10 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/08/2012, 00.00

    CINA - COREA DEL NORD

    Conclusa la visita dello zio di Kim Jong-un in Cina. Più forti i legami fra Pechino e Pyongyang

    Wang Zhicheng

    A tema lo sviluppo di alcune zone economiche speciali al confine fra i due Paesi. Jiang Song-thaek è conosciuto come l'elemento modernizzante nel potere a Pyongyang. Il Paese alla fame non rinuncia al suo programma nucleare.

    Pechino (AsiaNews) - Jiang Song-thaek, lo zio di Kim Jong-un, il nuovo leader coreano, sta ritornando oggi in Corea del Nord dopo quasi una settimana di visite in Cina. Jiang si è incontrato ieri con il presidente Hu Jintao per rafforzare la loro amicizia e per studiare nuovi progetti economici ed agricoli. La visita cadeva proprio in un periodo in cui la Cina vive alcune tensioni con il Giappone e con altri Paesi dell'estremo oriente, mentre il Nord soffre per cronica mancanza di cibo.

    Jiang Song-thaek, vice presidente della Commissione nazionale di difesa a Pyongyang, è lo sposo della sorella di Kim Jong-il, il leader morto lo scorso dicembre, a cui è succeduto Kim Jong-un. Jiang è in Cina dal 13 agosto scorso per migliorare la collaborazione economica fra i due Paesi.

    L'economia della Corea del Nord soffre per decenni di incompetenza, mancanza di investimenti e difficoltà dovute alle sanzioni internazionali, a causa del programma nucleare bellico che Pyongyang non accenna a fermare. Nei giorni scorsi Jiang e 50 dei suoi burocrati hanno partecipato ad incontri del "Comitato della guida comune" per studiare insieme alla Cina lo sviluppo di alcune zone al confine fra i due Paesi quali Rason, Hwanggumphyong e Wihwado. Esse dovrebbero divenire delle zone economiche speciali, come quelle che hanno permesso al potente vicino di svilupparsi e modernizzarsi.

    Secondo osservatori, Jiang Song-thaek è uno dei più decisi promotori della modernizzazione economica. Finora il suo impegno era stato frenato da Kim Jong-il e dai capi dell'esercito, che vedevano i cambiamenti come delle minacce al loro potere.

    Alla morte di Kim Jong-il, il successore - aiutato dallo zio - ha ripulito i vertici dell'esercito degli oppositori ed è probabile che si lancerà in un programma di rinnovamento dell'economia che al momento non riesce a sfamare i 24 milioni di abitanti.

    All'inizio del mese Onu e Croce Rossa hanno visitato alcune zone del Nord, colpite, dopo la siccità, da vaste alluvioni. Secondo i dati Onu, i due terzi dei nordcoreani continuano a vivere con cronica mancanza di cibo. Per questo i due organismi internazionali hanno lanciato un appello per aiuti. Stati Uniti e Corea del Sud, fra i maggiori donatori in questi anni, hanno bloccato l'invio di aiuti umanitari come punizione per il programma atomico e i vari interventi bellici scatenati da Pyongyang.

    Il programma nucleare del Nord preoccupa soprattutto la Corea del Sud e il Giappone. Proprio in questi giorni è sorto un diverbio fra Tokyo e Pechino sulla sovranità di alcune isole, le Senkaku, rette dal Giappone, che Pechino avoca a sé (col nome di Diaoyu).

    Alcuni osservatori temono che Pechino usi la sua influenza sulla Corea del Nord e la sua minaccia nucleare come uno strumento di pressione sui Paesi della regione.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/08/2012 COREA DEL NORD – CINA
    Pechino “non ha concesso nemmeno uno yuan” a Kim Jong-un
    La visita dell’eminenza grigia di Pyongyang nella capitale cinese è finita con un buco nell’acqua. Una fonte di AsiaNews racconta: “Sperava di ottenere fondi, è tornato a mani vuote. Il regime cinese gli ha impartito una lezioncina sul libero mercato e lo ha rimandato a casa. Sono stanchi anche loro delle intemperanze nordcoreane”.

    27/05/2011 CINA - COREA DEL NORD
    Pechino e Pyongyang “lanciano” le Zone economiche comuni
    Pur in un mare di propaganda, l’incontro fra Kim Jong-il e Hu Jintao si è chiuso con un accordo rivoluzionario: la creazione di almeno due zone a sovranità congiunta dove aprirsi al libero mercato. Fonti di AsiaNews spiegano: “Probabilmente è soltanto una foglia di fico, dove la Cina sbatterà i dissidenti e la Corea del Nord nasconderà le armi”.

    04/07/2013 CINA
    Cina, il governo concede a Shanghai lo status di “porto franco”
    Il Consiglio di Stato dà il via libera all’operazione, che prevede un enorme ampliamento delle zone “tax free” nella megalopoli cinese. A farne le spese saranno Hong Kong e Taiwan, che hanno fatto di tutto per essere un passaggio obbligato per gli investimenti stranieri destinati alla Cina continentale.

    02/11/2006 CINA – INDIA
    Leader nazionalista del Gujarat lancia la cooperazione con la Cina

    Narendra Modi, leader del Gujarat, è arrivato ieri a Pechino per una serie di incontri di tipo economico che mirano a sviluppare le Zone economiche speciali dello Stato.



    04/06/2008 COREA DEL NORD
    Corea del Nord, 800mila morti per la carestia
    Nel regime socialista di Kim Jong-il, uno dei Paesi più chiusi del mondo, la gente muore di fame a causa delle inondazioni dello scorso anno e delle ruberie del governo, che sequestra il cibo alla popolazione con ogni scusa possibile. Condannati a morte gli operai delle industrie belliche, costretti a lavorare senza cibo e senza possibilità di uscire dalle loro fabbriche.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®