29 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/02/2015, 00.00

    GIORDANIA - ISLAM

    La Giordania giustizia due jihadisti. Lo Stato islamico diffonde il video del pilota bruciato vivo



    Sajida al-Rishawi era stata condannata per la sua partecipazione a un attentato che ha fatto 60 morti nel 2005. Ziad al-Karboli, di al Qaeda, era stato condannato nel 2007 per aver ucciso un giordano. La crudeltà del video dell'uccisione del giovane pilota Maaz al-Kassasbeh. Critiche al re Abdallah per la sua partecipazione alla coalizione guidata dagli Usa.

    Amman (AsiaNews/Agenzie) - Stamane all'alba il governo giordano ha eseguito la condanna a morte per due jihadisti, in risposta al video diffuso ieri che conferma l'uccisione di un suo pilota, bruciato vivo dallo Stato islamico (SI).

    I due condannati a morte sono irakeni: Sajida al-Rishawi, una donna di 44 anni, in prigione per il suo tentativo (fallito) di farsi esplodere in un attacco multiplo che ha ucciso 60 persone nel 2005; Ziad al-Karboli, un membro di al Qaeda, condannato nel 2007 per aver ucciso un giordano.

    L'esecuzione appare come l'inizio di una vendetta che "scuoterà la terra", come ha promesso un portavoce del governo, dopo la diffusione del video dell'assassinio del pilota 26enne Maaz al-Kassasbeh, catturato dallo Stato islamico dopo che il suo aereo F-16 era caduto in Siria lo scorso dicembre.

    Nei giorni scorsi lo SI aveva cercato di scambiare la liberazione di Sajida al-Rishawi con l'ostaggio giapponese Kenji Goto, poi decapitato. La Giordania aveva proposto la liberazione di Rishawi in cambio della liberazione del giapponese e del pilota giordano, chiedendo prove che non fosse morto.

    Ieri i media di Stato hanno detto che Kassasbeh era morto fin dai primi di gennaio.

    Il video diffuso dallo SI è uno dei più crudeli mai postati dall'organizzazione terrorista islamica. In esso si vede Kassasbeh vestito in tuta arancione chiuso in una gabbia di metallo. Un uomo col volto coperto, definito "l'emiro di una regione bombardata dalla coalizione dei crociati", prende una torcia e accende il fuoco che si propaga alla gabbia gli abiti del prigioniero - inzuppati di benzina, prendono fuoco e il giovane si trasforma in una torcia umana. Alla fine un trattore versa della terra sulla gabbia e la schiaccia con il suo peso.

    Il giovane Kassasbeh era un sottotenente, uscito dalla scuola dell'aviazione dedicata al re Hussein e si era sposato da poco.

    La Giordania è uno dei cinque Paesi arabi ad essersi unita alla coalizione guidata dagli Stati Uniti per combattere lo SI in Siria e in Iraq.

    Il re Abdallah di Giordania, in visita negli Stati Uniti, ha affrettato il suo ritorno in patria. Egli ha elogiato il govane Kassasbeh come un "martire" e ha esortato i giordani a "essere uniti" di fronte alle avversità.

    Fra i giordani vi sono molti che criticano l'adesione del regno alla coalizione anti-SI. In più, l'esaltazione "islamica" del califfato mette i giordani - e molto mondo arabo - davanti al dilemma fra la fedeltà ad un islam violento e anti-occidentale e una lotta contro il terrorismo.

    Il re Abdallah difende la sua scelta dicendo che i musulmani moderati devono combattere un gruppo la cui ideologia e brutalità insultano il vero islam.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/02/2015 GIORDANIA - ISLAM
    Contro lo Stato islamico, Amman lancia l'operazione "Martire Moaz"
    Raid aerei condotti nelle sedi dello SI a Deir al-Zor e Raqqa, in Siria. La Giordania unita nel combattere i jihadisti. Le condoglianze di re Abdallah alla famiglia del pilota bruciato vivo. Il dolore del re per "cristiani e minoranze" sotto attacco in Medio oriente. Lo SI minaccia le comunità musulmane, ma anche tutto il mondo. L'islamofobia "fa il gioco" dei terroristi.

    22/06/2016 08:58:00 GIORDANIA - SIRIA
    Attacco al campo profughi, morti sei militari. Amman chiude il confine siriano

    Un camion imbottito di esplosivo ha centrato una postazione dell’esercito nei pressi del campo profughi di Rukban. L’attentatore proveniva dal territorio siriano, oltre confine. Sospeso ogni movimento di mezzi e persone. Ferma condanna dei leader cristiani, che parlano di “atto terroristico codardo”. 



    13/01/2016 GIORDANIA
    Sacerdote giordano: Dopo il sostegno del papa, la comunità internazionale ci aiuti per i profughi
    Per p. Rifat Bader il Paese è un modello di convivenza fra cristiani e musulmani. Per l’Anno della Misericordia iniziative benefiche aperte a tutti. Musulmani e cristiani fanno a gara “per aiutare” i rifugiati. Dai cristiani irakeni e una “enorme testimonianza” di fede. Il Coordinamento Terra Santa è in Giordania, dopo aver visitato Gaza e Betlemme.

    13/03/2015 SIRIA
    Nunzio a Damasco: nessuna novità sui cristiani rapiti, ma “fiducioso” per un esito positivo
    Interpellato da AsiaNews mons. Zenari riferisce che circa 200 fedeli restano nelle mani dello Stato islamico. Il rammarico per una liberazione sfumata all’ultimo, a causa di una imboscata che ha costretto i jihadisti alla ritirata. Per il prelato vi è ancora la “buona volontà per trovare una soluzione”.

    09/03/2015 SIRIA
    Nunzio a Damasco: liberate senza riscatto le 52 famiglie cristiane rapite dallo Stato islamico
    Gli ostaggi, parte del gruppo di 250 persone sequestrate dai jihadisti, sono stati rilasciati e non risultano pagamenti in denaro. Nelle mani dei miliziani vi sarebbero ancora 16 persone, otto cristiani e otto curdi. Mons. Zenari: “Usati come scudi umani”. Ieri giornata di combattimenti a Damasco e Aleppo.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®