20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/01/2017, 12.27

    INDIA

    Con il bando delle rupie, a dicembre 2016 cala il manifatturiero



    L’indicatore che misura la “salute” della produzione è sceso sotto i 50 punti. A novembre 2016 era di 52,3. Tuttavia il livello medio del quarto trimestre 2016 coincide con quello del periodo precedente. La maggior parte delle aziende addebita alla mancanza dei contanti la contrazione degli ordini.

    New Delhi (AsiaNews) – A causa del bando delle banconote da 500 e 1000 rupie, a dicembre 2016 è calata la produzione del settore manifatturiero in India. Lo rivela uno studio condotto dal Nikkei Markit India Manufacturing Purchasing Managers’ Index (PMI) – un indicatore composito che misura la performance economica del settore – secondo cui a dicembre l’indice ha toccato la soglia di 49,6, il punteggio più basso dalla crisi economica mondiale del 2008.

    Secondo Pollyanna De Lima, esperta di economia e autrice del rapporto, “l’inaspettato ritiro delle banconote dal circuito ha provocato la contrazione dell’industria”. La maggior parte delle aziende (il paniere PMI ne comprende 500) addebita “alla carenza del denaro contante la diminuzione degli ordini ricevuti”.

    Rispetto al novembre 2016, quando l’indice si attestava al 52,3, il calo degli ordini ha portato anche ad una riduzione dell’impiego. Tuttavia, continua De Lima, il livello medio dell’indicatore nel quarto trimestre del 2016 (da ottobre a dicembre) – quando ha segnato 52,1 punti – è in linea con i risultati del trimestre precedente (52,2 punti).

    In linea di massima, un punteggio al di sotto di 50 indica una crisi del settore; al contrario, risultati superiori a 50 segnalano una crescita. Il rapporto è il primo studio complesso sulle ricadute economiche della decisione del premier Narendra Modi di sospendere il valore legale delle rupie considerate più contraffatte. Da subito però sono emersi notevoli disagi tra la classe media e le popolazioni rurali, abituati all’uso dei contanti negli scambi quotidiani.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/12/2016 11:24:00 INDIA
    Lettera aperta di un leader cristiano al premier Modi: Ripristini l’economia basata sui contanti

    Sajan K George scrive al capo del governo indiano. Lo avverte dei pericoli del bando delle banconote da 500 e 1000 rupie. L’eliminazione dei contanti affligge tutta l’economia. Sistema sociale e produzioni agricole in difficoltà. Intervenire prima del Natale.



    28/12/2016 11:57:00 PAKISTAN
    Dopo il flop in India, Islamabad respinge il bando delle banconote da 5mila rupie

    Il Senato aveva proposto di eliminare le rupie per ridurre il flusso di denaro illecito. Il ministero delle Finanze ha bloccato ogni iniziativa in tal senso. L’esempio fallimentare dell’India ha spinto il governo a puntare sui conti online, piuttosto che abolire i contanti.



    02/06/2017 09:08:00 INDIA
    India, effetti del bando delle rupie: l’economia crolla dall’8% al 6,1%

    I dati pubblicati dall’Ufficio centrale di statistica. La crisi economica si riferisce al trimestre gennaio-marzo 2017. Il crollo trainato dal settore delle costruzioni e dai servizi finanziari. Per il 2018 forse una ripresa intorno al 7,6-7,8%.



    11/09/2017 16:24:00 INDIA
    New Delhi, il bando delle rupie ‘un atto di suicidio’

    La politica monetaria del premier Narendra Modi è stata presentata come lotta alla contraffazione di moneta. In realtà la “demonetizzazione ha aiutato il governo a vincere le elezioni in Uttar Pradesh”. Diminuzione del potere d’acquisto dei consumatori e degli investimenti degli imprenditori; aumento del debito pubblico e della spesa per stampare moneta.



    13/12/2016 12:00:00 INDIA
    Attivista indiano: Il bando delle rupie è un attacco al popolo

    Il governo di Narendra Modi voleva mettere un freno alla corruzione. Ma l’iniziativa di eliminare banconote soggette alla falsificazione appare sempre più come un tentativo di avvantaggiare il grande business. Chiunque critichi la situazione viene bollato come “anti nazionalista”. Intanto la popolazione media soffre. L’opinione di Ram Puniyani, presidente del Center for Study of Society and Secularism di Mumbai.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®