21 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 07/06/2012
CINA
Cina, impiccato sotto sorveglianza uno dei leader di piazza Tiananmen
La famiglia e gli amici di Li Wangyang, sindacalista di primo corso e leader delle proteste democratiche del 1989, puntano il dito contro la polizia che parla di “suicidio”. L’uomo ha passato 21 anni in carcere, e lo scorso mese aveva dichiarato: “Non metterò mai da parte il mio desiderio di democrazia e di uno stato di diritto in Cina”. In galera aveva subito in maniera sistematica le torture della polizia.

Pechino (AsiaNews) - Un attivista democratico dell'Hunan, che ha passato 21 anni in galera per il suo coinvolgimento nei moti di piazza Tiananmen e per il suo impegno a favore dei diritti dei lavoratori cinesi, è stato trovato morto ieri mattina in circostanze misteriose in un ospedale di Shaoyang. La famiglia, gli amici e i dissidenti colleghi di Li Wangyang (62 anni) rifiutano di credere alle dichiarazioni della polizia secondo cui l'uomo si sarebbe impiccato.

Secondo le testimonianze dei suoi cari, Li - che è stato torturato in galera e per questo era divenuto cieco e quasi immobile - "era animato da spirito combattivo e voleva che le autorità rivedessero il giudizio ufficiale sul movimento del 1989". Pechino ha sempre definito quelle manifestazioni "un'insurrezione controrivoluzionaria". A causa dell'anniversario del massacro, che cade il 4 giugno, il governo aveva imposto a Li una scorta 24 ore al giorno.

Zhu Chengzi, attivista e amico di Li sin dai tempi delle scuole, lo ha incontrato l'ultima volta proprio il 4 giugno: "Abbiamo parlato un poco, anche se non stava bene di salute. Doveva essere ricoverato ma era ottimista. Non penso che sia un suicidio perché lui era quel tipo d'uomo che non si ucciderebbe mai, nemmeno con un coltello puntato al collo".

In un'intervista rilasciata lo scorso mese alla Cable Tv di Hong Kong, l'attivista aveva dichiarato di non voler abbandonare la sua lotta per la democrazia e lo stato di diritto in Cina. Ora la famiglia si prepara a lottare contro le autorità per avere verità e giustizia dopo la sua morte. Una fonte anonima dichiara: "Chiediamo un'autopsia fatta bene: non sappiamo neanche quando è morto, e non sappiamo se sia stato un suicidio o un omicidio". Gli agenti hanno impedito ai congiunti di fotografare il corpo di Li e li hanno portati via dall'ospedale con la forza.

Li, sindacalista sin dai primi anni '80 del secolo scorso, ha passato 13 anni in carcere con l'accusa di essere un "controrivoluzionario" per aver guidato una federazione indipendente di lavoratori a Shaoyang durante le manifestazioni del 1989. Dopo il suo rilascio, avvenuto nel 2000 per motivi medici, è stato condannato ad altri 10 anni per "sovversione": prima di morire, era considerato uno dei prigionieri politici collegati a Tiananmen più colpiti dalla repressione del governo.

In questo periodo di prigionia, come confermano diversi testimoni, è stato torturato in maniera sistematica. Nonostante le varie dichiarazioni contro questo fenomeno, il governo comunista non ha mai pensato in maniera seria di eliminare gli abusi contro i prigionieri: le torture si scatenano in modo particolare contro i detenuti politici e quelli legati al mondo delle religioni.

Nel marzo del 2006 Manfred Nowak, investigatore capo dell'Agenzia Onu sulle torture, ha compiuto una rara visita all'interno di alcune carceri cinesi. Pur avendo evitato le province più a rischio, come il Xinjiang, il funzionario scrisse un rapporto per denunciare "l'uso della tortura diffuso in tutte le carceri della Cina" [v. http://www.asianews.it/notizie-it/Onu:-contro-la-tortura-in-Cina,-cambio-radicale-nei-tribunali-e-nella-polizia-5695.html].

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/06/2012 CINA
I dissidenti cinesi lanciano una petizione per chiedere la verità sul "suicidio" di Li Wangyang
03/06/2005 CINA
Amnesty: Pechino faccia i conti con il massacro di Tiananmen
28/05/2005 CINA
Madri di Tiananmen: "Pechino deve chiedere scusa davanti alla Storia"
28/05/2012 CINA
Strage di Tiananmen, si suicida il padre di uno degli studenti uccisi nell’89
15/06/2012 CINA
Hunan, le autorità riaprono il caso di Li Wangyang: non è stato un suicidio

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate