20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/10/2015, 00.00

    CINA

    Cina, l’economia rallenta e aumentano scioperi e proteste per i salari



    Il China Labour Bulletin pubblica i dati relativi al terzo trimestre 2015: quasi 600 rivendicazioni sindacali nel Paese, piagato da contrazione del settore manifatturiero e dalla corruzione dei datori di lavoro. In aumento anche le proteste estreme: in 10 giorni, tre gruppi di operai si sono suicidati nella sola Jiaxing.

    Hong Kong (AsiaNews) – Gli scioperi e le proteste dei lavoratori in tutta la Cina sono aumentati in maniera considerevole nel terzo trimestre del 2015, con un picco particolare nel settore del manifatturiero. La “mappa degli scioperi” del China Labour Bulletin – Clb, organismo no profit con base a Hong Kong che monitora il mondo del lavoro nella Repubblica popolare – mostra infatti che a luglio a settembre si sono verificate 593 rivendicazioni sindacali. Di queste, 219 hanno riguardato appunto il mondo del manifatturiero.

    Non si tratta di un caso: l’attività manifatturiera del Paese si è contratta per il secondo mese consecutivo lo scorso settembre, causando un calo dell’attività e forti disagi per i lavoratori. Sempre in settembre si sono verificati una media di 3 fra scioperi e proteste ogni singolo giorno. La maggior parte dei casi riguarda gli stipendi, non corrisposti o diminuiti senza preavviso.

    A poca distanza dal manifatturiero viene il settore dell’edilizia. Si tratta di uno dei campi più sensibili dell’economia cinese, dato che una buona parte della strabiliante crescita del Prodotto interno lordo nazionale – negli ultimi due decenni – è stata trainata proprio dalle costruzioni. Al punto che, però, si è formata una bolla composta da case invendute e prestiti mai restituiti alle banche che ora rischia di scoppiare travolgendo tutti.

    Nel terzo trimestre del 2015, il 31% degli scioperi e delle proteste dei lavoratori è stato collegato proprio all’edilizia. Ad aggravare la situazione, spiega il Clb, vi è anche l’approssimarsi del Capodanno lunare: per tradizione, in questa data si saldano i conti arretrati e si pagano i debiti. Ma sempre più spesso i migranti che costruiscono nelle città – centinaia di milioni di persone, vero motore della crescita del Pil – si vedono negati gli stipendi arretrati. Molti, per la vergogna, si suicidano piuttosto che tornare a casa a mani vuote.

    In generale, scrive ancora il sindacato, la sensazione è che aumenti la disperazione nel mondo del lavoro: “Molti gruppi di lavoratori nel corso dell’anno hanno inscenato manifestazioni estreme, fra cui salire sui tetti degli edifici minacciando il suicidio. Nella sola città di Dongguan e nel solo terzo trimestre del 2015 si sono verificati sei incidenti di questo tipo. A Jiaxing, nel Zhejiang, ne sono avvenuti tre in 10 giorni. Ora la città è ribattezzata ‘la città dei saltatori’”.

    Per contrastare questo fenomeno, le autorità hanno deciso come sempre di aumentare il controllo della polizia. Nel 10% dei casi di sciopero segnalati dal Clb si sono verificati arresti o scontri violenti con le autorità. il 23 settembre scorso, nella provincia dell'Henan, gli agenti sono arrivati ad aprire il fuoco contro un gruppo di minatori che chiedeva le paghe arretrate. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/02/2015 CINA
    Cina, i datori di lavoro non pagano i salari: triplicati scioperi e proteste violente
    Con l'arrivo del Nuovo anno lunare centinaia di milioni di migranti chiedono paghe arretrate e indennizzi per incidenti sul lavoro. Con la connivenza dei governi locali, gli imprenditori fanno di tutto per non saldare. Il China Labour Bulletin: "Gli scontri aumentano in tutte le province e in tutti i campi".

    04/03/2016 11:40:00 CINA
    Cina, si moltiplicano gli scioperi: le industrie non pagano più gli stipendi

    Il China Labour Bulletin pubblica i dati relativi al periodo precedente il Capodanno cinese. Un record (negativo) pari a 1.050 proteste in poco più di due mesi. Nel 2015 si sono verificati 2.774 scioperi. Gli imprenditori del settore edilizio sono i peggiori, seguono quelli del manifatturiero e del minerario. Il Guangdong blocca i salari per i prossimi due anni.



    14/07/2016 10:06:00 CINA
    Cina, otto scioperi al giorno per i primi sei mesi dell’anno

    Il China Labour Bulletin pubblica i dati su proteste e scontri sociali nel mondo del lavoro: un aumento del 18,6% rispetto allo scorso anno, nonostante i tentativi di stabilizzare l’economia da parte del governo.



    13/02/2007 CINA
    Milioni di euro in salari rubati ai lavoratori migranti
    Ogni anno milioni di lavoratori migranti non vengono pagati dai datori di lavoro, spesso subcommittenti di multinazionali straniere. Il governo non li tutela; l’intervento giudiziario è costoso e richiede tempo. Da anni Pechino condanna questa condotta, ma non la risolve.

    04/11/2014 CINA
    Cina, in un anno sono raddoppiati scioperi e manifestazioni sindacali
    Secondo i dati del China Labour Bulletin, l'unico sindacato libero del mondo cinese con sede a Hong Kong, le dimostrazioni a favore di migliori condizioni di lavoro sono cresciute del 100% rispetto ai dati del 2013. Merito della visibilità offerta dai social network e di una maggiore insoddisfazione per lo stile di vita imposto agli operai.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®