18/08/2012, 00.00
CINA - COREA DEL NORD
Invia ad un amico

Conclusa la visita dello zio di Kim Jong-un in Cina. Più forti i legami fra Pechino e Pyongyang

di Wang Zhicheng
A tema lo sviluppo di alcune zone economiche speciali al confine fra i due Paesi. Jiang Song-thaek è conosciuto come l'elemento modernizzante nel potere a Pyongyang. Il Paese alla fame non rinuncia al suo programma nucleare.

Pechino (AsiaNews) - Jiang Song-thaek, lo zio di Kim Jong-un, il nuovo leader coreano, sta ritornando oggi in Corea del Nord dopo quasi una settimana di visite in Cina. Jiang si è incontrato ieri con il presidente Hu Jintao per rafforzare la loro amicizia e per studiare nuovi progetti economici ed agricoli. La visita cadeva proprio in un periodo in cui la Cina vive alcune tensioni con il Giappone e con altri Paesi dell'estremo oriente, mentre il Nord soffre per cronica mancanza di cibo.

Jiang Song-thaek, vice presidente della Commissione nazionale di difesa a Pyongyang, è lo sposo della sorella di Kim Jong-il, il leader morto lo scorso dicembre, a cui è succeduto Kim Jong-un. Jiang è in Cina dal 13 agosto scorso per migliorare la collaborazione economica fra i due Paesi.

L'economia della Corea del Nord soffre per decenni di incompetenza, mancanza di investimenti e difficoltà dovute alle sanzioni internazionali, a causa del programma nucleare bellico che Pyongyang non accenna a fermare. Nei giorni scorsi Jiang e 50 dei suoi burocrati hanno partecipato ad incontri del "Comitato della guida comune" per studiare insieme alla Cina lo sviluppo di alcune zone al confine fra i due Paesi quali Rason, Hwanggumphyong e Wihwado. Esse dovrebbero divenire delle zone economiche speciali, come quelle che hanno permesso al potente vicino di svilupparsi e modernizzarsi.

Secondo osservatori, Jiang Song-thaek è uno dei più decisi promotori della modernizzazione economica. Finora il suo impegno era stato frenato da Kim Jong-il e dai capi dell'esercito, che vedevano i cambiamenti come delle minacce al loro potere.

Alla morte di Kim Jong-il, il successore - aiutato dallo zio - ha ripulito i vertici dell'esercito degli oppositori ed è probabile che si lancerà in un programma di rinnovamento dell'economia che al momento non riesce a sfamare i 24 milioni di abitanti.

All'inizio del mese Onu e Croce Rossa hanno visitato alcune zone del Nord, colpite, dopo la siccità, da vaste alluvioni. Secondo i dati Onu, i due terzi dei nordcoreani continuano a vivere con cronica mancanza di cibo. Per questo i due organismi internazionali hanno lanciato un appello per aiuti. Stati Uniti e Corea del Sud, fra i maggiori donatori in questi anni, hanno bloccato l'invio di aiuti umanitari come punizione per il programma atomico e i vari interventi bellici scatenati da Pyongyang.

Il programma nucleare del Nord preoccupa soprattutto la Corea del Sud e il Giappone. Proprio in questi giorni è sorto un diverbio fra Tokyo e Pechino sulla sovranità di alcune isole, le Senkaku, rette dal Giappone, che Pechino avoca a sé (col nome di Diaoyu).

Alcuni osservatori temono che Pechino usi la sua influenza sulla Corea del Nord e la sua minaccia nucleare come uno strumento di pressione sui Paesi della regione.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pechino “non ha concesso nemmeno uno yuan” a Kim Jong-un
21/08/2012
Pyongyang torna al tavolo del disarmo ma detta le sue condizioni
02/11/2006
Pechino e Pyongyang “lanciano” le Zone economiche comuni
27/05/2011
Cristiano condannato a morte, politici Usa scrivono all’Onu
14/07/2007
Corea, le inondazioni al Nord potrebbero aver ucciso 900 persone
28/08/2006