21/03/2005, 00.00
CINA - USA
Invia ad un amico

Condoleezza Rice chiede a Pechino maggior impegno verso la Nord Corea

In cambio la Cina chiede agli Usa di frenare le mire indipendentiste di Taiwan. La Rice partecipa alla liturgia delle Palme in una chiesa protestante a Pechino.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Disponibilità al negoziato nelle questioni Taiwan e Nord Corea, ma anche posizione ferma sull'impegno americano nel garantire la pace e la stabilità nell'Asia del Pacifico. È la posizione espressa dal segretario di Stato statunitense, Condoleezza Rice durante il suo incontro di ieri a Pechino con il presidente cinese Hu Jintao.

Nell'ultima tappa del suo tour asiatico la Rice ha chiesto alla Cina di impegnarsi nel riportare la Corea del Nord al tavolo dei colloqui a sei sul nucleare, abbandonati da Pyongyang a febbraio scorso.

Pechino ha invece fatto presente la necessità da parte degli Usa di non "mandare segnali sbagliati a Taiwan", dopo la critica di Washington al varo della legge anti-secessione. Approvata la settimana scorsa dall'Assemblea Nazionale del Popolo, la legge prevede l'intervento militare qualora Taipei dichiarasse l'indipendenza.

Hu ha assicurato che la Cina ha intenzione di premere su Pyongyang affinché metta fine al suo programma nucleare. Nei colloqui a sei, che coinvolgono anche Russia, Giappone e Corea del Sud, Pechino svolge il ruolo di mediatore e ha un ruolo chiave in quanto l'economia nordcoreana si basa sul suo grano, petrolio e carbone. La Cina, da parte sua, ha chiesto a Washington maggiore flessibilità sulla questione del nucleare. ma soprattutto ha espresso la speranza che gli Usa "capiscano e sostengano gli sforzi del governo e del popolo cinese nel salvaguardare la sua sovranità e integrità territoriale". Il presidente ha spiegato che la legge anti-secessione è volta a promuovere "pace e stabilità nello stretto di Taiwan".

Gli Stati Uniti considerano la nuova legge fonte di crescenti tensioni tra la madrepatria e l'isola. Nonostante ciò, la Rice ha ribadito l'appoggio Usa al principio dell' "unica Cina". Allo stesso tempo, in polemica con l'Unione Europea, il segretario di Stato ha detto che gli Usa vogliono garantire la stabilità della regione asiatica del Pacifico. Per questo la Rice - già a Seoul - ha sconsigliato la fine dell'embargo europeo sulla vendita di armi sofisticate alla Cina.

Ieri, domenica delle Palme, il segretario di Stato Usa ha partecipato alla funzione religiosa nella chiesa cristiana protestante di Gangwashi. La Rice non ha fatto dichiarazioni pubbliche, ma ha scritto sul libro dei visitatori: "Dio vi benedica. Grazie per avermi permesso di condividere con voi la domenica delle Palme. Vostra in Cristo. Condoleezza Rice".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Seoul "pronta ad allontanarsi" dalla politica Usa sulla Corea del Nord
12/05/2006
Cristiano condannato a morte, politici Usa scrivono all’Onu
14/07/2007
Pyongyang torna al tavolo del disarmo ma detta le sue condizioni
02/11/2006
La sfida di Pyongyang è una supplica agli USA perché non cada il regime
12/02/2005
Corea del Sud, Rooh "sicuro" della ripresa dei colloqui sul nucleare
13/06/2005