2 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 10/08/2012
INDIA
Dalit cristiani e musulmani celebrano il giorno di lutto contro la discriminazione
di Nirmala Carvalho
Le manifestazioni hanno coinvolto migliaia di persone in tutto il Paese. Il 10 agosto 1950 sono state approvate le norme che discriminano i Dalit di religione diversa da indù e buddismo. Dopo 62 anni nulla è cambiato. L'appello al nuovo presidente Mukherjee e a Sonia Gandhi per una rapida revisione delle leggi.

Mumbai (AsiaNews)- "I dalit cristiani indiani sono ancora discriminati per la loro fede. In un Paese laico come l'India è scandaloso che i fuori casta di religione diverse da indù e buddismo vengano privati dei loro diritti a causa della religione". E' quanto afferma ad AsiaNews, mons. Anthonisamy Neethinathan, responsabile per la Conferenza episcopale indiana (Cbci) della Commissione per le Scheduled Castes e Tribù, in occasione del "Black Day", giorno di lutto contro la discriminazione dei fuori casta cristiani e musulmani. L'evento si celebra oggi in tutto il Paese. Con  esso i dalit chiedono al nuovo presidente Pranab Mukherjee, al Primo ministro Manmohan Singh e al presidente della United Progressive Alliance (Upa) Sonia Gandhi di abolire l'art. 3 della legge sulle Scheduled Castes (Sc) del 1950 che impedisce ai cristiani e musulmani di uscire dallo stato di fuori casta e accedere a pieni diritti.

Mons. Neethinathan sottolinea che tutti i Dalit che non rientrano nelle legge sono non godono dei privilegi concessi agli altri fuori casta. Molti di loro vivono ai margini della società, non lavorano e devono sottostare agli antichi obblighi previsti nell'assurdo sistema delle caste indù anche se tale sistema è abolito da oltre 60 anni.   

La legge del 1950 riconosce ai membri della Scheduled Castes vari diritti previsti dall'art. 341 (1) della Costituzione indiana. Ma il 3° paragrafo della norma specifica che non può essere membro di questi gruppi "chi professa una religione diversa dall'induismo". Nel 1956 e nel 1990 sono stati introdotti emendamenti per estendere la categoria anche a buddisti e a Sikh. Mentre ne sono tuttora esclusi i cristiani e i musulmani. Grazie a questa legge, i Dalit indù hanno facilitazioni di tipo economico, educativo e sociale, con quote di posti di lavoro assegnati nella burocrazia.

I Dalit cristiani e islamici hanno da tempo tacciato di illegalità la norma, che viola principi costituzionali di uguaglianza (art. 14), il divieto di discriminazioni per la propria fede (art. 15) e la libertà di scegliere la propria religione (art. 25).

La Commissione nazionale per le minoranze linguistiche e religiose (conosciuta come Commissione Justice Ranganath Misra) ha ordinato di "abrogare la norma, per "scollegare lo status di Sc dalla religione e rendere tale sistema del tutto neutrale rispetto al credo, come è quello delle Scheduled Tribes".

Vari enti e i governi di 12 Stati indiani hanno chiesto di ammettere nelle norme che regolano le Sc altre religioni come cristiani e islamici, come ad esempio i Consigli parlamentari statali di Bihar, Uttar Pradesh e Andhra Pradesh.

Anche la Corte Suprema ha più volte sollecitato il governo federale ad affrontare e risolvere il problema, ma senza ottenere risposta. In questi anni le numerose marce di contestazione e i dharna (digiuni di protesta) organizzati in tutto il Paese non hanno smosso i leader politici laici. Nonostante le promesse elettorali su una rapida risoluzione del problema, essi sono ancora succubi della cultura indù e dei suoi retaggi e temono la reazione dei membri del Bharatiya Janata Party (Bjp), potente partito nazionalista indù. 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/10/2004 india
L'Al Qaeda indù: il fondamentalismo come strumento politico
di Bernardo Cervellera
21/07/2010 INDIA
Cinquemila Dalit cristiani e musulmani contro la discriminazione
di Nirmala Carvalho
13/10/2005 INDIA
Congresso Usa pronto ad esaminare la discriminazione contro i Dalit
di Nirmala Carvalho
05/11/2007 INDIA
Dalit indù contro la parità di diritti a cristiani e musulmani
di Nirmala Carvalho
14/02/2005 india
India, speranze per i diritti dei dalit cristiani

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate