16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/01/2018, 13.31

    CAMBOGIA-CINA

    Dighe cinesi sul Mekong: Niente pesci, comunità in ginocchio



    Lungo quasi 4.800 km, è la più grande riserva di pesca nell'entroterra e secondo solo all'Amazzonia per biodiversità. Circa 60 milioni di persone dipendono dal fiume. Costruite da Pechino sei barriere nel tratto superiore, altre 11 dighe sono in fase di progetto. Risentiti a valle gli effetti su ambiente ed economia.

    Phnom Penh (AsiaNews/Agenzie) – Le comunità che dipendono dal Mekong denunciano la drastica diminuzione del pesce e accusano le dighe cinesi, infrastrutture che rafforzano il controllo fisico e diplomatico di Pechino sui vicini del sud-est asiatico. Il Primo ministro cinese, Li Keqiang, è atteso domani a Phnom Penh per guidare un nuovo vertice regionale che potrebbe plasmare il futuro del fiume.

    Lungo quasi 4.800 km, esso è la più grande riserva di pesca nell'entroterra del mondo ed è secondo solo all'Amazzonia quanto a biodiversità. Il Mekong è fonte di sostentamento per circa 60 milioni di persone che vivono negli insediamenti lungo il suo corso, che dagli altipiani tibetani attraversa Myanmar, Laos, Thailandia, Cambogia e Vietnam, prima riversarsi nel Mar Cinese meridionale.

    Tuttavia, più a nord, è la Cina che controlla i flussi delle acque del Mekong. Pechino ha già conquistato il tratto superiore del fiume con sei dighe e sta investendo in più della metà delle 11 dighe pianificate più a sud. Le aziende hanno investito nell’impresa miliardi di dollari, ma finora non sono state in grado di effettuare valutazioni di impatto ambientale e sociale. Anche le imprese e le agenzie statali di Thailandia, Vietnam e Laos traggono vantaggio dai loro investimenti nei progetti idroelettrici.

    Interrompendo le migrazioni ed il flusso di nutrienti e sedimenti chiave per i pesci, i gruppi ambientalisti avvertono che le barriere rappresentano una grave minaccia per l’habitat naturale e per le comunità locali. Alcune di esse sono già state costrette ad abbandonare le proprie terre per consentire la costruzione delle dighe e molte altre sono a rischio di spostamento forzato a causa delle alluvioni.

    Con il controllo sulle sorgenti del fiume – note come Lancang – Pechino può arginare a monte la sua sezione del fiume, mentre gli impatti si fanno sentire a valle. Le autorità cinesi possono anche modulare i livelli delle acque, potente moneta di scambio mostrata nel 2016 quando la Cina ha aperto dighe sul suo suolo per aiutare il Vietnam a mitigare una grave siccità.

    La superpotenza regionale sta ora affermando la sua autorità attraverso il nascente forum della Cooperazione del Lancang-Mekong (Lmc), mentre compensa i suoi vicini del sud-est asiatico con investimenti e prestiti agevolati. All’incontro, che avrà luogo questa settimana in Cambogia, prenderanno parte i leader di tutti e sei i Paesi attraversati dal Mekong. Il ministero degli Esteri di Pechino pubblicizza il forum, che tratta anche questioni di sicurezza e commercio, come un modo per promuovere “prosperità economica, progresso sociale e un ambiente bellissimo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/03/2011 VIETNAM
    Le dighe sul Mekong: a rischio fonti d’acqua e di cibo per milioni di persone
    Vietnam e altri Paesi discutono circa le dighe sul fiume Mekong. Esperti: occorre sospendere i lavori per studiare ogni possibile effetto, a rischio il tenore di vita di milioni di persone. Ma Cina e altri Paesi hanno fame di elettricità a basso costo.

    12/01/2007 CINA – SUD EST ASIATICO
    Passerà per il Mekong il petrolio del Medio Oriente
    La Cina cerca una via alternativa allo Stretto di Malacca. Già in atto da mesi il trasporto fluviale dalla Thailandia allo Yunnan. Ma sono alti i rischi di un disastro ecologico, per un fiume che dà sostentamento a 60 milioni di persone.

    16/09/2014 CAMBOGIA - CINA
    Protestano contro una diga sino-cambogiana, Phnom Penh arresta 11 attivisti
    Essi avrebbero impedito a un gruppo di funzionari, fra cui tecnici cinesi, di visitare il sito in cui è prevista la costruzione del mega-impianto. La polizia nega l’arresto e parla di “invito” per interrogatorio. Nel fine settimana monaci e contadini hanno promosso uno sciopero della fame davanti all’ambasciata cinese, cacciati dalle autorità.

    13/03/2010 ASIA
    El Niño e sfruttamento industriale lasciano senz’acqua il Sud est asiatico
    Oltre 65 milioni di persone nella regione del Mekong patiscono la più grave siccità degli ultimi 30 anni. Bangkok: le dighe cinesi alla fonte del problema. A rischio le coltivazioni di riso e zucchero. In crisi anche le produzioni di olio di palma in Indonesia e Malaysia. Indigeni filippini costretti a cibarsi di erbe velenose.

    10/09/2014 CINA - LAOS - CAMBOGIA
    Pechino apre le dighe, massima allerta nel basso Mekong a rischio inondazione
    L’impianto di Jinghong ha una portata massima di 600 milioni di metri cubi e una potenza di 1.750 megawatt. Gli esperti di Laos, Thailandia e Cambogia monitorano con attenzione il livello del fiume. Alto il rischio di esondazioni. Ma il governo di Phnom Penh, fedele alleato di Pechino, nega la minaccia.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®