11/06/2013, 00.00
FILIPPINE – GIAPPONE
Invia ad un amico

Dal Giappone un prestigioso premio al Silsilah per la pace e il dialogo interreligioso

Il movimento fondato da un missionario Pime ha vinto l’edizione 2013 del Goi Peace Award. Valorizzata l’opera decennale a favore dell’incontro fra cristiani e musulmani in un’area di tensioni e violenze. Gli sforzi del movimento, si legge nelle motivazioni, “fonte di ispirazione” nel mondo. Il riconoscimento consegnato a Tokyo il prossimo 27 novembre.

Manila (AsiaNews) - Il Silsilah, movimento per il dialogo islamo-cristiano fondato nel 1986 da p. Sebastiano D'Ambra del Pontificio Istituto Missioni Estere (Pime), ha vinto l'edizione 2013 del premio Goi Peace Award, assegnato nei giorni scorsi dalla Goi Peace Foundation. L'ente giapponese - fondato nel 1999 a Tokyo - è impegnato, come recita lo statuto, nella "promozione della pace, superando le barriere formate da razza, religione o credo politico". Per la vicinanza dei valori ispiratori e l'opera decennale sul campo in favore della pace, la giuria ha voluto insignire del prestigioso premio il movimento filippino. 

Per i promotori di Silsilah l'ambito riconoscimento è una conferma del lavoro svolto in tutti questi anni per il dialogo interreligioso. Nelle passate edizioni, il Goi Peace Award è andato a illustri personalità quali il filosofo e scienziato magiaro Ervin Laszlo, Oscar Arias presidente del Costa Rica e al medico di origini indiane Deepak Chopra.

Fra le motivazioni del premio, vi è proprio il "riconoscimento dei moltissimi anni di incessante impegno a favore del dialogo per la pace e la solidarietà" fra cristiani e musulmani nelle Filippine, in particolare nelle regioni del sud. "I vostri sforzi - aggiungono i membri del comitato direttivo, nella lettera inviata a Silsilah - non hanno permesso solo di andare nella direzione della pace in seno alle vostre comunità, ma sono state anche fonte di ispirazione nel mondo, per un confronto basato sui valori spirituali".

La cerimonia di assegnazione del premio si terrà il 27 novembre nella capitale nipponica, nel contesto del Goi Peace Foundation Forum in programma alla Nikkei Hall. Per i membri del Silsilah si tratta di un "riconoscimento" deli sforzi fatti "da tutti i componenti" del gruppo, che con "generosità e impegno" si battono da anni per la pace a Mindanao. In un'ottica "visionaria" pace "pace e dialogo" islamo-cristiano "possibile per mezzo della Grazia di Dio".  

Fondato nel 1986, Silsilah propone da oltre 20 anni progetti e iniziative come la Conferenza dei vescovi e degli ulema (Bishop ulema forum) e corsi di formazione per giovani cristiani e musulmani. In questi anni il movimento è divenuto un punto di riferimento per la riconciliazione in atto fra governo filippino e ribelli islamici del Moro Islamic Liberation Front (Milf), che per 40 anni hanno combattuto una guerra costata oltre 100mila morti. 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mindanao, una raccolta di doni per musulmani poveri rafforza il dialogo interreligioso
10/06/2011
Musulmani filippini in festa per l’Eid al-Adha. Silsilah: ‘Un’occasione di pace’
12/08/2019 12:11
A p. Sebastiano D’Ambra, Pime, il premio ‘Don Andrea Santoro’
31/07/2019 16:06
Leader islamo-cristiani: oltre i pregiudizi, la pace a Mindanao è “ancora possibile”
26/03/2015
Ramadan occasione di amicizia tra cristiani e musulmani
16/09/2009