24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/02/2017, 11.16

    INDIA

    Contro l’abuso di droga, “Sport per i giovani”; il progetto della Chiesa in Punjab

    Santosh Digal

    Otto allenatori di hockey danno lezione a 540 tra bambini e ragazzi, di cui la maggior parte ha abbandonato la scuola o è disoccupato. Lo Stato ha il più alto tasso di crimini legati al consumo di sostanze stupefacenti. Il programma è stato ideato dal servizio sociale della diocesi di Jalandhar, in collaborazione con Caritas India.

    Jalandhar (AsiaNews) – Promuovere lo sport tra i ragazzi disoccupati e che hanno abbandonato la scuola per evitare che facciano uso di sostanze stupefacenti e cadano nelle mani dei cartelli della droga. È l’iniziativa attuata in Punjab dalla Navjeevan Charitable Society for Integral Development (Ncsid), il servizio sociale della diocesi di Jalandhar, in collaborazione con Caritas India. P. Antony Madassery, direttore della Ncsid, è convinto che l’intervento della Chiesa contribuisce ad attuare un cambiamento positivo tra i ragazzi e i bambini tossicodipendenti. Ad AsiaNews afferma: “Lo sport è un modo per integrare questi ragazzi e far loro riprendere i contatti con la società e la famiglia, in modo che possano diventare persone responsabili e poi trovare lavoro”.

    Il progetto si chiama “Sport per lo sviluppo dei giovani” e coinvolge studenti, insegnanti, leader dei villaggi e delle comunità locali. Il braccio sociale della diocesi ha ingaggiato otto allenatori di hockey che stanno dando lezione a 540 tra bambini e ragazzi.

    “Sappiamo che le attività sportive – dice il sacerdote – possono cambiare lo stile di vita dei tossicodipendenti, e stanno suscitando sempre più interesse tra i ragazzi”. Per questo la Chiesa locale sta anche creando una rete di organizzazioni e associazioni interessate a risolvere il problema delle droghe. “Speriamo – è l’obiettivo – che i giovani possano essere ricondotti all’interno del sistema sociale. Per reintegrarli, servono amore, affetto e cura”.

    Il Punjab è uno degli Stati indiani con il più alto tasso di consumo di oppiacei. Negli ultimi 10 anni è sempre stato ai primi posti per il numero di tossicodipendenti. Il problema è talmente urgente che lo Stato è l’unico di tutta l’Unione in cui è stato effettuato un sondaggio per rilevarne l’entità. Secondo il Punjab Opioid Dependence Survey, condotto tra febbraio e aprile 2015, circa 230mila abitanti consumano droga. Ciò vuol dire 836 persone ogni 100mila, quando la media in tutta l’India è di circa 250 persone ogni 100mila.

    L’abuso di droga è alimentato da un circolo vizioso: da una parte, crisi agraria, disoccupazione e abbandono scolastico portano a tentare di dimenticare i problemi attraverso il consumo di sostanze stupefacenti; dall’altra, i tossicodipendenti fanno fatica a integrarsi nella società, divenendo a loro volta consumatori e spacciatori per potersi procurare le dosi.

    Queste fasce di popolazione sono terreno fertile per i cartelli della droga, che qui attingono per perpetuare i loro traffici. Allo stesso tempo, l’abuso è anche la causa di un numero elevatissimo di crimini: per l’esattezza 7.524 tra il 2005 e il 2014.

    È necessario, conclude p. Madassery, “affrontare con serietà la questione. Per questo abbiamo bisogno della collaborazione e del coinvolgimento di più attori. Siamo contenti del fatto che già ci sono stati dei progressi tra i ragazzi”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/07/2017 08:52:00 INDIA
    Pastore pentecostale ucciso in Punjab. Mons. Mulakkal: un attacco contro i cristiani

    Sultan Masih era il pastore della “Temple of God Church”. È stato raggiunto da colpi di pistola mentre era al cellulare. Vescovo di Jalandhar: “L’intera comunità cristiana è ferita nel profondo”. La famiglia della vittima blocca l’autostrada. Sajan K George: “Nel Paese prevale la cultura del linciaggio”.



    25/02/2017 10:52:00 NEPAL
    Genitori indù proibiscono ai figli la festa di Shiva: gira troppa droga

    Durante la festa, i santoni indù vendono droghe e invitano i giovani a fumare hashish e mariujana. Centinaia di giovani sono divenuti tossicodipendenti. La festa indù accusata di fomentare la criminalità. Ridotte le presenze al tempio di Pashupatinath: da 500mila a 200mila.



    04/07/2016 12:22:00 INDIA
    La diocesi di Miao in lotta contro l’abuso di droga tra i giovani

    L’associazione giovanile cattolica sta conducendo una campagna nelle scuole dell’Arunachal Pradesh. L’obiettivo è sensibilizzare gli studenti sugli effetti negativi delle droghe. Almeno un giovane su 10 ha provato qualche sostanza stupefacente. Lo Stato è zona di transito e produzione delle droghe.



    27/01/2009 PAKISTAN
    Cattolico pakistano dirige un centro interconfessionale per la lotta contro la droga
    Yousaf Masih Bhatti ha fondato una casa di cura no profit che apre le porte a cristiani e musulmani. Oggi ospita 20 pazienti, tra cui quattro musulmani, ma il sogno è “aprire un vero ospedale”. Secondo stime ufficiali in Pakistan vi sono oltre 684mila tossicodipendenti.

    13/10/2017 15:39:00 FILIPPINE
    Duterte minaccia l’espulsione dei diplomatici europei

    Cambio di strategia nella guerra antidroga. Nel mirino fornitori e “pesci grossi”. Il presidente rimuove la polizia nazionale delle operazioni e attacca i detrattori. A picco il grado di apprezzamento dell’elettorato filippino.





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®