12/03/2012, 00.00
TURCHIA - SIRIA
Invia ad un amico

Davutoglu e Bartolomeo I: i cristiani fra Turchia e Siria

di NAT da Polis
Il ministro turco degli esteri ha fatto visita al Fanar: la Turchia vuole manifestare un cambiamento e un maggior rispetto verso le minoranze non musulmane. Al centro dei colloqui anche la situazione dei cristiani in Siria, dove domina la paura per il futuro. La Turchia è fra i Paesi che spingono alla caduta di Assad.

Istanbul (AsiaNews) - Nella diplomazia turca c'è aria di cambiamento sullo stile con cui affrontare il problema delle minoranze non musulmane nel Paese, soprattutto i cristiani. La questione è importante anche per il futuro dei cristiani in Siria, dato che la Turchia è uno dei Paesi che più spinge al cambiamento del regime di Assad.

Fra governo turco e minoranze si respira un nuovo clima. Lo si è compreso nella visita che il 3 marzo scorso il ministro turco degli esteri Ahmet  Davutoglu ha compiuto al Fanar, alla sede del Patriarcato ecumenico. La visita è passata quasi sotto silenzio fra i media, ma essa è la prima mai effettuata dal capo della diplomazia di Ankara, conosciuto come un fautore della politica neo-ottomana.

Nell'arco di un anno, questa è la seconda visita di un membro del governo, dopo quella del vicepremier Bulent Arinc, nel gennaio 2011.

Davutoglu ha introdotto un nuovo approccio tra le minoranze non musulmane , viventi da secoli su queste terre, e il potere  centrale. Esso consiste  nel mettere al centro dei rapporti le consultazioni e lo scambio di opinioni, per poter raccogliere le esperienze, frutto di saggezza millenaria, conoscenza ed esperienze cosmopolite, che hanno sempre contraddistinto per secoli la presenza di queste minoranze. L'avvio è stata proprio quella di incontrarsi con Bartolomeo I, Patriarca ecumenico di Costantinopoli, il cui prestigio e autorità internazionali  sono evidenti.

Lo stesso Bartolomeo  gli ha ricordato che "la Chiesa Cristiano Ortodossa ed il Patriarcato ecumenico si trovano  su queste terre e  in questa  città da  più di 15  secoli e sono ben radicati".

Bartolomeo ha anche parlato del dialogo interreligioso intrapreso dal Patriarcato ecumenico negli ultimi 25 anni e dell'esperienza acquisita in queste iniziative. E ha riferito con ampiezza sull'ultima Synaxis dei Primati Ortodossi, convocati dal Fanar lo scorso settembre, per discutere sulla crisi in Medio Oriente e dei problemi che affliggono le comunità cristiane, residenti da due millenni su queste terre.

Nelle sue dichiarazioni, Davutoglu ha espressoche il desiderio di Ankara è l'armoniosa coesistenza di tutte le comunità religiose della Repubblica turca. Esse, con la loro ricchezza, sono "fonte di arricchimento per il nostro comune patrimonio culturale".

Egli ha anche apprezzato lo sforzo intrapreso dal Patriarcato ecumenico nel dialogo interreligioso. Tale dialogo - ha aggiunto - andrebbe intensificato "per ripristinare quel senso di sicurezza che è stato  scosso, con gli ultimi cambiamenti che si stanno  verificando  in quelle zone  del Medio Oriente, che alimentano paure e creano insicurezza tra le  comunità cristiane della regione".

Ambienti diplomatici ad Istanbul commentano che queste ultime considerazioni riguardano soprattutto le minoranze cristiane della Siria, Paese in prevalenza sunnita, da decenni  governata in modo autoritario da una minoranza alauita, a cui appartiene anche la famiglia Assad. Le minoranze cristiane siriane appartengono all' Antico Patriarcato ortodosso di Antiocchia e alla Chiesa melchita che, con altre piccole comunità appartengono al mondo cattolico. Sotto il regime di Assad i cristiani hanno goduto di una certa autonomia e tolleranza religiosa, ma ora, con l'imminente cambio di regime, vedono incerto il loro futuro. Va detto che la Turchia è uno dei sobillatori di questo cambio a Damasco.

Gli stessi ambienti diplomatici fanno notare pure l'importanza e la grandezza spirituale  di Costantinopoli, il cui prestigio ed autorità non sono mai stati imposti. Seguendo gli antichi canoni ortodossi, il Fanar ha sempre cercato di  farla accettare tale autorità come frutto di reciproco rispetto. Per questo  il Patriarcato ha sempre guardato con sospetto ed evitato di essere strumento di pressioni politiche.

Mentre Davutglu esprimeva il desiderio di visitare la biblioteca della Scuola teologica di Chalki, il Patriarca ecumenico ha commentato che "rispetto al passato, il clima è molto cambiato".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Gregorio III Laham: Appello all’Europa per un compromesso in Siria
07/02/2012
Damasco, un anno di rivolte. I cristiani nel Paese diviso
15/03/2012
Nunzio vaticano: Per la Chiesa in Siria è tempo di uscire all'attacco e non stare a guardare
16/03/2012
Chiesa greco-melchita: pace fatta fra il patriarca Gregorio III e i vescovi “ribelli”
25/02/2017 10:56
Gregorio III ai vescovi melkiti “ribelli”: Non do le dimissioni sotto pressioni illegali e ingannevoli
22/06/2016 08:43