26/10/2010, 00.00
PALESTINA
Invia ad un amico

Colloqui di riconciliazione tra Hamas e Fatah al via questa settimana

L’incontro inter-palestinese tra Fatah e Hamas potrebbe svolgersi tra pochi giorni, stando al quotidiano Asharq Al-Awsat. Ma sulla sede del summit è ancora scontro: Fatah rifiuta di recarsi a Damasco. Entrano in gioco Beirut e Sanaa.
Ramallah (AsiaNews/Agenzie) – Potrebbero svolgersi questa settimana, in un luogo ancora da definire, gli attesi colloqui inter-palestinesi tra al-Fatah e il movimento islamico di Hamas, che controlla la Striscia di Gaza (nella foto un incontro nel 2008 tra Abbas e Khaled Meshaal). Lo riporta il quotidiano arabo online in lingua inglese Asharq Al-Awsat. Al giornale, il membro del Comitato centrale di Fatah, Azzam al-Ahmad, anche capo della delegazione per il dialogo, ha riferito che è stato raggiunto un accorso con Hamas per incontrarsi questa settimana.  
 
Al-Ahmad ha aggiunto che nelle prossime ore è atteso un accordo sul luogo dove svolgere i colloqui di riconciliazione. Le due parti starebbero discutendo su una rosa di città candidate che comprende: Damasco, Beirut e Sanaa. La capitale dello Yemen è entrata in gioco dopo che il presidente Ali Abdullah Saleh si è detto favorevole a ospitare le delegazioni palestinesi. A ogni modo, fonti informate di Asharq Al-Awsat fanno notare che al momento è proprio il luogo dei colloqui il pomo della discordia, con Hamas che insiste sulla Siria e Fatah che rifiuta di accettare.
 
Il tira e molla tra le due fazioni   
 
I colloqui tra le due fazioni palestinesi sono appesi a un filo da settimane. Il primo round dei colloqui si era tenuto a settembre sempre nella capitale siriana. Da allora, le forze di sicurezza di Fatah hanno arrestato diversi militanti di Hamas, provocando una dura risposta dell'ala armata del movimento radicale.  
 
In programma per il 20 ottobre a Damasco, il secondo round è stato poi posticipato su richiesta del leader di Fatah, il presidente dell’Autorità nazionale della Palestina (Anp) Mahmud Abbas. Le stesse fonti del quotidiano arabo spiegano che sono in corso trattative per riconciliare Abu Mazen e il presidente siriano Bashad al-Assad. I due avevano avuto un diverbio nell’ultimo summit della Lega araba a Sirte in Libia i primi del mese di ottobre. Diverbio che ha portato Fatah ad opporsi al programma di Damasco come sede degli incontri inter-palestinesi.  
 
Khalil al-Hayyah, esponente di spicco di Hamas, spiega di aver chiesto a Fatah di abbandonare le sue richieste per una nuova sede e accettare la “proposta siriana”. Ha poi aggiunto: “Ci siamo accordati in precedenza con Fatah per riprendere i colloqui nello stesso posto dove erano iniziati, insistiamo quindi perché si torni a Damasco, non essendoci nessuna valida giustificazione per cambiare, e nessun bisogno di politicizzare la scelta della sede”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Custode di Terrasanta: la paura della primavera araba dietro l’accordo tra Hamas e Fatah
03/05/2011
Il Cairo, riprendono i tentativi di riconciliazione fra al-Fatah e Hamas
09/01/2013
Vigilia di sangue per l'ultimatum di Abbas sul "documento dei prigionieri"
05/06/2006
Hanan Ashrawi: con Fatah e Hamas più vicino uno Stato palestinese
05/05/2011
Mahmoud Abbas: non mi candido alle prossime presidenziali dell’Anp
06/11/2009