17 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 07/03/2017, 15.27

    CINA

    Debito cinese in crescita: ma per Xiao Jie è un “rischio controllabile”



    Il ministro delle finanze tranquillizza il mondo: la Cina può ancora prestare e sostenere la sua economia. Alla fine del 2016  governi centrale e provinciali avevano un debito di 27300 miliardi di yuan, il 36,7% del Pil. Ma le imprese cinesi hanno debiti per il 150% del Pil.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – La Cina ha una “relativa disponibilità” per accrescere il proprio debito pubblico. E’ quanto afferma il ministro delle finanze Xiao Jie nella sua prima conferenza stampa in margine all’Assemblea nazionale del popolo in corso a Pechino. Secondo Xiao, Pechino è pronta ad aumentare il debito pubblico per sostenere la crescita della Cina. Il progetto di Xiao è di aprire una “porta ufficiale” per offrire prestiti agli indebitati governi locali, chiudendo però le “porte di servizio” con cui spesso tali governi acumulano prestiti in modo illecito.

    In tutti questi anni i governi locali hanno accumulato ingenti debiti per progetti edilizi e infrastrutture dimostratesi inutili, per industrie che non competono sul mercato, per servizi sempre più inefficienti, tanto da far loro rischiare il fallimento. Il governo è venuto in soccorso scambiando di debito per oltre 8mila miliardi di yuan [circa 1100 miliardi di dollari Usa], con titoli a lungo termine e a basso tasso d’interesse.

    Xiao ha detto che alla fine del 2016 i governi centrale e quelli provinciali avevano totalizzato un debito di 27,3mila miliardi di yuan [circa 3300 miliardi di dollari Usa], pari al 36,7 del Pil. Secondo Xiao “il rischio di debito è controllabile e in confronto agli standard internazionali, il governo cinese ha ancora una disponibilità relativa per offrire prestiti”.

    Ma se il debito statale è relativamente basso, quello delle industrie cinesi è altissimo. Secondo il Fondo monetario internazionale, il livello di indebitamento delle imprese cinesi a giugno era pari a circa il 150% del Pil e costituisce “un problema serio e crescente”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/10/2013 CINA-USA
    Pechino preoccupata per il collasso dell'economia Usa
    Domani scade il termine per l'innalzamento del tetto del debito degli Stati Uniti, che dovrebbe sforare i 16700 miliardi di dollari. Gli Usa rischiano di divenire incapaci di pagare i propri debiti e di garantire il valore della loro moneta. Pechino possiede buoni del Tesoro Usa per 1280 miliardi. Il Global Times di Pechino chiede una "de-americanizzazione" dell'economia mondiale e una moneta di riferimento che soppianti il dollaro.

    10/06/2011 ASIA - FMI
    Christine Lagarde candidata di India e Cina al Fondo monetario internazionale
    Il ministro francese per le finanze ha raccolto consensi o dichiarazioni di non contrarietà dai Paesi della Ue, da Brasile, Cina, India e Russia. L’altro concorrente, il messicano Cartens, è sostenuto da 12 Pesi latinoamericani, ma non da Argentina e Brasile. Le candidature vanno presentate entro questa sera.

    31/03/2011 ASIA - G20
    Sarkozy per una valuta internazionale di riferimento
    Il presidente francese, prima del G20 finanziario iniziato oggi a Nanjing, propone di aumentare il ruolo del Fondo monetario internazionale e di rendere valuta di riferimento lo Special Drawing Right sostituendo il dollaro. Risposte critiche di Usa e Cina.

    08/07/2010 ASIA
    Fondo Monetario: forte ripresa economica mondiale, ma vi sono rischi verso il basso
    Per il 2010 le stime della ripresa sono in crescita, con l’economia trainata dall’Asia, più forte della crisi europea. Esperti ammoniscono a non guardare solo le stime teoriche, ma la situazione concreta e i problemi strutturali dei Paesi.

    04/03/2009 ASIA
    Fondo monetario internazionale: la crisi sta colpendo anche i Paesi più poveri
    Uno studio mostra che 20 Paesi sono molto vulnerabili. Molti di essi sono della fascia dell’Africa sub-sahariana. Fra quelli asiatici vi sono: Vietnam, Laos, Kirghizistan, Mongolia.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®