23 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/08/2012
CINA - COREA DEL NORD
Conclusa la visita dello zio di Kim Jong-un in Cina. Più forti i legami fra Pechino e Pyongyang
di Wang Zhicheng
A tema lo sviluppo di alcune zone economiche speciali al confine fra i due Paesi. Jiang Song-thaek è conosciuto come l'elemento modernizzante nel potere a Pyongyang. Il Paese alla fame non rinuncia al suo programma nucleare.

Pechino (AsiaNews) - Jiang Song-thaek, lo zio di Kim Jong-un, il nuovo leader coreano, sta ritornando oggi in Corea del Nord dopo quasi una settimana di visite in Cina. Jiang si è incontrato ieri con il presidente Hu Jintao per rafforzare la loro amicizia e per studiare nuovi progetti economici ed agricoli. La visita cadeva proprio in un periodo in cui la Cina vive alcune tensioni con il Giappone e con altri Paesi dell'estremo oriente, mentre il Nord soffre per cronica mancanza di cibo.

Jiang Song-thaek, vice presidente della Commissione nazionale di difesa a Pyongyang, è lo sposo della sorella di Kim Jong-il, il leader morto lo scorso dicembre, a cui è succeduto Kim Jong-un. Jiang è in Cina dal 13 agosto scorso per migliorare la collaborazione economica fra i due Paesi.

L'economia della Corea del Nord soffre per decenni di incompetenza, mancanza di investimenti e difficoltà dovute alle sanzioni internazionali, a causa del programma nucleare bellico che Pyongyang non accenna a fermare. Nei giorni scorsi Jiang e 50 dei suoi burocrati hanno partecipato ad incontri del "Comitato della guida comune" per studiare insieme alla Cina lo sviluppo di alcune zone al confine fra i due Paesi quali Rason, Hwanggumphyong e Wihwado. Esse dovrebbero divenire delle zone economiche speciali, come quelle che hanno permesso al potente vicino di svilupparsi e modernizzarsi.

Secondo osservatori, Jiang Song-thaek è uno dei più decisi promotori della modernizzazione economica. Finora il suo impegno era stato frenato da Kim Jong-il e dai capi dell'esercito, che vedevano i cambiamenti come delle minacce al loro potere.

Alla morte di Kim Jong-il, il successore - aiutato dallo zio - ha ripulito i vertici dell'esercito degli oppositori ed è probabile che si lancerà in un programma di rinnovamento dell'economia che al momento non riesce a sfamare i 24 milioni di abitanti.

All'inizio del mese Onu e Croce Rossa hanno visitato alcune zone del Nord, colpite, dopo la siccità, da vaste alluvioni. Secondo i dati Onu, i due terzi dei nordcoreani continuano a vivere con cronica mancanza di cibo. Per questo i due organismi internazionali hanno lanciato un appello per aiuti. Stati Uniti e Corea del Sud, fra i maggiori donatori in questi anni, hanno bloccato l'invio di aiuti umanitari come punizione per il programma atomico e i vari interventi bellici scatenati da Pyongyang.

Il programma nucleare del Nord preoccupa soprattutto la Corea del Sud e il Giappone. Proprio in questi giorni è sorto un diverbio fra Tokyo e Pechino sulla sovranità di alcune isole, le Senkaku, rette dal Giappone, che Pechino avoca a sé (col nome di Diaoyu).

Alcuni osservatori temono che Pechino usi la sua influenza sulla Corea del Nord e la sua minaccia nucleare come uno strumento di pressione sui Paesi della regione.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/08/2012 COREA DEL NORD – CINA
Pechino “non ha concesso nemmeno uno yuan” a Kim Jong-un
di Joseph Yun Li-sun
27/05/2011 CINA - COREA DEL NORD
Pechino e Pyongyang “lanciano” le Zone economiche comuni
di Joseph Yun Li-sun
04/07/2013 CINA
Cina, il governo concede a Shanghai lo status di “porto franco”
02/11/2006 CINA – INDIA
Leader nazionalista del Gujarat lancia la cooperazione con la Cina
04/06/2008 COREA DEL NORD
Corea del Nord, 800mila morti per la carestia

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate