26 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 01/05/2011
VATICANO – ASIA
Da Vietnam, Corea, Palestina e Israele per salutare il nuovo beato Giovanni Paolo II
di Simone Cantarini
In migliaia hanno affrontato lunghe ore di attesa in coda e giorni di viaggio solo per testimoniare la loro venerazione a Papa Wojtyla. Pellegrini vietnamiti e palestinesi chiedono al nuovo beato di vegliare sui loro Paesi vittime di violenze e guerre.

Roma (AsiaNews) –  “Al nuovo papa beato chiedo di vegliare su di me e sul mio Paese, dove i cristiani vivono una situazione difficile e sono vittime di persecuzioni e mancanza di liberta’ religiosa”. E’ quanto afferma ad AsiaNews Anna, giovane studentessa cattolica vietnamita, che insieme all’amica Maria ha atteso otto ore in coda per assistere alla beatificazione di Giovanni Paolo II. “Abbiamo pregato e recitato rosari tutta la notte – racconta commossa – siamo giunte stremate, ma non potevamo mancare a un evento tanto importante per la nostra vita”. Originarie di un piccolo villaggio a Nord est di Hanoi Anna e Maria  studiano in Italia da due anni e nel 2012 dovranno rientrare in Vietnam. “Abbiamo paura di ritornare nel nostro Paese – spiega la ragazza – preghiamo il beato Giovanni Paolo II affinche’ interceda per noi e ci protegga ”.  

Fra i circa 1,5 milioni di pellegrini giunti a Roma per la beatificazione, molti sono cattolici di nazionalita’ asiatica, che hanno percorso migliaia di chilometri solo per testimoniare insieme al resto del mondo la comune venerazione al nuovo beato Giovanni Paolo II.

Questa mattina, i primi a dirigersi verso piazza S. Pietro sono stati i sudcoreani dell’arcidiocesi di Seoul, che intorno alle 3,30 hanno iniziato a radunarsi davanti all’ingresso di via della Conciliazione, sventolando bandiere e pregando con canti tradizionali che hanno suscitato curiosita’ e stupore fra i pellegrini. “Vogliamo esprimere la nostra gioia per la beatificazione di papa Wojtyla – afferma uno di loro in uno stentato inglese – Giovanni Paolo II e’ una delle figure piu’ importanti per la nostra Chiesa”.   

Violet, donna cattolica di Haifa (Israele) e’ arrivata a Roma insieme a un gruppo di 13 cattolici della terra Santa, israeliani e palestinesi. “Sono qui – afferma - per testimoniare la mia presenza davanti a un uomo santo che ha fatto cosi’ tanto per i cristiani di Terra Santa, nonostante la fatica del viaggio e delle ore di attesa per raggiungere piazza S. Pietro”.  La donna sottolinea l’importanza della figura di Giovanni Paolo II per la sua vita, fonte di speranza in mezzo alle difficolta’ non solo personali, ma anche per i cristiani di Terra Santa,  provati dall'odio e dalla violenza nel conflitto fra Israeliani e palestinesi.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
26/11/2011 VATICANO
Papa: Il calvario di Giovanni Paolo II modello per gli operatori sanitari
01/05/2011 VATICANO
Papa: Giovanni Paolo II è beato per la sua fede, forte e generosa, apostolica
01/05/2011 VATICANO
Il beato Giovanni Paolo II e la nostra missione
di Bernardo Cervellera
01/05/2011 VATICANO
L’amore per gli altri, l’eredità di Giovanni Paolo II ai giovani
di Giulia Mazza
03/04/2011 VATICANO
Papa: Con gioia verso la Pasqua e la beatificazione di Giovanni Paolo II
Articoli del dossier
VATICANO
L’amore per gli altri, l’eredità di Giovanni Paolo II ai giovani
THAILANDIA
Chiesa di Thailandia, vivo il ricordo di Papa Woytila
CAMBOGIA
Vicario Apostolico a Phnom Penh: papa Wojtyla, immagine dell’uomo libero
INDIA
Giovanni Paolo II amava l’India in maniera speciale
INDIA
L’India ha molto da imparare da Giovanni Paolo II
ISRAELE – VATICANO
Giovanni Paolo II, acclamato “Rabbino capo”dagli ebrei di Israele
LIBANO
Giovanni Paolo II “salvatore” dell’unità del Libano
INDIA – VATICANO
Quando Giovanni Paolo II baciò Madre Teresa e i moribondi di Calcutta

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate