25 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/08/2012
CINA - COREA DEL NORD
Conclusa la visita dello zio di Kim Jong-un in Cina. Più forti i legami fra Pechino e Pyongyang
di Wang Zhicheng
A tema lo sviluppo di alcune zone economiche speciali al confine fra i due Paesi. Jiang Song-thaek è conosciuto come l'elemento modernizzante nel potere a Pyongyang. Il Paese alla fame non rinuncia al suo programma nucleare.

Pechino (AsiaNews) - Jiang Song-thaek, lo zio di Kim Jong-un, il nuovo leader coreano, sta ritornando oggi in Corea del Nord dopo quasi una settimana di visite in Cina. Jiang si è incontrato ieri con il presidente Hu Jintao per rafforzare la loro amicizia e per studiare nuovi progetti economici ed agricoli. La visita cadeva proprio in un periodo in cui la Cina vive alcune tensioni con il Giappone e con altri Paesi dell'estremo oriente, mentre il Nord soffre per cronica mancanza di cibo.

Jiang Song-thaek, vice presidente della Commissione nazionale di difesa a Pyongyang, è lo sposo della sorella di Kim Jong-il, il leader morto lo scorso dicembre, a cui è succeduto Kim Jong-un. Jiang è in Cina dal 13 agosto scorso per migliorare la collaborazione economica fra i due Paesi.

L'economia della Corea del Nord soffre per decenni di incompetenza, mancanza di investimenti e difficoltà dovute alle sanzioni internazionali, a causa del programma nucleare bellico che Pyongyang non accenna a fermare. Nei giorni scorsi Jiang e 50 dei suoi burocrati hanno partecipato ad incontri del "Comitato della guida comune" per studiare insieme alla Cina lo sviluppo di alcune zone al confine fra i due Paesi quali Rason, Hwanggumphyong e Wihwado. Esse dovrebbero divenire delle zone economiche speciali, come quelle che hanno permesso al potente vicino di svilupparsi e modernizzarsi.

Secondo osservatori, Jiang Song-thaek è uno dei più decisi promotori della modernizzazione economica. Finora il suo impegno era stato frenato da Kim Jong-il e dai capi dell'esercito, che vedevano i cambiamenti come delle minacce al loro potere.

Alla morte di Kim Jong-il, il successore - aiutato dallo zio - ha ripulito i vertici dell'esercito degli oppositori ed è probabile che si lancerà in un programma di rinnovamento dell'economia che al momento non riesce a sfamare i 24 milioni di abitanti.

All'inizio del mese Onu e Croce Rossa hanno visitato alcune zone del Nord, colpite, dopo la siccità, da vaste alluvioni. Secondo i dati Onu, i due terzi dei nordcoreani continuano a vivere con cronica mancanza di cibo. Per questo i due organismi internazionali hanno lanciato un appello per aiuti. Stati Uniti e Corea del Sud, fra i maggiori donatori in questi anni, hanno bloccato l'invio di aiuti umanitari come punizione per il programma atomico e i vari interventi bellici scatenati da Pyongyang.

Il programma nucleare del Nord preoccupa soprattutto la Corea del Sud e il Giappone. Proprio in questi giorni è sorto un diverbio fra Tokyo e Pechino sulla sovranità di alcune isole, le Senkaku, rette dal Giappone, che Pechino avoca a sé (col nome di Diaoyu).

Alcuni osservatori temono che Pechino usi la sua influenza sulla Corea del Nord e la sua minaccia nucleare come uno strumento di pressione sui Paesi della regione.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/08/2012 COREA DEL NORD – CINA
Pechino “non ha concesso nemmeno uno yuan” a Kim Jong-un
di Joseph Yun Li-sun
27/05/2011 CINA - COREA DEL NORD
Pechino e Pyongyang “lanciano” le Zone economiche comuni
di Joseph Yun Li-sun
04/07/2013 CINA
Cina, il governo concede a Shanghai lo status di “porto franco”
02/11/2006 CINA – INDIA
Leader nazionalista del Gujarat lancia la cooperazione con la Cina
04/06/2008 COREA DEL NORD
Corea del Nord, 800mila morti per la carestia

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate