30 Giugno 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/06/2005
CINA
Cina, la "fabbrica del mondo" è il paese più inquinato

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – "La Cina ha pagato un elevato prezzo in materia ambientale" per il rapido sviluppo economico degli ultimi 20 anni. Lo afferma Pan Yue, vice direttore dell'Amministrazione statale per la protezione dell'ambiente (Sepa), durante il 7° Forum Verde della Cina, apertosi sabato 18 giugno a Pechino.

Secondo Pan Yue, lo sviluppo deve rispettare le esigenze dell'ambiente e della società, se non si vuole che la prevista crescita economica del 400% per il 2020 porti un pari aumento dell'inquinamento ed esaurisca le risorse naturali del paese. Anche se la Cina è diventata "la fabbrica del mondo" – osserva – nelle nazioni più sviluppate esporta solo "prodotti di basso livello industriale" e "consuma le proprie risorse" materiali e ambientali. Per esempio, la Cina usa più acqua e scarica più liquami di qualsiasi altra nazione. Il suo prodotto interno lordo è tra 400 e 1.000 dollari Usa pro capite, ma l'inquinamento è simile a quello dei paesi occidentali nei quali il Pil pro capite è tra  3 mila e 10 mila dollari.

L'inquinamento ha ridotto il territorio abitativo dai 6 milioni di kmq nel 1949 ai 3 milioni attuali, mentre la popolazione è salita da 600 milioni a 1,3 miliardi. Pechino è divenuta famosa per l'intenso traffico – con oltre 2 milioni di automezzi sempre in circolazione, che saranno 5 milioni nel 2020 - e per l'inquinamento dell'aria. Per diminuire il traffico risultano insufficienti i costosi sottopassaggi e si progetta di spostare in periferia gli uffici pubblici. Attualmente gli uffici del governo sorgono nelle zone più prestigiose e costose, come a Zhongnanhai, a fianco del centrale Palazzo imperiale, tra alberi secolari e laghetti.

In Cina si trovano 16 delle 20 città più inquinate del mondo. Molto dell'inquinamento è dovuto anche all'uso del carbone per la produzione enegetica. Gli impianti a carbone producono il 75% dell'energia necessaria. Essi emettono anidride solforosa, causa delle piogge acide, con un danno annuale – secondo la Sepa – di 110 miliardi di yuan (13,3 miliardi di dollari Usa).  Pan Yue definisce "del tutto sbagliata" l'ideologia dello sviluppo di questi anni, per la quale viene "prima lo sviluppo e dopo prevenzione e controllo dell'inquinamento" e avverte che occorre  uno "sviluppo ecologico" e che "il governo adotterà provvedimenti per incoraggiare una produzione pulita e punire il grave inquinamento." (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/09/2007 CINA
Carburante “pulito” da rifiuti ed escrementi
25/03/2015 CINA
Pechino, l’ultima centrale a carbone chiuderà nel 2016
27/12/2007 CINA
Pechino: solo con la collaborazione internazionale si potrà inquinare di meno
29/01/2007 CINA
Il gigante cinese fra gli ultimi nella cura dell’ambiente
17/10/2009 CINA - TIBET
Tibet, scoperto un enorme giacimento di metano fra i ghiacci

In evidenza
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.
VATICANO – ITALIA
Torino, Papa ai giovani: Siate casti nell’amore e andate controcorrente. Non andate in pensione a 20 anni!L’ultimo incontro della prima giornata di Francesco a Torino è con i giovani, riuniti a piazza Vittorio. Francesco risponde a braccio a tre domande sull’amore, l’amicizia e la sfiducia nei confronti della vita: “Vi capisco, quanti sono ipocriti e parlano di pace vendendo armi. Come si può avere fiducia? Seguendo Cristo, il cui gesto di amore estremo, cioè la Croce, ha salvato l’umanità”. Una disamina degli orrori del Novecento come prova di sfiducia nei confronti delle potenze mondiali. E il ripetuto invito ai ragazzi: “Non andate in pensione a 20 anni, vivete e non vivacchiate!”. Il testo completo della risposta del papa (a cura di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate