6 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/03/2007
CINA
Conferenza consultiva: “Il governo fermi la legge del figlio unico”
Un gruppo di membri della Conferenza consultiva politica del popolo cinese, che si è conclusa ieri, ha chiesto al governo di tornare almeno alla concessione dei due figli per famiglia: la politica attuale, infatti, crea problemi sociali e disturbi alla personalità nei giovani.

Pechino (AsiaNews) – Un gruppo composto da 30 delegati della Conferenza consultiva politica del popolo cinese (Ccppc) ha chiesto al governo di abolire la legge sul figlio unico, in vigore in Cina da 28 anni, perché “crea problemi sociali e disturbi alla personalità nei giovani”.
 
La proposta è stata presentata da Ye Tingfang, professore all’Accademia cinese delle Scienze sociali, che ha suggerito al governo di tornare almeno al decreto che prevedeva due figli per famiglia. Secondo l’accademico, infatti, “è troppo imporre un figlio unico. Questo viola le leggi naturali e, a lungo andare, porterà ad una rivolta da parte di Madre natura”.
 
La politica di controllo familiare, caposaldo del governo comunista, colpisce al momento circa 90 milioni di famiglie cinesi. Questo “provoca problemi sociali come lo squilibrio fra i sessi e l’invecchiamento della popolazione. Il disordine nello sviluppo della nostra società è il risultato di questa scelta: moltissimi giovani, oggi, hanno problemi psicologici e divengono sempre più chiusi ed isolati”. Questo perché “i bambini non hanno più coetanei con cui giocare e nemmeno cugini con cui confrontarsi. Non va bene che stiano sempre con i loro genitori, che li viziano: anche se non è giusto imporre alcun limite alla procreazione, riteniamo sia meglio almeno tornare alla politica dei due figli per famiglia”.
 
Il professore ed il gruppo di delegati, tuttavia, non hanno dubbi che la loro proposta verrà ignorata dal governo centrale, che sulle proposte della Conferenza ha sempre mantenuto “l’atteggiamento di un sordo”.
 
Questo è valido anche per gli altri temi trattati dai membri del Ccppc, che si sono riuniti in contemporanea ai delegati dell’Assemblea nazionale del Popolo (Anp). Il loro incontro è finito ieri, e nel corso degli 11 giorni di colloqui i delegati - per la maggior parte leader in pensione, esperti ed imprenditori privati – hanno trattato temi di interesse sociale, arrivando a criticare le politiche governative sulla sanità, l’istruzione e l’immigrazione interna.
 
Qiu Guoyi, 71 anni e membro della Conferenza da 20, spiega però che tutto questo “non ha alcun peso sulla politica del Partito. Noi discutiamo, ma loro decidono sulla base di altre considerazioni. Inoltre, nessuno di noi può dire di rappresentare il popolo, perché non siamo stati eletti, ma nominati”.
 
La pensa allo stesso modo un altro membro dell’organismo, Lin Shengzhong, che aggiunge: “Negli anni ’80, questo ente aveva un senso: si poteva parlare con franchezza di tutto e persino criticare il governo. Dalla fine di quel decennio, è tornata una censura maoista e non si può neanche attaccare la corruzione, che vive in ogni angolo della nostra società”.
 
Queste considerazioni, scrive un cronista del South China Morning Post, sono avvalorate anche dalla percezione della popolazione, che ritiene il Ccppc “un bel vaso di fiori nella casa della politica cinese, che abbellisce ma contribuisce molto poco allo sviluppo del Paese”.
 
Prima che si formasse l'Anp, nel 1954, la Conferenza consultiva politica del popolo cinese era il corpo legislativo più importante, responsabile della promulgazione della legislazione decisiva per la fondazione della Repubblica popolare cinese. Oggi quest'organo non è legislativo, e non ha potere sulle nomine dei rappresentanti governativi. La maggior parte dei membri di questa commissione ricopre un ruolo consultivo all'Assemblea, mentre altri vi partecipano in veste di esperti. Il presidente del Ccppc è Jia Qinglin.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/03/2008 CINA
Entra in politica il nipote di Mao, messo in attesa invece il Panchen Lama di Pechino
06/03/2015 CINA
Cina, l'Associazione avvocati chiede al governo di rimuovere la "presunzione di colpevolezza"
04/03/2015 CINA
Pechino si prepara all'Anp aumentando il budget per l'esercito
di Chen Weijun
27/09/2006 CINA
Cina, aumenta lo squilibrio fra i sessi: ogni 100 femmine nascono 121 maschi
03/03/2006 Cina – ANP
La Cina alla ricerca di un nuovo modello di sviluppo
di Bernardo Cervellera
Articoli del dossier
CINA
Bao Tong: “La legge sulla proprietà privata segna la fine del maoismo”
CINA
Alla fine dell’Anp, Wen Jiabao tranquillizza, ma i problemi restano
CINA
Pechino: la minaccia delle bolle speculative e dell'inflazione
CINA
La guerra alla corruzione “è lontana dall’essere vinta”
CINA
Anp: alla fine in Cina arrivò la proprietà privata
CINA
Pechino vuole una scuola "più funzionale" al mondo del lavoro
CINA
Anp: i dubbi sulle belle promesse di Wen Jiabao
CINA
Anp: crescono le spese per esercito, istruzione e sanità
CINA
Anp: le ferite della “società armoniosa”, senza democrazia

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate