26 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/11/2016, 09.11

    INDIA

    Lotta alla contraffazione: ritirate le banconote da 500 e 1000 rupie



    I tagli ritirati sono i più usati e falsificati. La popolazione potrà scambiare le banconote false fino al 30 dicembre. Nel frattempo verranno immessi in circolazione nuovi tagli da 500 e 2000 rupie. Il mese scorso un maxi condono di redditi non dichiarati ha permesso il recupero di 8,9 miliardi di euro.

    New Delhi (AsiaNews/Agenzie) – Nel tentativo di frenare il fenomeno delle banconote false circolanti nel Paese, il primo ministro indiano Narendra Modi ha annunciato il ritiro dei tagli da 500 e 1000 rupie. Tutti coloro che possiedono tali banconote potranno scambiarle da domani, 10 novembre, fino al 30 dicembre. Dopo questo periodo, decadrà il valore legale delle vecchie rupie.

    La decisione annunciata ieri sera ha già sollevato numerose preoccupazioni. I tagli contestati sono quelli più utilizzati dalla popolazione indiana negli acquisti giornalieri. Anche per questo motivo, le banconote da 500 rupie (6,70 euro) e 1000 rupie sono quelle più falsificate.

    Parlando alla stampa, Modi ha detto che “il black money [“denaro nero”, espressione indiana che indica il denaro derivante dalle operazioni di mercato nero] e la corruzione sono i più grandi ostacoli all’eliminazione della povertà”.

    Fin dalle ore successive all’annuncio, i cittadini hanno preso d’assalto gli sportelli dei bancomat per prelevare tagli da 100 rupie, più facili da usare nelle prossime settimane. Il governo ha annunciato che oggi le banche e gli ATM saranno chiusi, per consentire la distribuzione delle nuove banconote.

    Da domani, tutti potranno recarsi nelle banche e negli uffici postali a depositare le vecchie monete. In cambio riceveranno nuove banconote da 500 e 2000 rupie.

    La mossa finanziaria rientra nelle promesse fatte dal premier all’indomani della sua elezione nel 2014, quando aveva assicurato la lotta al denaro contraffatto e al mercato sommerso. Il mese scorso il governo è riuscito a recuperare quasi 10 miliardi di dollari (8,9 miliardi di euro) tramite un condono fiscale su beni e redditi non dichiarati in precedenza.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/11/2016 08:48:00 INDIA
    India, code interminabili davanti alle banche per scambiare le banconote eliminate dal commercio

    Ieri il governo ha eliminato i tagli da 500 e 1000 rupie. La decisione rientra nelle politiche contro la corruzione e la falsificazione del denaro. Le banconote bandite rappresentavano l’85% del denaro circolante.



    26/11/2016 08:58:00 INDIA
    Manmohan Singh: Un fallimento il bando delle rupie. Una razzia legalizzata

    Dopo oltre due settimane, la situazione per poveri e classe media non migliora. Ancora lunghe code agli sportelli, proteste e scontri hanno provocato 70 morti. Sospesi banchieri scoperti a rubare denaro. I partiti di opposizione propongono il “giorno della collera”. 

     



    15/11/2016 12:28:00 INDIA
    Una settimana dal ritiro delle rupie: cinema, mercati e negozi sono “deserti e in perdita”

    L’iniziativa del governo Modi è motivata dalla lotta alla contraffazione del denaro. La mossa a sorpresa ha gettato la popolazione nella miseria. Le nuove banconote non vengono accettate nei negozi. Anche Bollywood è in crisi. Diffuse le immagini di funzionari del Bjp in possesso dei nuovi tagli prima dell’annuncio della manovra.



    02/06/2017 09:08:00 INDIA
    India, effetti del bando delle rupie: l’economia crolla dall’8% al 6,1%

    I dati pubblicati dall’Ufficio centrale di statistica. La crisi economica si riferisce al trimestre gennaio-marzo 2017. Il crollo trainato dal settore delle costruzioni e dai servizi finanziari. Per il 2018 forse una ripresa intorno al 7,6-7,8%.



    13/12/2016 12:00:00 INDIA
    Attivista indiano: Il bando delle rupie è un attacco al popolo

    Il governo di Narendra Modi voleva mettere un freno alla corruzione. Ma l’iniziativa di eliminare banconote soggette alla falsificazione appare sempre più come un tentativo di avvantaggiare il grande business. Chiunque critichi la situazione viene bollato come “anti nazionalista”. Intanto la popolazione media soffre. L’opinione di Ram Puniyani, presidente del Center for Study of Society and Secularism di Mumbai.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®