13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/11/2008, 00.00

    MALAYSIA

    Consigli islamici contro la rivista cattolica di Kuala Lumpur: vietato scrivere Allah



    I consigli religiosi islamici di sette stati malaysiani ammessi al processo che vede il settimanale della diocesi di Kuala Lumpur contrapposto al governo. Oggetto della disputa il divieto di utilizzare la parola “Allah” nelle pubblicazioni non musulmane. la comunità sikh scende al fianco dei cattolici.
    Kuala Lumpur (AsiaNews) - I Consigli religiosi islamici di sette stati malaysiani e la Malaysian Chinese Muslim Association (Macma) si rivolgono alla Corte federale per il divieto dell’uso della parola “Allah” nel settimanale cattolico Herald. I rappresentanti musulmani di Terengganu, Penang, Selangor, Kedah, Johor, Malacca e del territorio federale di Kuala Lumpur vogliono che la Corte verifichi se il dettato della legge relativa al caso è stato applicato secondo i principi costituzionali.
     
    La Costituzione malaysiana garantisce piena libertà religiosa a tutte le confessioni, tuttavia un’ordinanza  del Ministero della sicurezza interna (Isma) pubblicata nel 1986 proibisce l’uso della parola “Allah” nelle pubblicazioni delle comunità non islamiche. Tuttavia questa legge non era mai stata applicata con decisione. A complicare il caso del’Herald, come di altre riviste non musulmane,  si aggiunge anche il fatto che nel Paese operano due sistemi giuridici paralleli: uno federale-civile, regolato dalla Costituzione, ed uno di tipo giuridico-religioso che dovrebbe essere competente solo per i musulmani ed è regolato dalle leggi coraniche.
     
    La vicenda della rivista di Kuala Lumpur è scoppiata nel dicembre dello scorso anno. Il Ministero della sicurezza interna aveva vietato all’Herald di scrivere nei suoi articoli il termine “Allah” affermando che il suo utilizzo “da parte di non islamici può far crescere tensioni e creare confusione fra i musulmani del Paese”.  Il divieto paventava il rischio di chiusura per l’unico giornale cattolico del Paese che con le sue 12mila copie e 50mila lettori è l’unico strumento di comunicazione per gli 850mila fedeli.
     
    Negli ultimi giorni del 2007, dopo le proteste della comunità cattolica, il Ministero della sicurezza aveva ritirato l’ingiunzione, ma il 5 gennaio 2008 era intervenuto nella disputa il ministro degli affari islamici ribadendo il divieto. Rivendicando il diritto ad utilizzare la parola “Allah”, l’Herald aveva quindi optato per la via giudiziaria e l’arcivescovo della diocesi di Kuala Lumpur, mons. Murphy Pakiam, ha portato il governo in tribunale (nella foto il vescovo con i legali ad un'audizione dello scorso aprile).
     
    Ora i sette stati ed il Macma sono stati ammessi dalla corte ad intervenire nella disputa e nominati come parti in causa nella revisione del procedimento iniziato dall’arcivescovo della capitale. Nel frattempo il Malaysian Gurdwaras Council (Mgc), gruppo sikh malese, è sceso in campo al fianco dei cattolici dell’Herald. Il presidente del Mgc, Jagjit Singh, ha informato la corte di voler presentare alla Camera del procuratore generale una documentazione che escluderebbe i consigli islamici dal dibattimento.
     
    Stando alla documentazione del Mgc, una richiesta di vietare l’utilizzo della parola “Allah” per i non musulmani era stato presentato a Perak dieci anni fa. Il primo ministro di allora Tun Dr Mahathir Mohamad aveva comunicato alle parti in causa che non sussisteva materia per procedere. Jagjit oggi sollecita il primo ministro Datuk Seri Abdullah Ahmad Badawi di utilizzare lo stesso approccio per il caso dell’Herald.
     
    Jagjit ha chiesto alla corte di aggiornare l’audizione con la richiesta del Mgc. Il guidice Lau Bee Lan, cui compete il caso, ha fissato per il 27 febbraio prossimo la data in cui decidere se permettere alle parti di presentare una deposizione come richiesto per la revisione giudiziale.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/03/2009 MALAYSIA
    Cristiani lanciano una campagna di firme per l’uso della parola “Allah”
    Si attende il sostegno anche dei musulmani, oltre che da ebrei e cristiani nel mondo. Si può firmare pure via internet. La diocesi di Kuala Lumpur continua la sua battaglia legale contro il governo per usare la parola “Allah” nelle pubblicazioni cattoliche.

    04/07/2014 MALAYSIA - ISLAM
    Sacerdote a Kuala Lumpur: Pastorale e dialogo interreligioso, ecco le sfide del neo vescovo
    Per p. Lawrence Andrew, direttore di Herald Malaysia, il nuovo prelato è una persona “molto brava e competente”. Egli ha già sottolineato l’importanza del dialogo fra fedi, in un periodo di tensione interconfessionale. La libertà religiosa è sotto “attacco” e “in pericolo”. E la visione dell’islam sunnita si fa sempre più radicale.

    12/11/2008 MALAYSIA
    Chiesa evangelica in tribunale contro il divieto di usare la parola “Allah”
    La chiesa evangelica della Malaysia ricorre all'Alta Corte dopo la requisizione di alcune sue riviste in cui veniva usata la parola “Allah”. Il ministero della sicurezza interna afferma che “la pubblicazione può creare confusione e controversie nella società malaysiana”. Già all’inizio dell’anno cattolici ed evangelici avevano subito sequestri di giornali e riviste per lo stesso motivo.

    11/10/2017 11:49:00 MALAYSIA
    Kuala Lumpur, i sultani malesi condannano l’intolleranza in nome dell’islam

    Censurati i proprietari di due lavanderie per soli musulmani. L’unità e l’armonia la chiave per garantire la stabilità del Paese. Cittadini invitare a seguire i princìpi fondamentali della Costituzione federale e del Rukunegara.



    25/02/2009 MALAYSIA
    Governo malaysiano sconfitto dalla storia: da secoli i cristiani usano la parola “Allah”
    Il 27 febbraio la diocesi di Kuala Lumpur va in corte contro il governo che proibisce l’uso del termine per motivi di sicurezza. Ma la Costituzione e la storia sono dalla parte dei cristiani. Il Ministro degli interni dà il permesso di usare la parola “Allah” purché sulle copertine sia stampata anche la dicitura “per soli cristiani”.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®