25 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 06/02/2015, 00.00

    GIORDANIA - ISLAM

    Contro lo Stato islamico, Amman lancia l'operazione "Martire Moaz"



    Raid aerei condotti nelle sedi dello SI a Deir al-Zor e Raqqa, in Siria. La Giordania unita nel combattere i jihadisti. Le condoglianze di re Abdallah alla famiglia del pilota bruciato vivo. Il dolore del re per "cristiani e minoranze" sotto attacco in Medio oriente. Lo SI minaccia le comunità musulmane, ma anche tutto il mondo. L'islamofobia "fa il gioco" dei terroristi.

    Amman (AsiaNews) - La Giordania ha annunciato di aver compiuto diversi raid aerei bombardando postazioni dello Stato islamico, in risposta all'esecuzione di uno dei suoi piloti militari, bruciato vivo dal gruppo jihadista.

    L'operazione, chiamata "Martire Moaz", dal nome del pilota di F16, catturato e poi bruciato dallo SI, avrebbe colpito "campi di addestramento, depositi di armi e di munizioni". L'operazione andrà avanti fino "allo sradicamento" dello SI.

    Il comunicato ufficiale non ha precisato i luoghi colpiti. Ma alcuni testimoni affermano di aver sentito il re Abdallah comunicare al padre dell'ucciso che i raid sono avvenuti nella zona di Raqqa, in Siria. Fonti della sicurezza dicono che i raid hanno colpito obbiettivi della provincia di Deir al-Zor e di Raqqa.

    Ieri il re si è recato a Karak, a 120km da Amman per portare la sua solidarietà alla famiglia di Moaz al- Kassasbeh, che riceveva le condoglianze in una grande tenda eretta per l'occasione (v. foto).

    Il modo atroce con cui è avvenuta l'esecuzione del pilota sta aggregando la società giordana e dando una legittimità popolare alla partecipazione del regno alla lotta anti-jihadista. Oggi sono previste manifestazioni di solidarietà alla famiglia dell'ucciso, per chiedere anche una vendetta senza pietà verso i militanti dello SI.

    Non appena la notizia e il raccapricciante video dell'esecuzione di al Kassasbeh si sono diffusi, il re Abdallah ha dichiarato che "la risposta della Giordania e del suo esercito sarà severa".

    Due giorni fa, il re è tornato in fretta dagli Stati Uniti, dove era in visita anche per partecipare ieri a un incontro con capi religiosi e leader mondiali a Washington. In sua assenza, l'ambasciatore giordano Alia Bouran ha letto il suo intervento.

    In esso Abdallah afferma che la guerra condotta dai terroristi dello Stato islamico ha come primo obbiettivo quello di colpire la comunità musulmana in Medio oriente, per allargarsi a tutto il mondo. "Lo scopo di questi criminali è stroncare la vita e i diritti ovunque. Il loro odio e i loro assassini raggiungono l'Asia, l'Europa, l'Africa, l'America e l'Australia. Con le uccisioni brutali dei loro detenuti e prigionieri e la loro crudeltà essi cercano di tenere in ostaggio le famiglie di tutto il mondo".

    Dopo aver ringraziato papa Francesco per la sua visita in Terra Santa e per le sue denunce contro l'abuso del nome di Dio nell'esercizio della violenza, Abdallah rivendica per la sua famiglia e per il Medio oriente la presenza di un islam fatto di "servizio, coraggio morale, giustizia, fraternità". Con "dolore e oltraggio", ricorda gli attacchi contro i cristiani e le altre minoranze in Iraq e in Siria, molti dei quali sono accolti come profughi proprio in Giordania.

    "Questa - ha aggiunto - è un'offesa contro l'umanità e contro l'islam. I cristiani arabi sono parte integrale del passato, presente e futuro della nostra regione".

    Il re ha fatto notare che oggi in tutto il mondo islamico "uomini e donne ... lottano contro odio, ingiustizia, settarismo, sedizione (fitnah) e crudeltà. Essi lavorano per lo sviluppo, l'inclusione, i diritti umani, opportunità per donne e giovani, la salute dei bambini e il bene comune. Essi insegnano ai giovani la verità riguardo la nostra fede, dando ad essi gli strumenti necessari per una vita positiva".

    Egli ha anche messo in guardia contro una cieca islamofobia: "[essa] è un male e d un pericolo non solo per i musulmani ma per tutti i popoli. Essa fa il gioco degli assassini e dei delinquenti e mina l'unità proprio quando il nostro mondo ne ha più bisogno".

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/02/2015 GIORDANIA - ISLAM
    La Giordania giustizia due jihadisti. Lo Stato islamico diffonde il video del pilota bruciato vivo
    Sajida al-Rishawi era stata condannata per la sua partecipazione a un attentato che ha fatto 60 morti nel 2005. Ziad al-Karboli, di al Qaeda, era stato condannato nel 2007 per aver ucciso un giordano. La crudeltà del video dell'uccisione del giovane pilota Maaz al-Kassasbeh. Critiche al re Abdallah per la sua partecipazione alla coalizione guidata dagli Usa.

    13/01/2016 GIORDANIA
    Sacerdote giordano: Dopo il sostegno del papa, la comunità internazionale ci aiuti per i profughi
    Per p. Rifat Bader il Paese è un modello di convivenza fra cristiani e musulmani. Per l’Anno della Misericordia iniziative benefiche aperte a tutti. Musulmani e cristiani fanno a gara “per aiutare” i rifugiati. Dai cristiani irakeni e una “enorme testimonianza” di fede. Il Coordinamento Terra Santa è in Giordania, dopo aver visitato Gaza e Betlemme.

    27/08/2015 GIORDANIA - ISLAM
    I musulmani non fanno “abbastanza” per combattere lo Stato islamico: parola della regina Rania
    La regina di Giordania – in Francia per alcuni incontri – chiede maggiore attenzione verso i giovani del Medio oriente: se non si offrono opportunità e lavoro, essi andranno a incrementare le milizie dell’Isis. E’ urgente creare 100mila posti di lavoro entro il 2020. Le conseguenze a livello mondiale.

    24/07/2015 EMIRATI-ISLAM
    P. Samir: La nuova legge anti-discriminazione è un passo avanti nella libertà religiosa
    Il commento del grande islamologo sulla nuova legge varata negli emirati che punisce le discriminazioni in base a “religione, casta, credo, dottrina, razza, colore o origine etnica”. L’islam tradizionale “non dà mai la parità”. La nuova legge punisce anche chi semina “odio religioso” o finanzia organizzazioni che diffondono odio. Negli emirati vi è un’alta alfabetizzazione e “i cristiani sono trattati bene”.

    03/02/2015 GIAPPONE
    L'eredità di Kenji Goto: L'odio non è per gli esseri umani
    Un tweet del reporter giapponese cristiano, ucciso dai terroristi dello Stato islamico, si trasforma nel suo testamento spirituale: " Se mi arrabbio o mi metto a urlare è finita. Il giudizio è di Dio". Il vescovo di Niigata, mons. Kikuchi: "Non possiamo accettare che un atto così brutale e violento venga commesso in nome del Signore, che è Creatore di tutti noi".



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®