27 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/06/2012
MYANMAR – BANGLADESH
Dhaka respinge un migliaio di birmani Rohingya. Sittwe pattugliata dall’esercito
Il Bangladesh ha impedito lo sbarco di circa mille profughi, a bordo di tre imbarcazioni. Nei giorni scorsi altri 500 rifugiati rispediti in Myanmar. Forze di sicurezza occupano le strade della capitale dello Stato Rakhine, teatro degli scontri fra buddisti e musulmani. La situazione di calma apparente potrebbe sfociare in nuove violenze.

Yangon (AsiaNews/Agenzie) - Il Bangladesh ha rifiutato l'ingresso di tre grandi imbarcazioni, con a bordo almeno un migliaio di Rohingya in fuga dallo Stato birmano Rakhine, teatro di violenze confessionali nelle ultime settimane fra la minoranza musulmana e i buddisti. Il tentativo di sbarco è avvenuto ieri; le autorità di Dhaka hanno rispedito al mittente i profughi, come avvenuto con altre 500 persone nei giorni scorsi. Intanto soldati e polizia pattugliano senza sosta le strade della città di Sittwe, dove vige lo stato di emergenza dichiarato dal presidente del Myanmar Thein Sein per scongiurare ulteriori scontri: finora sono almeno 21 le vittime degli scontri interreligiosi. Testimoni locali riferiscono che al momento la situazione è di relativa calma, ma la situazione potrebbe nuovamente precipitare.

Un funzionario dell'isola di Saint Martins, nella Baia del Bengala, una delle località teatro del tentato sbarco dei profughi Rohingya, conferma che "sono stati respinti" e aggiunge: "Teniamo gli occhi aperti, perché nessuno possa entrare illegalmente in Bangladesh". Nel frattempo le autorità diffondono slogan e messaggi attraverso gli altoparlanti, in cui invitano gli abitanti delle coste a "essere vigili" e a collaborare nell'opera di prevenzione. In tutto sarebbero almeno 1500 i rifugiati musulmani birmani fermati da Dhaka, di cui 500 stipati a bordo di 11 battelli intercettati nei giorni scorsi al largo della costa bangladeshi.

Per prevenire ulteriori scontri, le autorità birmane hanno stanziato forze dell'ordine e soldati dell'esercito a pattugliare le strade di Sittwe, capitale dello Stato Rakhine. I militari lanciano avvertimenti e slogan, all'insegna della "tolleranza zero" contro chiunque circoli armato o tenti di dar fuoco agli edifici. Per i media di Stato, oltre ai 21 morti vi sarebbero altrettanti feriti e quasi 1700 case incendiate. Al momento sembra regnare una calma apparente; quasi tutti i negozi sono chiusi e di rado le persone si avventurano per strada o in luoghi pubblici.

A scatenare le violenze nello Stato di Rakhine, lo stupro e seguente omicidio di una donna buddista avvenuto a fine maggio. Nei giorni seguenti una folla inferocita ha accusato alcuni musulmani uccidendone 10 di loro, che viaggiavano su un autobus. L'area attorno alla capitale dello Stato di Rakhine, Sittwe, controllata dalle forze di sicurezza, è uno snodo molto importante per il commercio, perché è il punto di origine di un oleodotto e gasdotto costruito dalla Cina e che porta energia fino allo Yunnan.

Il Myanmar, composto da oltre 135 etnie, ha avuto sempre difficoltà a farle convivere e in passato la giunta militare ha usato il pugno di ferro contro i più riottosi. I musulmani in Myanmar costituiscono circa il 4% su una popolazione di 60 milioni di persone. Secondo l'Onu, nel Paese vi sono 750mila Rohingya, concentrati in maggioranza nello Stato di Rakhine. Un altro milione o più sono dispersi in altre nazioni: Bangladesh, Thailandia, Malaysia. Lo stato di emergenza è il primo intervento eccezionale ad opera di Thein Sein, presidente da oltre un anno, che sta traghettando il Paese dalla dittatura militare a una democrazia almeno minima.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/06/2012 MYANMAR
Usa e Ue chiedono la fine delle violenze fra buddisti e musulmani birmani
11/06/2012 MYANMAR
Myanmar, stato di emergenza per fermare gli scontri fra buddisti e musulmani
19/06/2012 MYANMAR – BANGLADESH
Rakhine, violenze etniche: tre condanne a morte per lo stupro-omicidio della donna
02/08/2012 MYANMAR – BANGLADESH
Hrw: il governo birmano complice delle violenze contro i musulmani Rohingya
28/09/2012 MYANMAR – ONU
Thein Sein all’Onu: con Aung San Suu Kyi, in Myanmar una “società armoniosa”

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate