28/07/2018, 09.00
BANGLADESH
Invia ad un amico

Dhaka, migliaia di cristiani perseguitati per la terra

di Sumon Corraya

La minoranza vive nella perenne paura di espropri forzati. A Dinajpur vivono 1.500 cristiani sfollati per una disputa terriera. A Dhaka un cattolico continua a pagare le bollette della sua casa, anche se è stata occupata illegalmente da un musulmano. Sacerdote: “Il governo e gli espropriatori ci considerano deboli”.

Dhaka (AsiaNews) – Migliaia di cristiani, per lo più tribali e di umili origini, sono perseguitati in Bangladesh a causa dei terreni. Ecco le storie di alcuni di loro, che quotidianamente vivono nella paura di minacce o nel disagio di una vita trascorsa per strada.

Nel 2016 a Gaibandha, nella diocesi di Dinajpur, una disputa terriera ha scatenato le violenze contro la minoranza tribale da parte di musulmani e poliziotti compiacenti.  Lo scontro ha provocato la morte di quattro cristiani, in maggioranza cattolici di etnia Santal, e il ferimento di circa 30 persone, compresi nove agenti.

P. Samson Marandy, parroco della chiesa di Our Lady of Sorrow, afferma ad AsiaNews: “La scorsa settimana ho visitato le famiglie del villaggio Santal le cui case sono state espropriate da agenti del governo. Circa 1.500 cristiani vivono in condizione disumane. Alcune Ong hanno fornito loro delle lamiere per costruire case [di fortuna]. Anche se le vittime hanno denunciato la questione e sollecitato il governo [a intervenire], esse sono state abbandonate e l’amministrazione rimane in silenzio. Non so quale sia il mistero. Credo che debbano fare più manifestazioni di protesta e inviare denunce scritte per avere giustizia”. Joeshep Murmu, uno dei cristiani, sostiene che “il governo si è comportato male [con la popolazione]. Vogliamo riavere indietro le nostre terre”.

A Dhaka vi è una storia simile. È quella di  Abraham Cruze, cattolico di 65 anni, che ha perso la sua piccola casa composta da quattro stanze vicino la chiesa cattolica di Tejgaon. Un musulmano locale di nome Md Saifulla ha occupato la sua terra il 15 ottobre 2015 scortato da 50 persone armate. Essi hanno distrutto l’abitazione e sgomberato la sua famiglia. Quando parla di quanto accaduto, Abraham si commuove: “Da due anni chiedo aiuto a personalità importanti come l’arcivescovo di Dhaka e altri leader cristiani. Ma finora tutti i miei sforzi sono stati vani”. L’uomo, ormai in pensione, aggiunge con le lacrime agli occhi: “Avevo una piccola casa e invece ora sono un senzatetto, vivo da alcuni miei parenti”.

Abraham mostra le fatture di luce e gas che, in modo paradossale, continua ancora a pagare. “La mia casa è occupata, io non abito più lì, eppure continuo a pagare le bollette”, lamenta. Egli ha tentato di incontrare la premier Sheikh Hasina; le ha scritto anche due lettere ma non ha ricevuto risposta. “Credo che le mie missive – riferisce – non siano nemmeno mai arrivate all’ufficio del primo ministro”. “Se lei avesse saputo della mia situazione – è convinto – di sicuro avrebbe adottato subito azioni adeguate e avrei riavuto indietro la mia casa”.

Sempre a Dhaka, Jumur Gomes, cattolica della parrocchia di Kafrul Quasi, riferisce che alcuni anni fa ha venduto la sua casa ad una ditta di costruzioni che avrebbe dovuto cederle in cambio degli appartamenti. Invece della casa, ha avuto solo minacce di morte. Insieme alla madre vedova e alla sorella adesso vive in un’abitazione in affitto nello stesso quartiere. “Siamo cristiani e per questo siamo perseguitati – dichiara – e persino la polizia non ci protegge”.

Babaly Talang, giovane cattolica della diocesi di Sylhet, racconta che centinaia di famiglie di tribali Khasia vivono nel timore di essere sgomberate da coloro che requisiscono le terre nella zona della parrocchia di Srimangal, coltivata con piantagioni di thè. La donna sostiene che “i Khasia sono tribali di montagna, dediti alla coltivazione di foglie di betel, ma influenti persone del luogo vogliono sfollarci dai nostri terreni”.

P. Liton Hubert Gomes, coordinatore della Commissione Giustizia e pace dell’arcidiocesi di Dhaka, riporta che “nella diocesi di Mymensingh diverse migliaia di cattolici temono per la propria terra. Il governo ha pianificato la costruzione di un parco naturale a Madhopur, nel distretto di Netrakona. Se così fosse, i cristiani diventeranno vittime di espropri”. “Le minoranze religiose del Bangladesh – conclude – e soprattutto i cristiani, sono vittime di espropri forzati proprio perché cristiani. Il governo e gli espropriatori ci considerano deboli”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rajshahi: ucciso tribale cattolico. Forse per una faida terriera
11/01/2016
Dhaka, tre cattoliche minacciate di morte per la casa
23/08/2017 09:29
Lahore, per 45 cristiani, Pasqua in strada come rifugiati (Video)
30/03/2018 09:07
Madhya Pradesh, chiuso un collegio cattolico. Vescovo di Sagar: Vogliono cacciare i cristiani
20/09/2017 10:34
Hyderabad, devastata la chiesa della Madonna di Fatima (Foto e Video)
22/05/2017 12:38