impedito ai congiunti di fotografare il corpo di Li e li hanno portati via dall'ospedale con la forza.

    Li, sindacalista sin dai primi anni '80 del secolo scorso, ha passato 13 anni in carcere con l'accusa di essere un "controrivoluzionario" per aver guidato una federazione indipendente di lavoratori a Shaoyang durante le manifestazioni del 1989. Dopo il suo rilascio, avvenuto nel 2000 per motivi medici, è stato condannato ad altri 10 anni per "sovversione": prima di morire, era considerato uno dei prigionieri politici collegati a Tiananmen più colpiti dalla repressione del governo.

    In questo periodo di prigionia, come confermano diversi testimoni, è stato torturato in maniera sistematica. Nonostante le varie dichiarazioni contro questo fenomeno, il governo comunista non ha mai pensato in maniera seria di eliminare gli abusi contro i prigionieri: le torture si scatenano in modo particolare contro i detenuti politici e quelli legati al mondo delle religioni.

    Nel marzo del 2006 Manfred Nowak, investigatore capo dell'Agenzia Onu sulle torture, ha compiuto una rara visita all'interno di alcune carceri cinesi. Pur avendo evitato le province più a rischio, come il Xinjiang, il funzionario scrisse un rapporto per denunciare "l'uso della tortura diffuso in tutte le carceri della Cina" [v. http://www.asianews.it/notizie-it/Onu:-contro-la-tortura-in-Cina,-cambio-radicale-nei-tribunali-e-nella-polizia-5695.html].

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/06/2012 CINA
    I dissidenti cinesi lanciano una petizione per chiedere la verità sul "suicidio" di Li Wangyang
    L'uomo, sindacalista sin dai primi anni Ottanta, è stato ritrovato impiccato lo scorso 6 giugno. Dopo 23 anni di prigionia per il suo coinvolgimento nel movimento democratico di piazza Tiananmen, si trovava sotto il controllo della polizia quando è morto.

    03/06/2005 CINA
    Amnesty: Pechino faccia i conti con il massacro di Tiananmen


    28/05/2005 CINA
    Madri di Tiananmen: "Pechino deve chiedere scusa davanti alla Storia"


    28/05/2012 CINA
    Strage di Tiananmen, si suicida il padre di uno degli studenti uccisi nell’89
    L’uomo, Ya Weilin, aveva 73 anni: si è impiccato per protestare contro l’atteggiamento del governo comunista, che non rivela i dettagli della strage e continua a ritenere “anti-rivoluzionario” il movimento pro-democrazia e anti-corruzione decimato durante le proteste del 4 giugno.

    15/06/2012 CINA
    Hunan, le autorità riaprono il caso di Li Wangyang: non è stato un suicidio
    Un portavoce del governo conferma che la pressione pubblica interna e internazionale ha “convinto” il governo a chiedere l’aiuto di un team di esperti per fare luce sulla morte del dissidente, impiccato mentre era sotto il controllo della polizia. Ma il cadavere è stato bruciato subito dopo la morte. Il dissidente Hu Jia fermato e poi rilasciato per aver denunciato l’accaduto.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®