20 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/12/2011, 00.00

    TIBET-CINA-EUROPA

    Con Vaclav Havel “muore un amico del Tibet e della Cina”



    Il Dalai Lama ricorda il presidente ceco scomparso a Praga dopo una lunga malattia. Autore de “Il potere dei senza potere” – che stanno traducendo in cinese – e di quella Charta ’77 che ha ispirato la Charta ’08, manifesto per la democrazia in Cina, ha guidato la protesta internazionale contro la detenzione illegale del Nobel Liu Xiaobo.
    Dharamsala (AsiaNews) - Il Tibet e la Cina intera “hanno perso un grande amico, un campione della democrazia e un ispiratore per tutti”. Con queste parole il Dalai Lama ha commentato oggi la morte di Vaclav Havel, figura di spicco della dissidenza mondiale morto ieri a 75 anni a Praga dopo una lunga malattia.

    Autore di testi fondamentali per la lotta al comunismo sovietico – “Il potere dei senza potere” del 1978 (in traduzione in lingua cinese) e la famosissima Charta ’77, manifesto fondamentale per la lotta alla repressione di Mosca – ha ispirato la Charta ’08 firmata dal Nobel per la pace Liu Xiaobo. Liu, dissidente e docente cinese, è stato condannato a 11 anni di prigione proprio per aver preparato e diffuso quel documento pro-democrazia.

    Havel, primo presidente della Cecoslovacchia libera dal comunismo e poi leader della Repubblica ceca, ha guidato la protesta internazionale contro la detenzione di Liu. Ancora prima del conferimento del Nobel al dissidente cinese, aveva scritto e consegnato una lettera aperta al regime di Pechino chiedendo il rispetto dei diritti umani in Cina e in Tibet. Havel fu anche il primo leader politico mondiale a invitare il Dalai Lama nella sua nazione come capo di Stato in visita.

    Il leader del buddismo tibetano, saputo del deterioramento del suo stato di salute, è volato a Praga all’inizio di dicembre e ha passato più di un’ora con quello che ha definito “più di un amico per me, per il Tibet e per la Cina intera”. Lo stesso Dalai Lama volle premiare Havel con il premio “Light of the Truth”, per il suo contributo alla causa del Tibet e alla democrazia mondiale.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/10/2010 CINA
    Nobel a Liu Xiaobo: forse un nuovo processo per il dissidente
    Le autorità cinesi attaccano: “Il Premio a un criminale, le potenze straniere lo usano per attaccarci”. La moglie Liu Xia: “In carcere ora lo trattano meglio, pensiamo a un nuovo processo”.

    07/01/2010 UE - CINA
    Vaclav Havel scrive a Hu Jintao: “Libera Liu Xiaobo”
    L’ex presidente ceco – estensore di Charta ’77 - si è presentato insieme ad altre due figure della dissidenza di Praga davanti all’ambasciata cinese per chiedere il rispetto dei diritti umani in Cina e un giusto processo di appello per l’autore di Carta 08.

    25/03/2008 CINA - TIBET
    Intellettuali e dissidenti chiedono alla Cina di ripensare agli “errori” commessi in Tibet
    Scrittori, attivisti, avvocati, artisti spingono Pechino ad aprire un dialogo diretto con il Dalai Lama e domandano la piena libertà religiosa per il Tibet. La propaganda ufficiale – rozza come ai tempi della Rivoluzione culturale – aizza gli odi razziali.

    20/01/2016 15:13:00 CINA - TIBET
    Col pretesto delle truffe, Pechino dà la patente ai “buddha viventi”

    I tulku, grandi lama del passato che echeggiano nella vita di studiosi buddisti contemporanei, sono numerosissimi. Per “evitare le frodi ai danni dei fedeli”, il governo comunista lancia un database online per identificarli. Ma ignora coloro che hanno studiato all’estero e, soprattutto, cerca di giustificare la sua pretesa di riconoscere i prossimi leader tibetani. Tra cui il Dalai Lama e i suoi più stretti collaboratori.



    16/04/2015 CINA – TIBET
    Pechino esige le “scuse” del Dalai Lama e chiude a ogni dialogo sul Tibet
    Nel Libro bianco sulla questione del Tibet, il governo pone come condizione per il dialogo “il ritiro totale del monaco da ogni attività, le sue scuse per i misfatti compiuti e la fine di ogni richiesta di autonomia per la provincia”. Pechino spera di poter gestire la sua successione, ma esperti religiosi e accademici chiariscono: “Solo l’attuale leader buddista potrà decidere sul futuro della sua carica, le ingerenze della Cina provocheranno solo nuovi danni”.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®